Zizania

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Zizania
WildRice23.jpg
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Divisione Magnoliophyta
Classe Liliopsida
Ordine Poales
Famiglia Poaceae
Sottofamiglia Ehrhartoideae
Tribù Oryzeae
Genere Zizania
L.

Il genere Zizania è relativo a piante erbacee acquatiche annuali appartenente alla famiglia botanica delle Poaceae o Graminacee.[1]

Al genere appartiene il riso selvatico che è un cereale simile al riso, ottenibile da alcune specie di Zizania che sono tipiche di zone selvatiche umide, in clima freddo o temperato, soprattutto in Nord America ed in Cina.

Il cereale ottenuto, è definito negli Stati Uniti ed in Canada come “wild rice”, “indian rice”, “water oats”.

Il genere Zizania è molto affine ad Oryza (il comune riso) con il quale condivide in buona parte il portamento della pianta e l'ambiente vitale, costituito da zone paludose o di sponde allagate di fiumi lentamente scorrenti. A differenza di Oryza, che è adatto a climi con temperature piuttosto elevate e relativamente costanti, il genere Zizania è adattato in genere a climi più freschi se non decisamente freddi.

Zizania palustris[modifica | modifica sorgente]

La specie più nota è Zizania palustris, o “riso selvatico del nord” (Northern wild rice), che è tipica delle zone dell'estremo nord degli Stati Uniti e delle regione centrali e meridionali del Canada, (Alberta, Saskatchewan e Manitoba); è il cereale simbolo del Minnesota (Stati Uniti). La coltivazione in modeste quantità e soprattutto la raccolta delle piante spontanee, praticato dai nativi americani, è attuale ancora oggi.

Zizania acquatica[modifica | modifica sorgente]

La Zizania acquatica è detta semplicemente “riso selvatico” (Wild rice) ed è tipico delle zone costiere atlantiche degli Stati Uniti e di alcune locazioni nel golfo del Messico.

Zizania texana[modifica | modifica sorgente]

La Zizania texana o riso selvatico del Texas, è una specie a rischio di estinzione, a causa della alterazione del suo ambiente naturale e per la scarsa capacità di diffusione del suo polline, è presente in una piccolissima area presso il fiume Marcos, in zona centrale del Texas (Usa).[2] [3]

Zizania latifolia[modifica | modifica sorgente]

La Zizania latifolia o riso selvatico della Manciuria, è un riso selvatico delle zone nord orientali della Manciuria. Il riso selvatico della Manciuria è quasi scomparso in natura, a causa della antropizzazione e della modifica del suo ambiente naturale. La pianta è stata incidentalmente introdotta in Nuova Zelanda dove si è diffusa in ambienti selvaggi e dove è considerata invasiva.[4]

Uso come cereale alimentare[modifica | modifica sorgente]

Raccolta del riso selvatico nel 1800

La specie che è comunemente raccolta come cereale è la Zizania palustris; i nativi americani ed anche i non-nativi raccolgono i semi dalle spighe delle piante spontanee nelle paludi o negli acquitrini e nelle anse di fiumi lentamente scorrenti,.

La raccolta è fatta direttamente con la canoa, stringendo gli steli a piccoli fasci e curvandoli entro il bordo della canoa; le spighe sono battute direttamente con un apposito bastone (la tradizione e le leggi tribali determinano la dimensione dei fasci, la dimensione ed il peso del bastone, (detto “bussatore”), ed altri comportamenti obbligati per assicurare la risemina delle piante che, si ripete, non sono coltivate), una parte dei semi sono fatti cadere fuoribordo per produrre una sorta di risemina.[5]

Il seme raccolto è relativamente più sottile ed allungato del comune riso, è di colore bruno.

Granella cruda di riso selvatico

Le glume che racchiudono la cariosside sono relativamente ben staccabili e quindi non sono necessarie particolari lavorazioni meccaniche per isolare il seme pulito, anche la “battuta” e molto delicata, (le spighe sono solo delicatamente sottoposte a scuotimento), dato che, trattandosi di una pianta che diffonde il proprio seme spontaneamente questo non è trattenuto fortemente all'interno della spiga. I semi che costituiscono il raccolto cadono all'interno della canoa.

La granella è venduta, come il grano o il riso, come seme secco, dato che non sono necessarie mondature o brillature; la granella è intera ed ha quindi ha un alto contenuto in proteine, particolarmente con lisina e fibre; è piuttosto basso il contenuto in grassi.

Come il riso non contiene glutine. È buona fonte di minerali, fosforo e potassio, e di vitamine: tiamina, riboflavina e niacina.

Riso selvatico cotto

Per le popolazioni del nord canadese, spesso alimentate con un eccesso di carni o pesce, il riso costituisce un prezioso apporto di vitamine e di carboidrati; la cottura è più prolungate di quella del riso (40-50 minuti), a meno che i semi vengano posto a mollo in acqua quattro - sei ore prima della cottura, in tal caso la cottura è di venti minuti.

Coltivazioni vere e proprie[modifica | modifica sorgente]

Modeste coltivazioni sono atto in Canada e negli Stati Uniti, al di fuori di questi paesi sono in atto iniziative di coltivazione in Ungheria ed in Australia, tentativi di coltivazione sono in atto nella regione acquitrinosa della Camargue francese, in risaie analoghe come apparato a quelle delle comuni risaie per il riso comune.

Uso come verdura[modifica | modifica sorgente]

I gambi rigonfi, bianchi e croccanti del riso della Manciuria sono usati come verdura comune in Asia sud orientale. L'ingrossamento degli steli avviene in seguito alla infezione del micelio di un fungo vegetale, (Ustilago esculenta) parassita. La infezione invade gli apparati fiorali e quindi la pianta infetta non può più riprodursi. Per gli usi agricoli quindi la pianta è moltiplicata per via vegetativa, in questo modo il fungo si trasmette dalla pianta “madre” alle piante “figlie”.

Tra i 120 ed 170 giorni dal trapianto il fusto si ingrossa e gli steli vanno raccolti, prima che il fungo raggiunga la fase riproduttiva, dopo di che il fusto diventa nerastro e si sbriciola.

Uso ornamentale[modifica | modifica sorgente]

Il riso selvatico è usato per la decorazione di laghetti e ruscelli, nei giardini.

Cultura[modifica | modifica sorgente]

Diverse culture dei nativi americani considerano il riso selvatico come semente sacra e dono di Dio. Il riso ha inoltre significato di simbolo della loro cultura, in particolare il raccolto ha profondo significato simbolico del loro legame con la natura che li circonda.[6]

Nella parabola della zizzania nei testi della Religione cristiana (Vangelo secondo Matteo 13,24-30 e nel Vangelo di Tommaso, il seme della Zizzania è considerata “cattiva semente” posta in alternativa con la semente buona. In realtà tale pianta sarebbe il loglio, le piante attribuite all'attuale genere zizania erano probabilmente sconosciute in Palestina.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Zizania in The Plant List. URL consultato il 19 maggio 2013.
  2. ^ Pollination Habits of Endangered Rice Revealed to Help Preservation Newswise, Retrieved on July 15, 2008.
  3. ^ Pollination Habits of Endangered Rice Revealed to Help Preservation Newswise, Retrieved on July 15, 2008.
  4. ^ NIWA: Stopping the freshwater wild rice invader
  5. ^ Minnesota statute 84.111, subd. 1.
  6. ^ Minnesota Public Radio: Wild rice at the center of a cultural dispute