Maserati Khamsin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Maserati Khamsin
Maserati Khamsin 1975.jpg
Descrizione generale
Costruttore Italia  Maserati
Tipo principale Coupé
Produzione dal 1973 al 1983
Sostituisce la Maserati Ghibli (1967)
Esemplari prodotti 430
Altre caratteristiche
Dimensioni e massa
Lunghezza 4.440 mm
Larghezza 1.800 mm
Altezza 1.140 mm
Passo 2.550 mm
Massa 1.680 kg
Altro
Stile Bertone
Auto simili Aston Martin V8
Ferrari 400i
Lamborghini Jarama
Maserati Khamsin 1975 rear.jpg

La Khamsin è un modello di autovettura Maserati costruita dal 1973 al 1982.

La storia[modifica | modifica wikitesto]

La nascita[modifica | modifica wikitesto]

Dopo che Citroën aveva assunto il controllo della Maserati nel 1968, l'influenza della nuova proprietà si era concretizzata in due sportive a motore centrale, la Bora e la Merak, tecnicamente tanto innovative quanto distanti dalle lussuose granturismo a motore anteriore che avevano resa famosa la Casa del tridente; ciò lasciò scontenta una fetta della clientela più tradizionalista. Con la Khamsin la Maserati era intenzionata a coprire questo vuoto nella sua gamma[1].

Ultima Maserati progettata sotto la supervisione dell'ingegner Giulio Alfieri la Khamsin, designata internamente come Tipo AM120, è una coupé 2+2 lussuosamente rifinita. Disegnata da Marcello Gandini per Bertone, debuttò come prototipo (col marchio Bertone) nell’autunno del 1972 al Salone dell’Automobile di Torino. Nel marzo dell'anno successivo, al Salone dell’Automobile di Ginevra, furono tolti i veli al modello di serie. Il caratteristico nome deriva da quello dell'omonimo vento caldo del deserto egiziano.

La produzione[modifica | modifica wikitesto]

Nonostante le sue buone qualità (275 km/h, 0-100 in 7,3 secondi) e gli evidenti miglioramenti rispetto all'apprezzata Ghibli, la Khamsin fu seriamente penalizzata sia dalla crisi petrolifera degli anni Settanta (per fare 100 km servivano 17,5 litri di benzina) sia dalle difficoltà finanziarie della Citroën, che portarono i francesi a chiedere la liquidazione della Maserati (1975): gli appena 435 esemplari prodotti ne sono la conseguenza.

Maserati Khamsin: produzione anno per anno[1]
Anno 1973 1974 1975 1976 1977 1978 1979 1980 1981 1982
Esemplari prodotti 5 97 69 37 69 72 42 12 11 3
Maserati Khamsin: allestimenti e produzione[2] Cambio manuale a 5 marce Cambio automatico a tre rapporti
Esemplari commercializzati in Europa 335 95
Esemplari importati negli USA 100 55

L'evoluzione[modifica | modifica wikitesto]

La Khamsin rimase sostanzialmente inalterata per tutti i dieci anni in cui fu prodotta. Nel 1977 la vettura fu leggermente modificata: comparvero tre fessure sopra la calandra per migliorare il raffreddamento. Nel 1979 il motore fu depotenziato da 320 CV a 280 CV riducendo così la velocità di punta a 250 km/h[1]. Uno dei 435 esemplari prodotti fu consegnato nel 1981 a Luciano Benetton.

La tecnica[modifica | modifica wikitesto]

La Maserati Khamsin; si notino le tre fessure al di sopra del paraurti anteriore, introdotte nel 1977.

Il telaio e le sospensioni[modifica | modifica wikitesto]

Nonostante l'interasse di dimensioni simili all'antenata Ghibli, la Khamsin fu progettata attorno a un telaio completamente rinnovato: la scocca portante d'acciaio sostituiva il telaio tubolare, mentre al posteriore il ponte rigido con balestre della Ghibli lasciava posto a raffinate sospensioni indipendenti (a quadrilateri con barra antirollio come all'anteriore), con la particolarità dei doppi gruppi molle-ammortizzatori.

Il motore[modifica | modifica wikitesto]

La Khamsin era spinta dal V8 bialbero di 4,9 litri a carter secco da 320 CV che aveva debuttato sulla Ghibli SS. Il motore era arretrato dietro l'assale anteriore per garantire un'ottimale distribuzione dei pesi.

La trasmissione[modifica | modifica wikitesto]

Come nella migliore tradizione delle granturismo modenesi la Khamsin aveva il cambio al posteriore, secondo lo schema transaxle. Un telaio ausiliario montato su supporti elastici ospitava il gruppo cambio-differenziale; in tal modo si isolava l'abitacolo dalle vibrazioni. Era di serie un cambio manuale ZF a 5 marce, mentre a richiesta si potevano avere un automatico Borg Warner a 3 rapporti e il differenziale autobloccante.

Il sistema idraulico[modifica | modifica wikitesto]

Tra le caratteristiche più innovative di questa coupé c'è da annoverare il sistema idraulico. Il servosterzo ad assistenza variabile, la frizione servocomandata, il sistema di frenata, i fari a scomparsa e la regolazione del sedile lato guida erano tutti azionati attraverso un circuito idraulico ad alta pressione[3]. Queste soluzioni erano per la maggior parte derivate dalla Citroën SM, dato che la casa francese era allora proprietaria della Maserati.

Dati tecnici[modifica | modifica wikitesto]

Caratteristiche tecniche - Maserati Khamsin
Maserati Khamsin Gen1 000 1973-1982 1975 frontleft 2011-06-13 A.jpg
Configurazione
Carrozzeria: Coupé 2+2 Posizione motore: anteriore centrale Trazione: posteriore
Dimensioni e pesi
Ingombri (lungh.×largh.×alt. in mm): 4400 × 1800 × 1140 Diametro minimo sterzata: 10,5 m
Interasse: 2550 mm Carreggiate: anteriore 1440 mm - posteriore 1470 mm mm Altezza minima da terra: 140 mm
Posti totali: 4 Bagagliaio: Serbatoio: 90 litri
Meccanica
Tipo motore: 8 cilindri a V di 90° superquadro Cilindrata: (Alesaggio x Corsa=93,9 x 89,0 mm) 4.930 cm³
Distribuzione: due assi a camme in testa per bancata comandati da catena, due valvole per cilindro Alimentazione: quattro carburatori invertito a doppio corpo Weber 42 DCNF 6, filtro dell'aria a secco
Prestazioni motore Potenza: 320 cavalli a 5500 giri/min
Accensione: singola, accensione elettronica Bosch Impianto elettrico: 12 volt, alternatore 66 A e 72 Ah
Frizione: monodisco a secco, servo idraulico Cambio: manuale ZF a 5 rapporti, oppure automatico Borg-Warner a 3 rapporti
Telaio
Corpo vettura Scocca portante, schema Transaxle
Sterzo Servosterzo idraulico ad azione progressiva
Sospensioni anteriori: a ruote indipendenti / posteriori: a ruote indipendenti, bracci triangolari, Ammortizzatori e molle elicoidali, doppi al posteriore
Freni anteriori: a disco / posteriori: a disco, autoventilanti, servofreno idraulico
Pneumatici 217/70 VR 15
Prestazioni dichiarate
Velocità: 275 km/h Accelerazione: 7,3
Fonte dei dati: [4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c maserati-alfieri.co.uk
  2. ^ Articolo in inglese
  3. ^ Sito ufficiale Maserati
  4. ^ Articolo di Quattroruote n.131 (novembre 1974) - tradotto in spagnolo

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

automobili Portale Automobili: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di automobili