Un messaggio dagli spiriti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Un messaggio dagli spiriti
Titolo originale The Sittaford mistery
Autore Agatha Christie
1ª ed. originale 1931
Genere Romanzo
Sottogenere giallo
Lingua originale inglese

Un messaggio dagli spiriti è uno dei romanzi della famosa scrittrice Agatha Christie. È un romanzo in cui il mistero viene risolto non da Poirot o da Miss Marple, ma da investigatori dilettanti.

Trama[modifica | modifica sorgente]

In una casa isolata dalla neve alcune persone fanno passare il tempo facendo una seduta spiritica. Ad un certo punto uno spirito dice che il Capitano Trevelyan è stato assassinato. Le persone rimangono colpite dal messaggio venuto dagli spiriti, a tal punto che il Maggiore Burnaby decide di affrontare la tormenta di neve per verificare la salute dell'amico. Giunto alla casa del Capitano bussa e nessuno gli apre, va chiedere aiuto ed entrati in casa scoprono il cadavere di Trevelyan. Alla fine si scoprirà che l'assassino è proprio il Maggiore Burnaby, che dopo aver volutamente influenzato il risultato della seduta spiritica, con la scusa di controllare le condizioni di Trevelyan, va a casa sua e lo uccide.

Personaggi[modifica | modifica sorgente]

  • Joseph Trevelyan, capitano della Royal Navy a riposo
  • John Burnaby, maggiore a riposo e amico di Trevelyan
  • Signor Rycroft, studioso di ornitologia e di fenomeni psichici
  • Signor Duke, abitante di una delle villette
  • Capitano Wyatt, abitante di una delle villette
  • Caroline Percehouse, indomabile zitella
  • Ronald Garfield, nipote della signorina Percehouse
  • Signora Willet, affittuari di Sittaford House
  • Violet Willett, figlia della signora Willet
  • Jennifer Gardiner, sorella di Trevelyan
  • Sylvia Pearson, nipote di Trevelyan
  • Martin Dering, marito di Sylvia
  • James Pearson, nipote di Trevelyan
  • Emily Trefusis, fidanzata di James
  • Brian Pearson, nipote di Trevelyan
  • Robert Evans, ex marinaio e domestico di Trevelyan
  • Charles Enderby, giornalista
  • Narracott, ispettore di polizia

Edizioni[modifica | modifica sorgente]