Scream 3

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Scream 3
Scream3 gip.jpg
Ghostface, l'assassino in uno screenshot del film
Titolo originale Scream 3
Paese di produzione USA
Anno 2000
Durata 112 min
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 2,35:1
Genere orrore, thriller
Regia Wes Craven
Sceneggiatura Ehren Kruger
Produttore Cathy Konrad, Kevin Williamson, Marianne Maddalena
Produttore esecutivo Bob Weinstein, Harvey Weinstein, Cary Granat, Andrew Rona
Casa di produzione Konrad Pictures, Craven/Maddalena Films
Distribuzione (Italia) Hollywood Pictures
Fotografia Peter Deming
Montaggio Patrick Lussier
Musiche Marco Beltrami
Scenografia Bruce Alan Miller
Costumi Abigail Murray
Trucco Lesa Nielson
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Scream 3 è un film del 2000 diretto da Wes Craven, terzo capitolo dell'omonima serie cinematografica horror.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Cotton Weary è il protagonista del suo nuovo show "100% Cotton" e vive ad Hollywood insieme alla fidanzata Christine. Si trova in macchina quando il telefono squilla: qualcuno è a casa sua e minaccia di uccidere la sua ragazza se non gli dirà dov'è Sidney Prescott. Intanto Christine, dopo essersi fatta una doccia, sente la voce di Cotton: subito dopo vede il killer correre verso di lei. Dopo aver tentato di sfondare la porta dietro la quale la ragazza si era nascosta, l'assassino sparisce. Cotton rientra a casa cercando di rassicurare Christine ma lei, credendo sia lui il killer, lo colpisce alla testa con una mazza da golf. Il killer riappare di scena e pugnala la ragazza alle spalle, uccidendola. Dopo uno scontro con il killer, anche Cotton viene ucciso.

Intanto Sidney si trova con suo padre in una casa isolata, in montagna, confinata e senza poter uscire per paura di essere uccisa dal maniaco che la perseguita da anni. Gale Weathers durante una conferenza stampa, incontra il detective Kincaid che le fa vedere una foto di Maureen Prescott da ragazza, lasciata dall'assassino sul corpo di Cotton; il detective le chiede aiuto per le indagini in quanto la giornalista è personalmente coinvolta nella strage di Woodsboro e negli omicidi del Windsor college. Gale, quindi, si dirige nel set di "Squartati 3" dove litiga con Jennifer (l'attrice che la interpreta nel film che ora corteggia Linus) e con Linus stesso che ora lavora sul set come consulente; la giornalista viene cacciata dal set.

Intanto la notte, Sidney ha un sogno premonitore con la madre e con Ghostface. Il giorno dopo, l'assassino penetra negli studi Sunrise (in cui viene girato il film Squartati 3) e uccide brutalmente e senza pietà una delle attrici del film, Sarah Darling. Jennifer è disperata perché l'assassino uccide nell'ordine in cui loro muoiono nel film e la prossima è lei. Intanto il regista dell'ultimo film Squartati, Roman Bridger, decide di dare una festa per farli risollevare da ciò che è accaduto. La sera, il killer telefona a Sidney, svelando in questo modo di aver capito dove si nasconde e lasciandole intendere che ucciderà tutto il cast del film per arrivare a lei; si presenta alla festa di addio al film chiuso in cui c'è Linus, Tom (Linus nel film), Angelina (Sidney nel film) e Gale Weathers.

Qui il killer uccide la guardia del corpo di Jennifer e fa saltare in aria la casa. Tutti sopravvivono tranne Tom. Ghostface aggredisce Gale e lascia un'altra foto. Linus e Gale si dirigono da Kincaid che vuole parlare con Sidney che intanto è arrivata lì nell'ufficio. Quando la ragazza vede le foto della madre, vuole vedere dove sono state scattate le foto. I quattro si dirigono fuori gli studi della "Sunrise", studi di pubblicazione di "Squartati 3". Qui incontrano la sorella di Randy, Martha che fa vedere loro la cassetta registrata da Randy, una sorta di "eredità" in cui spiega le regole della trilogia e come uccidere il killer.

Successivamente Gale e Jennifer si dirigono negli studi della "Sunrise" dove scoprono che Maureen era un'attrice ed il produttore era Milton (lo stesso di "Squartati 3" e regista del primo "Squartati"). Sidney incontra Angelina e poi si dirige sul set del film dove viene aggredita dal killer. Kincaid porta con sé Sidney, mentre Gale, Jennifer e Linus interrogano Milton e poi vanno alla festa di Roman. Qui ci sono Angelina e Tyson. L'assassino arriva, accoltellando Angelina, lanciando dalla finestra Tyson e pugnalando Jennifer. Gli unici sopravvissuti sono Gale e Linus.

Infine il killer li cattura, imbavagliandoli e legandoli; poi chiama Sid, minacciando di uccidere i suoi amici se lei non fosse andata subito lì. Sidney arriva e cerca di liberare Linus e Gale, ma viene aggredita dal killer. Riesce a sparargli ma non ad ucciderlo, perché esso aveva il giubbotto antiproiettile; il killer sparisce e quasi subito arriva il detective Kincaid, dicendo di essere lì per fare un controllo. Sid sembra sospettare anche del poliziotto, finché non riappare improvvisamente l'assassino che aggredisce l'uomo e lo ferisce. Sidney scappa in una stanza segreta dove viene intrappolata dall'assassino che le mostra alcuni filmati della madre: l'assassino non è altri che Roman Bridger, il regista, ma anche fratellastro di Sidney, nato da una relazione della loro madre Maureen con il produttore Milton, che la violentò. Si scopre che Maureen, dopo essersi trasferita a Woodsboro aveva rinnegato Roman, non riconoscendolo come suo figlio, così quest'ultimo per vendicarsi aveva mostrato a Billy Loomis le prove di una relazione tra Maureen e suo padre, fornendogli così un pretesto per ucciderla: dietro tutto questo c'è sempre stato lui.

Dopo, Roman uccide Milton, accusandolo di aver permesso che a sua madre venisse rovinata la vita e cercando di far cadere su Sidney la responsabilità. Sidney e Roman lottano, finché quest'ultimo non le spara, credendo di averla finita, in realtà Sid aveva un giubbotto antiproiettile che le ha salvato la vita e ferisce Roman con un punteruolo; Linus, arrivato con Gale in soccorso di Sidney, finisce il ragazzo con un colpo di pistola sulla fronte. Finalmente l'incubo è finito per Sidney, la quale non è più schiava del suo terrore e della costante paranoia di essere uccisa dallo psicopatico; il film si conclude con la proposta di matrimonio di Linus a Gale. Quando la nuova coppia, Sid e il detective Kincaid vuole guardare un film, la porta si apre misteriosamente. Sidney, però non si infastidisce e si aggrega al trio in un'altra stanza lasciando la porta aperta. Forse è riuscita a superare per sempre lo shock.

Le nuove regole[modifica | modifica sorgente]

"Eccovi delle Super regole per le trilogie" che Sydney apprende visionando una videocassetta postuma di Randy (che è stato ucciso nel secondo film quando frequentavano il Windsor college):

  • il Killer è immortale, non servirebbe sparargli e neanche pugnalarlo
  • chiunque, anche il personaggio principale, può morire;
  • il passato tornerà con i suoi spettri.

Home Video[modifica | modifica sorgente]

La versione in Home Video è uscita nel 2001 e il DVD è stato distribuito dalla Hollywood Pictures e contiene:

  • Versione del film in Inglese e Italiano 5.1 con sottotitoli Inglesi, Inglesi per i non udenti e Italiani
  • 29 scene
  • Fuori scena
  • Dietro le quinte dei film della saga
  • Scene tagliate
  • Un finale diverso
  • Trailer cinematografico originale inglese
  • Trailer internazionale originale inglese con i sottotitoli italiani
  • Trailer della colonna sonora SCR3AM
  • Commenti audio del regista e del produttore
  • Biografia cast artistico e tecnico

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

  • Nell'accettare di dirigere Scream, Wes Craven ha ipotecato subito la regia dei capitoli seguenti, per evitare il fiorire di sequel spuri (ben cinque) come accaduto per Nightmare.
  • Sull'etichetta della videocassetta su cui Randy registra il filmato ritrovato poi dalla sorella c'è scritto Scary Movie, perché questo era originariamente il titolo che Scream avrebbe dovuto avere, "rubato" poi dalla celebre parodia.
  • Come nel film anche nella realtà Courtney Cox si è sposata con David Arquette infatti alla fine del film si vede il cognome preso dal marito.
  • Nel film appaiono in un cameo i personaggi di Jay (Jason Mewes) e Silent Bob (Kevin Smith) nel momento in cui Gale Weathers viene cacciata dal set.
  • Il personaggio di Bianca (Carrie Fisher), cita la principessa Leila (la Fisher stessa) dicendo che il personaggio lo avrebbe dovuto fare lei e non "quella che stava con il regista" (citazione del film Guerre stellari)
  • All'inizio di Scream 3, Gale Weathers arriva sul set di Squartati 3 e apostrofa l'attrice che la interpreta dicendo: "Mi dispiace che non abbia funzionato con Brad Pitt"; il personaggio di quest'ultima si chiama Jennifer Jolie, e se 'Jennifer' era un voluto riferimento a Jennifer Aniston, allora fidanzata di Brad Pitt (era il 2000, e i due si sarebbero sposati nel 2002), è quantomeno curioso che il cognome scelto sia stato 'Jolie', ovvero quello della sua futura compagna Angelina Jolie, che all'epoca non aveva neanche mai incontrato. Inoltre c'è anche un personaggio chiamato 'Angelina', non proprio un nome comune: è l'interprete di Sidney, protagonista di Squartati 3.
  • Come nei 2 precedenti episodi, il film si apre con l'uccisione di 2 fidanzati, Cotton e Christine (mentre nel primo morivano Casey e Steve e nel secondo Maureen e Phil).
  • Si nota quasi un'"evoluzione" della saga col passare degli anni, soprattutto di chi sopravvive (Sydney in primis). Infatti nel primo film i protagonisti vanno al liceo, nel secondo il contesto è un College, in questo il mondo del cinema.
  • Il killer mascherato, Ghostface, usa sempre un simulatore vocale, in originale la voce è di Roger L. Jackson e nella versione italiana di Carlo Valli, l'uso della stessa voce in tutti e tre i film dà la sensazione di essere di fronte allo stesso assassino nonostante siano poi sempre persone diverse.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema