Rob Schneider

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Rob Schneider nel 2001

Robert Michael Schneider detto Rob (San Francisco, 31 ottobre 1963) è un attore, regista e sceneggiatore statunitense.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nato a San Francisco da padre statunitense di origini tedesco-ebraiche e da madre statunitense di origini filippine, Rob iniziò ad esibirsi come cabarettista dopo il conseguimento del diploma, fino a quando nel 1987 vinse un premio indirizzato verso i nuovi comici che gli offrì la possibilità di esordire in televisione nel Saturday Night Live, programma comico di punta del network NBC.

Dopo diverse apparizioni nei contenitori televisivi statunitensi, esordì al cinema con Balle spaziali 2 - La vendetta (Martians Go Home) diretto da David Odell.

Rob è noto per la sua parte in Mamma, ho riperso l'aereo - Mi sono smarrito a New York, al fianco di Macaulay Culkin, nella quale interpreta un fattorino rompiscatole del Plaza Hotel di New York. L'anno successivo ha partecipato al film d'azione Dredd - La legge sono io, interpretando un criminale appena uscito di prigione con un ruolo secondario.

La sua carriera cinematografica è incentrata sul genere parodistico, basata su una comicità greve, che lo espone a diverse critiche negative.

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

Doppiatori italiani[modifica | modifica sorgente]

  • Simone Mori in Animal, Il giro del mondo in 80 giorni, Gli scaldapanchina, Un weekend da bamboccioni
  • Massimo Rossi in Gigolò per sbaglio, Hot Chick - Una bionda esplosiva, Deuce Bigalow - Puttano in saldo, Cocco di nonna
  • Marco Mete in Dredd - La legge sono io, Big Daddy - Un papà speciale
  • Massimo Lodolo in Hong Kong colpo su colpo
  • Riccardo Rossi in Mamma, ho riperso l'aereo - Mi sono smarrito a New York
  • Teo Bellia in A Beverly Hills... signori si diventa
  • Antonio Sanna ne I Muppets venuti dallo spazio
  • Luigi Ferraro in Io vi dichiaro marito e... marito
  • Mino Caprio in Zohan - Tutte le donne vengono al pettine
  • Paolo Marchese in Racconti incantati

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 85869141 LCCN: no95059267