Race of Champions 1983

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Regno Unito Gran Premio Race of Champions 1983
Gara non valida per il Mondiale
Circuit Brandshatch.png
Data 10 aprile 1983
Nome ufficiale XIV Race of Champions
Circuito Circuito di Brands Hatch
Percorso 4,207 km / 2,613 US mi
Distanza 40 giri, 168,280 km/ 104,520 US mi
Clima Soleggiato
Risultati
Pole position Giro più veloce
Finlandia Keke Rosberg Francia René Arnoux
Williams-Ford Cosworth in 1'15"766 Ferrari in 1'17"826
(nel giro 18)
Podio
1. Finlandia Keke Rosberg
Williams-Ford Cosworth
2. Stati Uniti Danny Sullivan
Tyrrell-Ford Cosworth
3. Australia Alan Jones
Arrows-Ford Cosworth

La Race of Champions 1983 è stata una gara di Formula 1, non valida per il campionato del mondo, disputata domenica 10 aprile 1983 sul Circuito di Brands Hatch, nel Regno Unito.

La gara venne vinta dal finlandese Keke Rosberg su Williams-Ford Cosworth; per il vincitore si trattò del secondo successo in una gara non titolata. Precedette sul traguardo lo statunitense Danny Sullivan su Tyrrell-Ford Cosworth e l'australiano Alan Jones su Arrows-Ford Cosworth.

Essa è,a tutt'oggi, l'ultimo gran premio di Formula 1 non valido quale prova del campionato del mondo.

Vigilia[modifica | modifica wikitesto]

Aspetti tecnici[modifica | modifica wikitesto]

La gara vide l'esordio per la Spirit, che portò in pista il modello 201. Il team britannico era stato fondato nel 1981 ed aveva corso in Formula 2 nel 1982. La novità più interessante era però che la vettura montava un motore turbo fornito dalla Honda. La casa nipponica rientrava così in Formula 1 dopo un'assenza durata quindici anni. L'ultima apparizione era avvenuta nel Gran Premio del Messico 1968.

Aspetti sportivi[modifica | modifica wikitesto]

La Race of Champions fu il primo gran premio di Formula 1 corso in Europa nel 1983, anche se non valido per il campionato mondiale. Si posizionò, nel calendario, tra la seconda gara stagionale, il Gran Premio di Long Beach, e la terza, il Gran Premio di Francia, previsto una sola settima dopo.

La gara, tradizionale appuntamento primaverile disputato sul Circuito di Brands Hatch nelle stagioni in cui il circuito non ospitava il Gran Premio di Gran Bretagna, tornava dopo quattro anni d'assenza, e fu il primo gran premio non valido per il calendario iridato dal Gran Premio del Sudafrica 1981.

Piloti e team[modifica | modifica wikitesto]

Ad eccezione della Toleman, tutti i team britannici presero parte all'evento, iscrivendo, per lo più, un solo pilota per vettura. Solo l'Arrows e la Theodore Racing iscrissero due piloti: il team di Hong Kong sostituì Johnny Cecotto con Brian Henton. Quest'ultimo, che aveva già disputato 19 gran premi validi per il mondiale, mancava in F1 dal Gran Premio di Las Vegas 1982, corso con la Tyrrell. Michele Alboreto era stato invitato dalla Tyrrell a partecipare alla gara, ma il pilota milanese era impegnato, nello stesso finesettimana, nella 1000 km di Monza.[1]

La Brabham non fece disputare la gara a nessuno dei suoi due piloti titolari, ma utilizzò Héctor Rebaque, pilota messicano che aveva affrontato il mondiale di F1 tra il 1977 e il 1981, correndo per l'ultima volta al Gran Premio di Las Vegas 1981, proprio con la Brabham. Rebaque sostituì il designato Nelson Piquet.[2]La RAM March impiegò, per la prima volta in stagione, il pilota francese Jean-Louis Schlesser, nipote di Jo Schlesser, all'esordio in una gara della massima formula, e proveniente dalla Formula 2. L'altro pilota della RAM, il cileno Eliseo Salazar, aveva nel frattempo annunciato la sua volontà di abbandonare la F1, a causa di problemi finanziari.[3]

L'esordiente Spirit fece correre lo svedese Stefan Johansson, già impegnato dallo stesso team in Formula 2. Lo svedese aveva già tentato, senza successo, di qualificarsi nei primi due appuntamenti del campionato del mondo di F1 nella stagione 1980 al volante di una Shadow, ed era stato iscritto, dalla March, senza però partecipare nemmeno alle prove, al Gran Premio di Gran Bretagna 1981.

Non presero parte all'evento anche la Renault, l'Alfa Romeo, l'Osella, l'ATS.

I seguenti piloti e team vennero iscritti alla gara:

Team Telaio Gomme Nr Pilota
Regno Unito TAG Williams Team Williams FW08-Ford Cosworth DFV V8 G 1 Finlandia Keke Rosberg
Regno Unito Benetton Tyrrell Team Tyrrell 011- Ford Cosworth DFV V8 G 4 Stati Uniti Danny Sullivan
Regno Unito Fila Sport Brabham BT52- BMW M12/13 (t/c) M 5 Messico Héctor Rebaque
Regno Unito Marlboro McLaren International McLaren MP4/1C-Ford Cosworth DFV V8 M 7 Regno Unito John Watson
Regno Unito John Player Team Lotus Lotus 93T-Renault EF1 V6 (t/c) P 12 Regno Unito Nigel Mansell
Regno Unito RAM Automotive Team March March-RAM 01-Ford Cosworth DFV V8 P 17 Francia Jean-Louis Schlesser
Francia Equipe Ligier Gitanes Ligier JS21- Ford Cosworth DFV V8 M 26 Brasile Raul Boesel
Italia Scuderia Ferrari SpA SEFAC Ferrari 126 C2 B- 126C V6 (t/c) G 28 Francia René Arnoux
Regno Unito Arrows Racing Team Arrows A6- Ford Cosworth DFV V8 G 29 Brasile Chico Serra
30 Australia Alan Jones
Flag of Hong Kong (1959-1997).svg Theodore Racing Theodore N183-Ford Cosworth DFV V8 G 33 Colombia Roberto Guerrero
34 Regno Unito Brian Henton
Regno Unito Spirit Racing Spirit 201-Honda RA163-E V6 (t/c) G 40 Svezia Stefan Johansson

Prove[modifica | modifica wikitesto]

Resoconto[modifica | modifica wikitesto]

Al venerdì si effettuarono delle prove libere, in una sessione da novanta minuti, non erano valide per la determinazione della griglia di partenza. Il più rapido fu il finlandese Keke Rosberg, che precedette, di circa quattro decimi, Stefan Johansson. Gli altri piloti furono staccati più nettamente, con René Arnoux che ruppe anche il motore della sua Ferrari.[4]

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Nella di prove libere[5] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Tempo Gap Giri
1 1 Finlandia Keke Rosberg Regno Unito Williams-Ford Cosworth 1'16"908
2 40 Svezia Stefan Johansson Regno Unito Spirit-Honda 1'17"311 +0"403
3 30 Australia Alan Jones Regno Unito Arrows-Ford Cosworth 1'19"718 +3"810

Qualifiche[modifica | modifica wikitesto]

Resoconto[modifica | modifica wikitesto]

La pole position si decise in una sola sessione, tenuta al sabato. Il più rapido si confermò Keke Rosberg, che riuscì a strappare il miglior tempo, inizialmente fatto segnare da René Arnoux. La Theodore contestò il tempo attribuito a Roberto Guerrero, ipotizzando un errore nel cronometraggio. Stefan Johansson, cn la Spirit non confermò i buoni tempi delle prove libere e chiuse dodicesimo: a causa dei problemi di affidabilità della sua vettura poté compiere un solo tentativo veloce. Jean-Louis Schlesser, della RAM non fece segnare tempi validi per lo schieramento, ma venne ugualmente ammesso al via.[6]

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Nella sessione di qualifica si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Tempo Griglia
1 1 Finlandia Keke Rosberg Regno Unito Williams-Ford Cosworth 1'15"766 1
2 28 Francia René Arnoux Italia Ferrari 1'15"839 2
3 30 Australia Alan Jones Regno Unito Arrows-Ford Cosworth 1'17"501 3
4 7 Regno Unito John Watson Regno Unito McLaren-Ford Cosworth 1'18"062 4
5 4 Stati Uniti Danny Sullivan Regno Unito Tyrrell-Ford Cosworth 1'18"446 5
6 34 Regno Unito Brian Henton Flag of Hong Kong (1959-1997).svg Theodore-Ford Cosworth 1'18"549 6
7 33 Colombia Chico Serra Flag of Hong Kong (1959-1997).svg Theodore-Ford Cosworth 1'18"862 7
8 12 Regno Unito Nigel Mansell Regno Unito Lotus-Renault 1'18"894 8
9 26 Brasile Raul Boesel Francia Ligier-Ford Cosworth 1'19"236 9
10 5 Messico Héctor Rebaque Regno Unito Brabham-BMW 1"19'592 10
11 29 Brasile Chico Serra Regno Unito Arrows-Ford Cosworth 1'22"402 11
12 40 Svezia Stefan Johansson Regno Unito Spirit-Honda 1'35"500 12
13 17 Francia Jean-Louis Schlesser Regno Unito RAM March-Ford Cosworth senza tempo 13

Gara[modifica | modifica wikitesto]

Resoconto[modifica | modifica wikitesto]

Alla partenza Keke Rosberg e René Arnoux mantennero le prime due posizioni, mentre Danny Sullivan passò di forza Alan Jones. Arnoux attaccò Rosberg al Pilgrims Drop, ma senza successo. Al quarto giro si ritirò Stefan Johansson, che era già riuscito a scalare diverse posizioni.

Al settimo giro Arnoux fu costretto al cambio gomme. La Ferrari però proseguì ancora ad avere problemi con la durata degli pneumatici, tanto che al giro 23, dopo altri due cambi gomme, il francese fu costretto all'abbandono le forti vibrazioni sulla trasmissione della sua monoposto.

Anche il leader della gara Rosberg soffriva per dei problemi di usura delle gomme, soprattutto all'anteriore sinistra; non così Danny Sullivan che utilizzava in gara un set di gomme già testato durante il warm up. Lo statunitense, soprattutto negli ultimi 15 giri della gara, si avvicinò al finlandese, ma senza riuscire a passarlo. Per Rosberg fu la seconda vittoria in una gara non titolata, dopo il successo al BRDC International Trophy 1978.[7][8]

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Pos No Pilota Team Giri Tempo/Ritiro
1 1 Finlandia Keke Rosberg Williams-Cosworth 40 53:15.253
2 4 Stati Uniti Danny Sullivan Tyrrell-Cosworth 40 53:15.743
3 30 Australia Alan Jones Arrows-Cosworth 40 53:43.895
4 34 Regno Unito Brian Henton Theodore-Cosworth 40 53:55.773
5 26 Brasile Raul Boesel Ligier-Cosworth 40 53:56.224
6 17 Francia Jean-Louis Schlesser RAM March-Cosworth 39 +1 Giro
7 33 Colombia Roberto Guerrero Theodore-Cosworth 39 +1 Giro
Ret 29 Brasile Chico Serra Arrows-Cosworth 30 Cambio
Ret 28 Francia René Arnoux Ferrari 23 Gomme
Ret 5 Messico Hector Rebaque Brabham-BMW 14 Sospensione
Ret 7 Regno Unito John Watson McLaren-Cosworth 8 Trasmissione
Ret 12 Regno Unito Nigel Mansell Lotus-Renault 6 Tenuta di strada
Ret 40 Svezia Stefan Johansson Spirit-Honda 4 Motore

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Cristiano Chiavegato, Duello fra Porsche e Lancia-il più veloce per ora è Ickx in Stampa Sera, 9 aprile 1983, p. 22.
  2. ^ (ES) Rebaque sustituira a Nelson Piquet (PDF) in El Mundo Deportivo, 6 aprile 1983, p. 30. URL consultato il 26 settembre 2014.
  3. ^ (ES) Salazar se retira de la Formula Uno (PDF) in El Mundo Deportivo, 6 aprile 1983, p. 30. URL consultato il 26 settembre 2014.
  4. ^ (ES) F-1: Rosberg el mas rapido en Brands Hatch (PDF) in El Mundo Deportivo, 9 aprile 1983, p. 38. URL consultato il 26 settembre 2014.
  5. ^ Sessione di prove libere
  6. ^ (ES) Rosberg estara en la "pole position" delante de Arnoux (PDF) in El Mundo Deportivo, 10 aprile 1983, p. 31. URL consultato il 30 settembre 2014.
  7. ^ Rivincita di Rosberg, si ritira la Ferrari in Stampa Sera, 11 aprile 1983, p. 21.
  8. ^ (ES) La "Carrera de los Campeones" para Rosberg (PDF) in El Mundo Deportivo, 11 aprile 1983, p. 41. URL consultato il 30 settembre 2014.
Formula 1 Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1