Maserati Tipo 26 M

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Maserati Tipo 26 M
Maserati Tipo 26 M.jpg
Descrizione generale
Costruttore bandiera  Maserati
Categoria Formula Grand Prix
Produzione dal 1930 al 1932
Progettata da Alfieri Maserati
Sostituisce Maserati Tipo 26 B
Sostituita da Maserati 8C
Descrizione tecnica
Meccanica
Motore motore in linea 8 cilindri da 2,5 l
Dimensioni e pesi
Lunghezza 3850 mm
Larghezza 1570 mm
Altezza 1200 mm
Passo 2750 mm
Peso 820[1] kg
Risultati sportivi
Debutto Reale Premio di Roma del 1930

La Tipo 26 M è stata una autovettura da competizione costruita dalla Maserati dal 1930 al 1932 conosciuta anche come 8C-2500 precorrendo le designazioni ufficiali delle successive serie 8C. Il debutto nelle corse fu il 25 maggio 1930 al Reale Premio di Roma con una vittoria del pilota Luigi Arcangeli[1].

Il contesto[modifica | modifica sorgente]

Con la precedente Tipo B fu raggiunta la cilindrata massima per il basamento della vettura, e dunque fu necessaria una riprogettazione del propulsore. Ciò indusse Alfieri Maserati a proporre un nuovo motore da 2,5 L con un rapporto alesaggio/corsa inusuale per la casa e che era una via di mezzo tra i grandi V4/V5 (3961–4906 cm³) e l’otto cilindri della Tipo 26 B.

Progettata inizialmente per le competizioni in circuito delle monoposto a ruote scoperte della Formula Grand Prix, ne venne allestita anche la versione "Sport" con un passo più corto, in configurazione biposto e adatta alle competizioni su strada; quest’ultima era opera di Medardo Fantuzzi[2].

I successi conseguiti dalla vettura furono numerosi: dopo l'esordio vittorioso, nello stesso 1930 si ripeté alla Coppa Ciano e alla Coppa Acerbo oltre che a Monza e in Spagna[3].

Nel 1932 venne presentata una versione non destinata alle competizioni, carrozzata dalla Castagna Milano in configurazione double-phaeton che si aggiudicò il premio del Concorso d'eleganza Villa d'Este per le vetture scoperte[4]

Una versione “Sport Tipo Mille Miglia” fu opera di Zagato; si trattava di una spyder leggera con carrozzeria in alluminio che, secondo il catalogo della casa, avrebbe potuto essere equipaggiata anche con un propulsore da 2 L. Due Sport, dotate di carrozzeria costruita nel Regno Unito, furono a quattro posti e presero parte a corse di durata. Tra le 13 vetture totali che risultano costruite ne fu anche preparata anche una versione T (turismo), con passo più lungo[2].

Dati tecnici[modifica | modifica sorgente]

Il motore era a otto cilindri in linea ed aveva una cilindrata di 2495,4 cm³. L’alesaggio e la corsa erano rispettivamente di 65 e 94 mm. La potenza erogata era di 185 CV a 5600 giri al minuto mentre il rapporto di compressione era di 5,5:1. La distribuzione era a doppio albero a camme in testa con l’albero fornito di cinque supporti di banco su bronzine, poi sostituite da cuscinetti a rullo, e la distribuzione era garantita da un sistema a carter secco.

L’accensione era singola con magnete Bosch o Scintilla. L’alimentazione era forzata con compressore tipo Roots e carburatore tipo Weber montato a monte del compressore stesso.

Il telaio era formato da due longheroni con traverse in profilati d’acciaio; freni erano a tamburo sulle ruote con comando meccanico. Lo sterzo era a vite senza fine mentre il cambio aveva 4 rapporti più la retromarcia. Le quattro sospensioni erano a balestra con ammortizzatori a frizione[1].

La vettura poteva raggiungere la velocità massima di 230 km/h[1].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d Dal sito ufficiale Maserati – Specifiche tecniche della Tipo 26 M. URL consultato il 15-03-2010.
  2. ^ a b Dal sito ufficiale Maserati – Specifiche tecniche della Tipo 26 M Sport. URL consultato il 21-03-2010.
  3. ^ Risultati delle gare del 1930
  4. ^ Albo d'oro del Concorso Villa d'Este
trasporti Portale Trasporti: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di trasporti