San Bartolo (sito archeologico)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Template-info.svg

San Bartolo è un sito archeologico pre-colombiano della civiltà Maya situato nel dipartimento di Petén in northern Guatemala, situato a nord est di Tikal e a 50 miglia dall'insediamento moderno più vicino.[1] La fama di San Bartolo è dovuta alle pitture sui muri, influenzate dalla tradizione olmeca, e dai simboli di un tipo primitivo di scrittura maya.

Nel sito si trova una piramide alta 26 metri chiamata "Las Ventanas" (Le Finestre); il tempio di "Las Pinturas" (Le Pitture); una tomba reale nel "Complesso Tigrillo" (Complesso dell'Ocelot); e un altro complesso simile a quelli trovati a Uaxactún e Tikal. La piramide venne iniziata nel 300 a.C. e finita nel 50 d.C.

Scoperta e ricostruzione dei murali[modifica | modifica sorgente]

Nel 2001 alla base di una piramide, una squadra comandata da William Saturno, un ricercatore del Peabody Museum scoprì una stanza con muri dipinti.[2][3]Gli scavi iniziarono nel marzo 2003. Le pitture sono state datate al 100 a.C., le più antiche ritrovate nel mondo maya.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Harvard Gazette: Oldest Mayan mural found by Peabody researcher
  2. ^ Saturno 2003
  3. ^ Sito dell'Università Francisco Marroquín

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]