Le straordinarie avventure di Pinocchio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Le straordinarie avventure di Pinocchio
LSADP.png
Pinocchio in una scena del film
Titolo originale The Adventures of Pinocchio
Lingua originale Inglese
Paese di produzione Stati Uniti d'America
Anno 1996
Durata 96 minuti
Colore colore
Audio sonoro
Genere fantasy
Regia Steve Barron
Soggetto Carlo Collodi
Sceneggiatura Sherry Mills, Steve Barron, Tom Benedek, Barry Berman
Produttore Heinz Bibo, Samuel Hadida, Raju Patel, Jeffrey M. Sneller
Produttore esecutivo Donald Kushner, Peter Locke, Sharad Patel
Casa di produzione New Line Cinema, Savoy Pictures
Fotografia Juan Ruiz Anchia
Musiche David Goldsmith, Lee Holdridge, Rachel Portman, Craig Taubman
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani
« I miracoli non crescono sugli alberi, Pinocchio! I miracoli avvengono nel cuore. »
(Grillo Parlante)

Le straordinarie avventure di Pinocchio (The Adventures of Pinocchio) è un film del 1996 diretto da Steve Barron, basato sul romanzo di Pinocchio.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Nella Toscana del 1860, nel neonato Regno d'Italia, un giovane falegname di nome Geppetto è innamorato di una giovane commessa chiamata Leona, e per lei incide sul tronco di un albero un cuore con le iniziali "G+L". Per questo forte amore, l'albero viene incantato dalla magia. Passano gli anni, con l'espansione da tempo del Regno d'Italia, e Geppetto, vecchio ma abile costruttore di marionette, vive da solo con il suo gatto ed un giorno, mentre cerca legna nel bosco, vede un pezzo di legno staccarsi proprio dall'albero con l'incisione del cuore; Geppetto decide di portare quel ciocco di legno a casa, in paese, per farne una marionetta. La sua creazione ha degli occhi molto belli e poiché viene dal legno di pino decide di chiamarlo "Pinocchio". Pinocchio prende magicamente vita per l'albero fatato e, incuriosito dal mondo, fugge da casa inseguito dal povero falegname, finché non viene fermato da Leona che regala a Pinocchio un vestito per coprirlo e bloccarlo fino a che non lo riprende Geppetto. Due briganti mercenari da strapazzo, Volpo e Felinetta, umani nonostante i nomi, notando la straordinaria creatura di legno di Geppetto, informano il loro capo, il malvagio burattinaio-prestigiatore Mangiafuoco Lorenzini, che interessato si reca da Geppetto per acquistare alcuni burattini ma Geppetto rifiuta fermamente di vendere Pinocchio. Pinocchio, per colpa di Lorenzini, fugge nuovamente e si rifugia in una scuola elementare dove incontra uno scolaro, Lucignolo, e dove, a causa delle sue bugie, gli si allunga il naso in modo spropositato danneggiando l'aula. Quando Pinocchio ammette la sua colpa e dice la verità, il naso ritorna normale, ma il Maestro lo caccia dalla scuola perché Pinocchio gli starnutisce addosso della polvere di gesso. In seguito Pinocchio si intrufola in una pasticceria e ne combina di tutti i colori, per cui Geppetto viene ingiustamente arrestato, mentre Pinocchio torna a casa dispiaciuto. In casa, Pinocchio incontra un Grillo Parlante chiamato "Pepe"(forse abitava il pino magico di Pinocchio), che entra e gli promette di aiutarlo a diventare un vero ragazzo a patto che si comporti bene. Pinocchio accetta, ma la polizia irrompe nella casa e porta Pinocchio davanti al giudice insieme a Geppetto. La multa per il danno combinato da Pinocchio è molto salata, per cui Geppetto deve espiare la pena in prigione. Lorenzini propone di pagare la multa, ma solo se in cambio avrà Pinocchio. Geppetto è riluttante, ma acconsente auspicando per Pinocchio una vita migliore, facendogli visitare il mondo esterno da cui è interessato molto. Pinocchio dunque passa a Lorenzini che lo inserisce nei suoi prestigiosi spettacoli di marionette. Per l'aumento degli incassi dovuti a Pinocchio, Lorenzini lo premia regalandogli quattro lire d'oro. Pepe però avverte Pinocchio che Lorenzini non gli vuole bene, ma lo tiene soltanto per il denaro che gli fa incassare. Pinocchio pertanto decide di fuggire e porta con sé due belle marionette di Geppetto per salvarle dal fuoco nel quale sarebbero dovute finire, ma causando nel contempo un incendio al teatro di Lorenzini. Il malvagio giura vendetta e manda Volpo e Felinetta a cercarlo. Geppetto nel frattempo ritrova le sue marionette sane e salve su una carrozza senza cocchiere, e capendo che è stato Pinocchio a salvarle, decide di andare in sua ricerca con l'aiuto di Leona. Pinocchio intanto, sceso dal carro per non farsi vedere da Volpo e Felinetta, vagabonda nel bosco e ritrova l'albero di pino dal quale proviene ma è costretto a fuggire in seguito all'attacco di un picchio. Volpo e Felinetta trovano Pinocchio in un monastero e attirati dalle sue monete, decidono di rubarle ingannandolo, dicendogli che deve sotterrare le monete per terra e attendere un'ora così che nasca un albero pieno di miracoli (il miracolo desiderato da Pinocchio è di diventare bambino per essere amato da Geppetto). Pinocchio compie quel che gli è stato detto e, dormendo, attende un'ora davanti all'orologio del monastero per poi però non trovare le monete, le quali sono state rubate nel frattempo dai due briganti. Pepe consola Pinocchio dicendogli che i miracoli non crescono sugli alberi, ma avvengono nel cuore. Per strada, Pinocchio s'imbatte in un carro pieno di bambini scatenati, trainato da malinconici somari. Dal carro scende Lucignolo che, come vacanza dalla scuola, convince Pinocchio a venire con lui a "Terra Magica". Per il viaggio, Pinocchio fa cadere per sbaglio il suo cappello da una cascata, che finisce dopo la foce su una spiaggia e viene ritrovato da Geppetto, che, pensando che suo figlio sia partito in mare con Lorenzini, decide di partire su una barchetta per ritrovare Pinocchio, dichiarando a Leona il proprio amore per lei, ma viene inghiottito, non masticato per la troppa acqua, da una Balena-mostro, che in realtà è Lorenzini. Pinocchio arriva al Luna Park "Terra Magica", dove i bambini si divertono a distruggere e fare i monelli. Il parco in realtà è una terribile trappola di Lorenzini, che trasforma i bambini in somari grazie a un'acqua magica che sgorga da una fontana. Pinocchio e Lucignolo vengono bagnati da quest'acqua durante un giro sulle montagne russe, e Lucignolo si trasforma in un asino mentre a Pinoccho, che è fatto di legno, crescono solo le orecchie che vengono in seguito staccate da Lorenzini, nel tentativo di buttarlo giù ed ucciderlo. Pinocchio cerca di impedire a Lorenzini di invitare gli altri ragazzi a bere l'acqua magica spronando Lucignolo-asino a dargli una potente zoccolata e facendo cadere il burattinaio nella vasca della fontana; Lorenzini riemerge dall'acqua, inizia a trasformarsi nel "Mostro-Balena" e si tuffa nel fiume vicino, terrorizzando tutti ed andandosene in mare. I bambini e gli asini fuggono dal parco e Pinocchio insieme a Pepe e Lucignolo-asino incontra Leona, che informa loro della partenza di Geppetto per mare per cercarlo. Così anche Pinocchio e Pepe partono su una barchetta per ritrovare Geppetto ma vengono ingoiati, non masticati sempre per la troppa acqua, da Lorenzini, ora tramutato nella Mostruosa Balena. Nel ventre della balena Pinocchio finalmente ritrova Geppetto. Per sfuggire allo stomaco, Pinocchio dice una bugia, affermando di odiare suo padre e di non voler diventare un bambino, per cui il suo naso si allunga nuovamente ed ancora di più per la grossa bugia, e, per autodifesa, trafigge a morte l'esofago e la gola di Lorenzini, che con la tosse sputa accidentalmente Geppetto, Pinocchio e Pepe fuori dal corpo nelle onde, prima di morire per la ferita, inabissandosi in fondo al mare. Sulla spiaggia, raggiunta da Pinocchio legnoso e galleggiante che sostiene gli altri, il trio rincontra Leona e Lucignolo-asino e Pinocchio fa tornare il suo naso normale, ammettendo il suo rincrescimento per non essere diventato un vero bambino. Geppetto afferma che non gli importa e che sarà sempre il suo amato figlio. Con questa dichiarazione di profondo amore, Pinocchio, indipendente ora dal suo pino forestale, si trasforma finalmente in un vero ragazzo in carne ed ossa. Sulla via del ritorno incontrano Volpo e Felinetta poveri e Pinocchio, vendicandosi, dice loro di andare a bere l'acqua della fontana di Terra Magica tenendo in mano una pietra, che si sarebbe trasformata in oro per essere ricchi, senza dire bugie, ma come trappola per intaccare anche loro all'acqua. Volpo e Felinetta si trasformeranno così, alla fine, rispettivamente in una volpe ed in una gatta per strada. Pepe parte all'estero per qualche anno, il falegname Geppetto e Leona, innamorati e tornati a casa, adottano ed istruiscono Pinocchio mentre il suo amico Lucignolo, che ora che è tornato dalla madre va più volentieri a scuola con l'amico e parla di belle ragazze per entrambi, si ritrasforma in bambino per essersi comportato bene.

Sequel[modifica | modifica sorgente]

Visto il notevole successo del film, è stato realizzato un sequel nel 1999, un po' diverso per trama: Il mondo è magia - Le nuove avventure di Pinocchio.

Riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

Forse il film ebbe una nomination al Golden Globe.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]