The Following

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
The Following
The Following intertitle.png
Immagine tratta dalla sigla della serie televisiva
Titolo originale The Following
Paese Stati Uniti d'America
Anno 2013 – in produzione
Formato serie TV
Genere drammatico, thriller
Stagioni 2
Episodi 30
Durata 45 min (episodio)
Lingua originale inglese
Caratteristiche tecniche
Aspect ratio 16:9
Risoluzione 1080i
Colore colore
Audio Dolby Digital 5.1
Crediti
Ideatore Kevin Williamson
Interpreti e personaggi
Doppiatori e personaggi
Produttore esecutivo Kevin Williamson, Marcos Siega
Casa di produzione Outerbanks Entertainment, Warner Bros. Television
Prima visione
Prima TV Stati Uniti d'America
Dal 21 gennaio 2013
Al in corso
Rete televisiva Fox
Prima TV in italiano (gratuita)
Dal 17 ottobre 2013
Al in corso
Rete televisiva Italia 1
Prima TV in italiano (pay TV)
Dal 4 febbraio 2013
Al in corso
Rete televisiva Premium Crime
Sky Uno (st.1)
Fox Crime (st. 2+)

The Following è una serie televisiva statunitense trasmessa dal 21 gennaio 2013 sulla rete televisiva Fox.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Ryan Hardy, un ex agente dell'FBI esperto nell'elaborazione di profili psicologici, ritorna in attività quando il diabolico assassino seriale che aveva arrestato nove anni prima, Joe Carroll, evade dalla prigione nella quale era rinchiuso.

Prima e durante la prigionia, Carroll sfrutta i social media per alimentare una setta e una sorta di culto degli omicidi seriali che ha come filo conduttore i romanzi di Edgar Allan Poe.

Ryan Hardy, dopo aver individuato i suoi primi potenziali bersagli, l'ex moglie Claire Matthews e l'unica donna a essergli sopravvissuta, la dottoressa Sarah Fuller e affiancato dagli agenti Debra Parker e Mike Weston, si ritrova a guidare una task force per catturare i killer sparsi negli Stati Uniti, seguaci dell'assassino e inseriti in diversi rami della società.

Ognuno di loro deve seguire, secondo le istruzioni di Joe Carroll, una vittima in particolare e svolgere il suo compito in un preciso istante; ognuna di queste persone è chiamata follower.

Episodi[modifica | modifica sorgente]

Stagione Episodi Prima TV USA Prima TV Italia
Prima stagione 15 2013 2013
Seconda stagione 15 2014 2014

Personaggi e interpreti[modifica | modifica sorgente]

Principali[modifica | modifica sorgente]

  • Ryan Hardy (stagione 1-in corso), interpretato da Kevin Bacon e doppiato da Francesco Prando.
    È un ex-agente dell'FBI specializzato nell'elaborazione di profili psicologici che nel 2003 è riuscito a catturare il serial killer Joe Carroll. Crede che sulla sua famiglia e su di lui gravi una maledizione che fa morire tutte le persone a lui care avendo visto morire il padre durante una rapina a un piccolo supermarket da parte di tossicodipendente e il fratello pompiere morto durante gli attentati dell' 11 settembre. Alle volte sembra mostrare un lato oscuro e spietato come quando si vendica del tossico che aveva ucciso suo padre forzandolo, sotto la minaccia di sparargli, a drogarsi troppo per farlo morire di overdose o come quando uccide per vendicarsi uno dei seguaci di Joe responsabile di aver sepolto viva l'agente Debra Parker ed averne quindi causato la morte. Rimasto invalido dopo essere stato pugnalato al cuore da Carroll, vive grazie a un pacemaker. Hardy viene richiamato in servizio come consulente dopo l'evasione di Joe Carroll dal carcere. Hardy è anche autore di un libro sul caso di Joe Carroll dal titolo The Poetry of a Killer. All'inizio della serie appare come un uomo ritirato dal mondo che lo circonda, al confine con l'alcolismo, tormentato dal suo senso di colpa, perché non è riuscito a identificare Carroll come il serial killer dopo il loro primo incontro e così Carroll ha potuto uccidere altre cinque vittime prima che fosse catturato, tuttavia, più tardi nella serie Hardy inizia ad aprirsi ai suoi colleghi e, più tardi, a Claire Matthews, con cui aveva precedentemente instaurato una relazione. Nella seconda stagione vediamo Ryan in disintossicazione dall'alcol e professore universitario di criminologia, tuttavia segretamente ancora indaga sulla setta di Joe insieme a sua nipote Max. Viene nuovamente coinvolto nelle indagini dai seguaci di Carroll arrivando a scoprire così che Joe è ancora vivo.
  • Joe Carroll (stagione 1-in corso), interpretato da James Purefoy e doppiato da Massimo Rossi.
    È un professore di letteratura inglese della Winslow University e un romanziere in erba. Credendo, come il suo eroe Edgar Allan Poe, nella "follia d'arte", inizia la sua attività di spietato serial killer, uccidendo ed eviscerando 14 studentesse. Nonostante sia rinchiuso nel Virginia Central Penitentiary, Carroll riesce a creare un culto attorno a sé, arruolando vari seguaci disposti a uccidere, rapire e sacrificarsi per la sua causa. Muore, apparentemente, nell'ultimo episodio della prima stagione per colpa di un'esplosione innescata da Ryan per poi riapparire nella seconda stagione rivelando di essere sopravvissuto all'esplosione ed essere scappato per potersi nascondere. Entrerà nella nuova setta preparata da Lily, con cui passerà anche una notte di sesso, per poi abbandonarla nel momento peggiore. SI andrà quindi ad unire alla setta Korban, diventandone il profeta e capo assoluto dopo aver eliminato il precedente capo Micah e sua moglie Julia.
  • Claire Matthews (stagione 1 - in corso), interpretata da Natalie Zea e doppiata da Francesca Fiorentini.
    È l'ex moglie di Joe Carroll, con cui ha avuto un figlio, Joey Matthews, e anche lei, come il marito, è docente universitaria. Dopo l'arresto del marito ha avuto una relazione con Ryan Hardy. Nel finale della prima stagione la si crede morta per poi scoprire nella seconda che è ancora in vita. Lei e Ryan si lasciano definitivamente alla fine della seconda stagione poiché lei desidera il meglio per l'uomo ma rappresenta anche il suo passato.
  • Debra Parker (stagione 1), interpretata da Annie Parisse e doppiata da Laura Boccanera.
    È una specialista dell'FBI sul comportamento di culti e sette; si vede costretta, su malgrado, ad affiancare Ryan Hardy nelle indagini su Carroll e i suoi seguaci. I suoi genitori fanno parte di una setta che una volta gli costrinse quasi a seviziare Debra, cosa che ha molto segnato Debra e l'ha spinta ad intraprendere la carriera nell'FBI con specializzazione appunto in sette. Sarà Debra ad inventare il nome del culto fondato da Joe Carroll, il Carrollismo. Muore in uno degli ultimi episodi dopo essere stata sepolta viva dai seguaci di Joe causando molta rabbia e dolore sia in Ryan che in Mike.
  • Mike Weston (stagione 1-in corso), interpretato da Shawn Ashmore e doppiato da David Chevalier.
    Giovane agente dell'FBI, Weston ha scritto la sua tesi di laurea su Joe Carroll, e si è formato attraverso il lavoro di Ryan Hardy, che vede come un eroe. Egli è considerato l'esperto del team su Joe Carroll, e mostra una padronanza con i computer che usa per aiutare a monitorare Carroll e i suoi seguaci. Verrà torturato da Roderick e dagli altri seguaci di Joe per scoprire l'ubicazione del nascondiglio di Claire, entrata nel programma di protezione dell'FBI. Con l'avanzare della serie mostrerà un carattere sempre più cinico e disilluso simile a quello di Ryan arrivando ad aiutare quest'ultimo a torturare un seguace di Carroll pur di salvare Debra cosa che non avrebbe mai fatto all'inizio. Dopo l'esplosione al faro nell'ultimo episodio della prima stagione è lui ad eseguire il test del DNA sui resti ritrovati del serial killer e a dichiararlo morto non sapendo che quei resti provengono dal corpo di un fratello illegittimo e sconosciuto di Carroll e che sono stati sostituiti dai membri della setta del serial killer durante un'effrazione al deposito prove dell'FBI. Nella seconda stagione lo si vede alle volte in preda a momenti in cui diventa irriconoscibile sfoderando una violenza inaudita, come quando quasi uccide a botte Luke od uccide Lily Grey rea di aver ucciso suo padre. Nel finale della seconda stagione lo si vede baciarsi con Max Hardy nipote di Ryan.
  • Emma Hill/Denise Harris (stagione 1-2), interpretata da Valorie Curry e doppiata da Emanuela Damasio.
    È una delle seguaci di Joe Carroll. Emma Hill incontra Carroll nel 2003 e diventa una delle sue prime seguaci. Attraverso Joe, Emma conosce Jacob Wells di cui si innamorerà. Anni dopo, sotto la sua direzione, assume l'identità di Denise Harris e lavora come tata per l'ex moglie di Carroll, prendendosi cura del figlio di Carroll, Joey Matthews. In seguito diventa anche l'amante di Carroll, che dichiarerà di amare tanto quanto Jacob. Emma è una delle poche adepte di Joe ad essersi salvata evitando la cattura. Nella seconda stagione verrà avvicinata dalla nuova setta di Lily Gray, in particolare da Mark, che la vuole usare per avvicinare Joe. Fuggirà con quest'ultimo tradendo il resto della setta. Morirà alla fine della stagione uccisa da Claire.
  • Jacob Wells/Will Wilson (stagione 1), interpretato da Nico Tortorella e doppiato da Luigi Morville.
    È l'amante di Emma Hill e un altro dei seguaci di Carroll. Sotto l'identità di Will Wilson ha vissuto per anni accanto a Sarah Fuller (unica donna sopravvissuta a Carroll), assieme a Billy Thomas, come una coppia gay, secondo parte del piano di Carroll. Verrà ucciso da Emma che non voleva fuggire con lui abbandonando Joe.
  • Paul Torres/Billy Thomas (stagione 1), interpretato da Adan Canto e doppiato da Gianfranco Miranda.
    È un altro seguace di Carroll. Come Billy Thomas, ha vissuto con Will Wilson accanto a Sarah Fuller, interpretando un'amorevole coppia gay. Paul è geloso del rapporto tra Jacob e Emma. Ferito durante il sequestro di Joey Matthews chiederà a Jacob di essere ucciso per non venire catturato.
  • Joey Matthews (stagione 1), interpretato da Kyle Catlett e doppiato da Lorenzo D'Agata.
    È il figlio di Joe Carroll e Claire Matthews. Verrà rapito da Roderick al fine di poter avere una merce scambio sia con l'FBI e con Joe.
  • Lily Gray (stagione 2), interpretata da Connie Nielsen e doppiata da Roberta Pellini
    È una commerciante d'arte sopravvissuta ad una scia di omicidi. Si rivelerà essere membro e capo della "nuova" setta di Joe e figura materna per Luke e Mark. Tenterà di controllare Joe con cui passerà una notte di sesso ma quando Luke verrà catturato da Ryan e gli verrà richiesto di fare uno scambio con Joe, Lily drogherà quest'ultimo per andare allo scambio con un altro ostaggio. Quando Joe si risveglierà, le volterà le spalle scappando con Emma e lasciandola nei guai.Alla fine il piano per riavere suo figlio,fallisce e tenta di scappare insieme a suo figlio Mark,vedendo Luke catturato. Dopo qualche ora Lily,capisce che Joe l'ha tradita e perciò si arrabbia,cercando di vendicarsi delle persone che l'hanno ridotta così(Ryan,Mike e Joe). La vendetta verso Ryan fallisce,che ha tentato di uccidere Max,invece a Mike è andata peggio,mentre pensavano che fosse finita Ryan riceve un video che rivela che Lily è casa del padre di Mike,uccidendolo.
  • Max Hardy (stagione 2-in corso), interpretata da Jessica Stroup e doppiata da Stella Musy.
    Nipote di Ryan Hardy, è un agente della polizia di New York che lavora nella divisione di Intelligence. In segreto aiuta Ryan nelle sue personali indagini su ciò che rimane della setta di Carroll pur non condividendo molti dei modi di Ryan ed esortandolo a più riprese a condividere le sue informazioni con l'FBI. Nel finale della seconda stagione la si vede baciarsi con Mike Weston.
  • Luke e Mark (stagione 2-in corso), interpretati da Sam Underwood e doppiati da Davide Perino.
    Sono due gemelli, entrambi seguaci di Joe Carroll ed assassini spietati. Luke sembra essere quello più cinico e violento dei due mentre Mark sembra essere quello più sensibile e buono anche se affetto dalla fobia del contato con le altre persone. Mark inoltre sembra essere molto attratto da Emma. Luke verrà quasi ucciso da Mike durante una colluttazione per poi venire ucciso da Max durante una sparatoria.
  • Mandy Lang (stagione 2), interpretata da Tiffany Boone e doppiata Sara Labidi.
    Ammiratrice di Joe Carroll.

Ricorrenti[modifica | modifica sorgente]

  • U.S. Marshal Scott Turner (stagione 1 - in corso), interpretato da John Lafayette. Uno degli agenti incaricati di dare la caccia a Carroll.
  • Agente Troy Riley (stagione 1), interpretato da Billy Brown
  • Nick Donovan (stagione 1), interpretato da Mike Colter
  • Roderick (stagione 1), interpretato da Warren Kole. Apparentemente un insospettabile sceriffo di contea, Roderick è in realtà il primo seguace mai reclutato da Carroll ed il suo braccio destro oltre che colui che ne ha organizzato la setta. Tradirà Joe rapendo Joey quando scoprirà di essere stato semplicemente usato da Carroll. Secondo il suo piano Joe sarebbe dovuto essere creduto morto, cosa che avviene dopo l'esplosione al faro nell'ultimo episodio della prima stagione, e come conferma di ciò sarebbe dovuto essere sostituito il suo DNA sul luogo dell'incidente utilizzando quello di un fratello quasi sconosciuto di Joe.
  • Molly (stagione 1), interpreta da Jennifer Ferrin. Infermiera ed ex-ragazza di Ryan si scoprirà essere una seguace di Carroll, che gli ha affidato il compito di seguire Ryan, andandoci eventualmente anche a letto, al fine di procurarsi informazioni su di lui per poi ucciderlo. Molly è una serial killer identificata come angelo della morte, in quanto da infermiera ha ucciso addirittura più persone di Joe. Nell'ultima puntata della prima stagione pugnala a sorpresa Ryan e Claire.
  • Olivia Warren (stagione 1), interpreta da Renee Goldsberry
  • Charlie Mead (stagione 1), interpretato da Tom Lipinski
  • Gina Mendez (stagione 2), interpretata da Valerie Cruz. Agente dell'FBI a capo delle indagini sulla nuova setta di Joe Carroll.
  • Judy (stagione 2), interpretata da Carrie Preston. Ammiratrice di Joe Carroll e madre di Mandy. Cerca di curare Joe dal suo bisogno di uccidere.
  • Gisele (stagione 2), interpretata da Camille De Pazzis. Follower di Lily Gray, che lavora a stretto contatto con Luke e Mark, con il primo sembra avere una relazione sentimentale. Ama uccidere utilizzando una garrota.
  • Micah (stagione 2), interpretato da Jake Weber. Leader della setta di Korban. Affascinato da Joe al punto di chiedergli di uccidere sua mogli che invece non lo approvava, verrà ucciso da questi per poter prendere il suo posto.
  • Julia (stagione 2), interpretata da Jacinda Barrett. Moglie di Micah e seconda in commando a Korban. Uccisa da Joe dietro autorizzazione del marito.
  • Robert (stagione 2), interpretato da Shane McRae. Uno dei principali esponenti di Korban, che successivamente diventa seguace di Joe Carroll. Farà sesso con Emma.
  • Jana Murphy (stagione 2), interpreta da Leslie Bibb. Ex agente dell'FBI ed ex compagna di Gina Mendez, follower di Joe Carroll a cui passa informazioni dall'interno delle polizia. Pugnalerà Gina quando questa sospetterà un suo coinvolgimento con Carroll. Si ucciderà per non farsi catturare da Mike e Ryan.
  • Dr. Arthur Strauss (stagione 2), interpretato da Gregg Henry. Mentore di Joe Carroll a cui ha insegnato ad asportare chirurgicamente gli occhi alle vittime, verrà arrestato con un suo nuovo allievo mentre cerca di fare lo stesso a Carrie Cooke sotto gli occhi di Ryan.
  • Carrie Cooke (stagione 2- in corso), interpretata da Sprague Grayden. Reporter televisiva in cerca di scoop, che intreccia una relazione con Ryan Hardy. Verrà più volte minacciata da Carroll in modo da poter diffondere alla TV i suoi messaggi video.
  • Kingston Tanner (stagione 2), interpretato da Tom Cavanagh. Televangelista usato da Joe Carroll nel suo piano. Si uccide per evitare di far uccidere il figlio.
  • Preston Tanner (stagione 2), interpretato da Carter Jenkins. Figlio di Kingston Tanner. Viene sequestrato da Carroll per manipolare il padre. Viene ucciso da Joe.

Produzione[modifica | modifica sorgente]

Concezione[modifica | modifica sorgente]

Kevin Williamson,
ideatore della serie

La Fox diede il via libera al progetto ideato da Kevin Williamson il 26 settembre 2011[1], commissionando la scrittura della sceneggiatura di un episodio pilota per quella che venne descritta come una nuova serie thriller che tiene col fiato sospeso, incentrata su un serial killer che alimenta attraverso internet un culto verso gli omicidi seriali e un agente dell'FBI che si ritrova sulla sua strada[1][2]. Precedentemente Williamson era già stato autore di diversi film celebri con protagonisti assassini seriali, tra cui So cosa hai fatto e la saga di Scream[1]. Dopo aver visionato una prima versione della sceneggiatura, il 9 gennaio 2012 la rete statunitense confermò la produzione del pilot[2], la cui regia venne affidata a Marcos Siega il successivo 20 gennaio[3]. Siega aveva già diretto anche l'episodio pilota di The Vampire Diaries, anch'esso scritto da Williamson[3].

Williamson, che per scrivere opere con protagonisti serial killer trasse ispirazione dagli omicidi compiuti da Danny Rolling, in un'intervista spiegò di aver utilizzato materiale che era stato eliminato dalla prima versione della sceneggiatura di Scream 3, che originariamente vedeva gli omicidi compiuti da un fan club di ragazzi dedito a ripetere le gesta viste nei film della saga Stab[4].

Casting[modifica | modifica sorgente]

Il 1º febbraio 2012 venne annunciato il primo membro ad entrare a far parte del cast, Kevin Bacon, che fino ad allora aveva rifiutato di impegnarsi in ruoli da protagonista nelle serie televisive[5]. Bacon interpreta il personaggio di Ryan Hardy, l'ex profiler dell'FBI che dà la caccia al serial killer; l'attore si accordò con i produttori per recitare in un numero di episodi minore rispetto a quello che normalmente compone una stagione televisiva, in modo da poter continuare a lavorare anche in altri progetti cinematografici[5]. In un'intervista presentò il suo personaggio come un eroe dalla personalità problematica, circondato dalla morte, che contrappone al successo professionale una complicata vita privata[6].

L'8 febbraio fu ingaggiato James Purefoy, per il ruolo dell'assassino seriale protagonista, Joe Carroll[7]. Nelle settimane successive furono ingaggiati anche Shawn Ashmore, per il ruolo di uno degli agenti che insegue il serial killer[8]; Valorie Curry, interprete di Denise, giovane tata che si prende cura del figlio di Carroll[8]; Jeananne Goossen, per il ruolo di Jennifer Mason, agente dell'FBI che affianca Ryan Hardy nelle indagini[9]; Nico Tortorella, interprete di un amico di una delle ultime vittime dell'assassino[10]; e Natalie Zea, per il ruolo di Claire Matthews, ex moglie di Carroll[11]. Il 21 marzo venne ingaggiata Maggie Grace, interprete di Sarah Fuller, unica vittima ad essere sopravvissuta all'aggressione del killer[12]; mentre il 5 marzo era stato ingaggiato anche Adan Canto, per il ruolo di Billy, amico di Sarah[13]. Dopo le riprese del pilot, Jeananne Goossen abbandonò il cast e il suo personaggio attraversò una fase di riscrittura, per poi venire sostituito da Debra Parker, per la quale il 3 agosto venne ingaggiata Annie Parisse[14].

Riprese[modifica | modifica sorgente]

Le riprese dell'episodio pilota si sono svolte nel mese di marzo 2012 nella città di Atlanta, in Georgia[15][16].

Programmazione[modifica | modifica sorgente]

Dopo aver visionato il pilot, il 9 maggio 2012 la FOX approvò la produzione di una prima stagione completa[17], trasmessa in midseason dal 21 gennaio 2013[18]. Inoltre, il 4 marzo 2013, la rete rinnovò la serie per una seconda stagione composta, come la prima, da quindici episodi[19]. Il 7 marzo 2014 la FOX annuncia che rinnoverà la serie per una terza stagione[20].

Accoglienza[modifica | modifica sorgente]

Ascolti[modifica | modifica sorgente]

La première dell'episodio pilota, negli Stati Uniti, fu seguita da circa 10.420.000 telespettatori, registrando un rating del 3,2% nella fascia di riferimento 18-49 anni[21].

Critica[modifica | modifica sorgente]

The Following fu accolta da recensioni miste. Secondo Variety si tratta di una serie sapientemente realizzata, la cui trama è imprevedibile, ricca di tensione e colpi di scena[22]. USA Today la presentò come una delle serie più violente e spaventose mai prodotte per una rete televisiva commerciale; secondo il quotidiano statunitense la serie, ben narrata e recitata, è incentrata come altri crime drama su una battaglia tra bene e male, dove il bene è rappresentato come incerto e segnato dal passato e il male come intelligente e profondamente depravato[23]. Il New York Daily News giudicò il pilot intenso e di alta qualità[24]. Per il San Francisco Chronicle, invece, la serie è ricca di cliché e la violenza è fin troppo gratuita, elemento senza il quale sarebbe potuta essere un buon thriller psicologico[25]. Dello stesso avviso fu il Boston Globe, secondo cui la violenza non è dosata nel modo giusto per creare lo stesso effetto che è valso la fama di serie come Dexter o Boardwalk Empire[26]. Anche secondo il The Hollywood Reporter i produttori hanno fallito nell'intento di imitare la qualità offerta da molti programmi della televisione via cavo[27].

Controversie[modifica | modifica sorgente]

La serie debuttò nel mese seguente il massacro alla Sandy Hook Elementary School, che generò un dibattito, oltre che sulla proliferazione delle armi negli Stati Uniti, anche sul livello di violenza rappresentato nel mondo dell'intrattenimento. Alla Fox furono quindi mosse delle critiche sia riguardo alla scelta di produrre una serie tanto violenta, sia sulla decisione di mandarla in onda in prima serata e di non posticipare la data di debutto[28][29]. Kevin Reilly, presidente del settore intrattenimento per la Fox Broadcasting Company, ammise che le tempistiche non furono ideali, tuttavia respinse ogni critica. Reilly si difese affermando che se quanto accaduto a Newtown non si fosse verificato, nessuno si sarebbe lamentato, e ricordando come diverse altre serie violente e macabre siano tra le più seguite e apprezzate dalla critica[28].

Promozione[modifica | modifica sorgente]

Il 14 maggio 2012 venne diffuso il primo trailer ufficiale[30]. Il 14 luglio 2012 la serie fu presentata ai visitatori del San Diego Comic-Con International[31], dove tre giorni prima era stato proiettato in anteprima l'episodio pilota, destando reazioni positive nel pubblico[32].

Trasmissione internazionale[modifica | modifica sorgente]

In Canada la serie va in onda in contemporanea con gli Stati Uniti, dal 21 gennaio 2013 su Citytv[33]. Nel Regno Unito è trasmessa dal giorno seguente su Sky Atlantic, della piattaforma pay British Sky Broadcasting[34]. In Turchia va in onda dal 23 gennaio 2013 su Dizimax Vice HD[35]; in Spagna dal seguente 29 gennaio su TNT[36]. In Italia la serie è trasmessa su Premium Crime canale della piattaforma Mediaset Premium, e da Sky Uno dal 4 febbraio 2013[37][38]. In chiaro è trasmessa dal 17 ottobre 2013 su Italia 1.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c (EN) Nellie Andreeva, Serial Killer Drama From Kevin Williamson Lands At Fox With Put Pilot Commitment in Deadline, 26 settembre 2011. URL consultato il 10 maggio 2012.
  2. ^ a b (EN) Cynthia Littleton, Fox loading up on pilot orders in Variety, 9 gennaio 2012. URL consultato il 10 maggio 2012.
  3. ^ a b (EN) Nellie Andreeva, Marcos Siega & Bill D’Elia To Direct Pilots in Deadline, 20 gennaio 2012. URL consultato il 10 maggio 2012.
  4. ^ (EN) Jarett Wieselman, How 'Scream 3' Became 'The Following' in ETonline, 17 gennaio 2013. URL consultato il 22 gennaio 2013.
  5. ^ a b (EN) Nellie Andreeva, Kevin Bacon To Star In Kevin Williamson’s Serial Killer Fox Pilot in Deadline, 1º febbraio 2012. URL consultato il 10 maggio 2012.
  6. ^ (EN) The Following: Why Serial Killers Brought Kevin Bacon to TV - Comic-Con 2012 in IGN, 14 luglio 2012. URL consultato il 15 luglio 2012.
  7. ^ (EN) Nellie Andreeva, James Purefoy To Star Opposite Kevin Bacon In Fox’s Kevin Williamson Pilot in Deadline, 8 febbraio 2012. URL consultato il 10 maggio 2012.
  8. ^ a b (EN) Nellie Andreeva, TV Castings: 2 Board Kevin Williamson Pilot; ‘Living Loaded’ & ‘Political Animals’ Add 2 in Deadline, 13 febbraio 2012. URL consultato il 10 maggio 2012.
  9. ^ (EN) Nellie Andreeva, Trio Of Actresses Cast In Broadcast Pilots in Deadline, 27 febbraio 2012. URL consultato il 10 maggio 2012.
  10. ^ (EN) Nellie Andreeva, Quintet Of Actors Cast In Broadcast Pilots in Deadline, 28 febbraio 2012. URL consultato il 10 maggio 2012.
  11. ^ (EN) Nellie Andreeva, Natalie Zea Cast In Kevin Williamson’s Fox Pilot, Robert Wisdom Joins ABC’s ‘Nashville’ in Deadline, 29 febbraio 2012. URL consultato il 10 maggio 2012.
  12. ^ (EN) James Hibberd, 'Lost' actress joins Kevin Williamson's serial killer pilot -- EXCLUSIVE in Entertainment Weekly, 21 marzo 2012. URL consultato il 10 maggio 2012.
  13. ^ (EN) Nellie Andreeva, Anthony Anderson To Star In Jimmy Fallon’s NBC Pilot, Kevin Williamson’s Drama Pilot Adds Mexican Actor in Deadline, 5 marzo 2012. URL consultato il 10 maggio 2012.
  14. ^ (EN) Nellie Andreeva, Annie Parisse Lands Regular Role On Kevin Bacon Fox Drama ‘The Following’ in Deadline, 3 agosto 2012. URL consultato il 3 agosto 2012.
  15. ^ (EN) Friday, March 16: Filming Locations in Louisiana, Los Angeles, & New York including Now You See Me, 90210, & Kill Your Darlings in On Location Vacations, 16 marzo 2012. URL consultato il 10 maggio 2012.
  16. ^ (EN) Friday, March 23: Filming Locations in California, Georgia, New York & more including Rizzoli & Isles, Trouble With The Curve, & SVU in On Location Vacations, 23 marzo 2012. URL consultato il 10 maggio 2012.
  17. ^ (EN) Lacey Rose, Lesley Goldberg, Fox Gives Drama Series Orders to Kevin Williamson-Kevin Bacon Thriller, 'Mob Doctor' in The Hollywood Reporter, 9 maggio 2012. URL consultato il 10 maggio 2012.
  18. ^ (EN) Lacey Rose, Fox Sets Premiere Dates for 'American Idol,' 'Touch' and' 'The Following' in The Hollywood Reporter, 24 ottobre 2012. URL consultato il 24 ottobre 2012.
  19. ^ (EN) Matt Webb Mitovich, Fox Renews The Following, New Girl, Two Others in TVLine, 4 marzo 2013. URL consultato il 5 marzo 2013.
  20. ^ The Following: FOX rinnova lo show per una terza stagione
  21. ^ (EN) Sara Bibel, Monday Final Ratings: 'Hawaii Five-0' Adjusted Up in TV by the Numbers, 23 gennaio 2013. URL consultato il 5 marzo 2013.
  22. ^ (EN) Brian Lowry, The Following in Variety, 15 gennaio 2013. URL consultato il 21 gennaio 2013.
  23. ^ (EN) Robert Bianco, Warped 'Following' will chill you to the bone in USA Today, 20 gennaio 2.013. URL consultato il 21 gennaio 2013.
  24. ^ (EN) David Hinckley, TV review: ‘The Following’ in New York Daily News, 21 gennaio 2013. URL consultato il 21 gennaio 2013.
  25. ^ (EN) David Wiegand, 'The Following' review: Gratuitous gore in San Francisco Chronicle, 14 gennaio 2013. URL consultato il 21 gennaio 2013.
  26. ^ (EN) Matthew Gilbert, ‘The Following’ is dark but not so deep in Boston Globe, 21 gennaio 2013. URL consultato il 21 gennaio 2013.
  27. ^ (EN) Tim Goodman, The Following: TV Review in The Hollywood Reporter, 8 gennaio 2013. URL consultato il 21 gennaio 2013.
  28. ^ a b (EN) Bill Carter, Real-World Killings Pressure TV Fiction in The New York Times, 13 gennaio 2013. URL consultato il 21 gennaio 2013.
  29. ^ (EN) Alison Willmore, Why Do We Enjoy On-Screen Violence? Newtown Casts a Shadow Over TCA in Indiewire, 8 gennaio 2013. URL consultato il 21 gennaio 2013.
  30. ^ (EN) Lesley Goldberg, First Look: Watch Trailers for All of Fox's New Series (Video) in The Hollywood Reporter, 14 maggio 2012. URL consultato il 12 luglio 2012.
  31. ^ (EN) Michael Ausiello, UPDATED: Comic-Con 2012: Spartacus, Bones, Sons of Anarchy Among Announced Panels in TVLine, 7 giugno 2012. URL consultato il 14 giugno 2012.
  32. ^ (EN) James Hibberd, Comic-Con reviews Fox's 'The Following': Fans say... in Entertainment Weekly, 12 luglio 2012. URL consultato il 12 luglio 2012.
  33. ^ (EN) Etan Vlessing, Canada's Citytv Picks Up Warner Bros.' 'Mike & Molly' in The Hollywood Reporter, 16 novembre 2012. URL consultato il 3 dicembre 2012.
  34. ^ (EN) Jane Mulkerrins, Kevin Bacon: this much I know in The Guardian, 19 gennaio 2013. URL consultato il 21 gennaio 2013.
  35. ^ (TR) Saatler Sonra İzleyici Karşısında in haberler.com, 28 dicembre 2012. URL consultato il 21 gennaio 2013.
  36. ^ (ES) Natalia Marcos, Las series que nos esperan in El País, 6 gennaio 2013. URL consultato il 21 gennaio 2013.
  37. ^ The Following in Italia dal 4 febbraio in Badtv, 3 dicembre 2012. URL consultato il 3 dicembre 2012.
  38. ^ Matteo Sacchi, La fiction si rinnova Le indagini ora si fanno su Twitter in il Giornale, 10 gennaio 2013. URL consultato l'11 gennaio 2013.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione