Xunantunich

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Curly Brackets.svg
A questa voce o sezione va aggiunto il template sinottico {{Sito archeologico}}
Per favore, aggiungi e riempi opportunamente il template e poi rimuovi questo avviso.
Per le altre pagine a cui aggiungere questo template, vedi la relativa categoria.
Il tempio principale

Xunantunich (pronuncia shu-nan-tùnich) è un sito archeologico costruito dalla civiltà Maya situato in Belize, a 130 km da Belize City verso ovest, nel distretto di Cayo. Xunantunich si trova sopra una elevatura presso il fiume Mopan, in vista del confine con il Guatemala. Il nome dato al sito significa donna di pietra nella lingua Maya (combinazione di due termini dei dialetti Mopan e Yucateco); il nome originale antico è sconosciuto. La "donna di pietra" sarebbe il fantasma di una donna che diversi abitanti del posto credono abiti nel sito, sin dal 1892, vestita di bianco e con gli occhi di colore rosso fuoco. Compare di fronte al Castillo per salire le scale di pietra e scomparire attraverso un muro.

Molte delle strutture vennero costruite durante l'Età Classica dei Maya, tra il 200 e il 900. Alcune di esse vennero danneggiate da un terremoto, probabile causa dell'abbandono della zona. Il nucleo di Xunantunich si estende per circa 2,6 km quadrati, costituito da una serie di 6 plazas circondate da più di 26 templi e palazzi. Una delle strutture, la piramide conosciuta come El Castillo, è la seconda struttura più alta in Belize, dopo il tempio di El Caracol, misurando 40 metri in altezza. [1] Alcuni scavi archeologici hanno riportato alla luce diverse facciate ricoperte di fregi dei templi antichi. Diverse prove dimostrano che il tempio venne costruito in tre fasi diverse nei secoli VII, VIII, e IX. I fregi vennero scolpiti nell'ultima fase.

Le prime spedizioni moderne esplorative sul sito vennero condotte da Thomas Gann nel 1894 e nel 1895. Altri progetti e scavi sono stati condotti dal 1930 al 1990. Una delle stele meglio conservate è stata datata come costruita tra il 200 a.C. e il 150. [2]. Su di essa è rappresentata una figura Maya in posa rivolta verso sinistra.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Profilo sul sito archeologico Xunantunich, Belize
  2. ^ Hogan, C.M., Comparison of Mayan sites in southern and western Belize, Lumina Tech Inc. (2006), Santa Rosa, California.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Conquista spagnola delle Americhe Portale Conquista spagnola delle Americhe: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Conquista spagnola delle Americhe