Junior dos Santos

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Júnior dos Santos
Junior dos Santos.jpg
Dati biografici
Nazionalità Brasile Brasile
Altezza 193 cm
Peso 111 kg
Arti marziali miste MMA pictogram.svg
Dati agonistici
Specialità Kick boxing, Pugilato, Jiu jitsu brasiliano
Squadra Brasile Team Nogueira
Brasile Nova União
Carriera
Soprannome Cigano
JDS
Combatte da Brasile Salvador, Brasile
Vittorie 16
per knockout 12
per sottomissione 2
Sconfitte 3
 

Junior dos Santos Almeida (Caçador, 12 settembre 1984) è un lottatore di arti marziali miste brasiliano.

Combatte nella categoria dei pesi massimi per la promozione statunitense UFC, nella quale è stato campione di categoria tra il 2011 ed il 2012, quando vinse la cintura contro l'allora campione in carica Cain Velasquez per poi perderla contro lo stesso Velasquez nell'incontro di rivincita; ebbe anche un terzo incontro per il titolo contro Velasquez nel 2013, nel quale venne nuovamente sconfitto.[1] Ha fatto anche da allenatore nella 13ª stagione del reality show The Ultimate Fighter.

Per i siti specializzati Sherdog.com e MMAWeekly.com dos Santos rispettivamente è il secondo ed il terzo peso massimo più forte del mondo[2][3]; per i ranking ufficiali dell'UFC è il contendente numero 2 nella divisione dei pesi massimi.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica sorgente]

Dos Santos basa il suo successo nelle arti marziali miste su una boxe che non ha eguali nelle MMA, accentuata da una gran velocità nei movimenti e da un'ottima precisione e potenza nei pugni portati che spesso finiscono per stendere l'avversario; in particolare il suo montante appare devastante, ma è abile anche nel boxare a distanza con il jab; nel primo incontro perso in UFC contro Cain Velasquez ha dimostrato di avere un mento di granito, riuscendo ad assorbire i tremendi colpi sferrati dal rivale.

Inoltre è abilissimo nel difendersi dai tentativi degli avversari nel portarlo a terra, abbassando ulteriormente le possibilità di successo per quegli avversari che basano il proprio stile di combattimento sul grappling. Seppur sia stato raramente messo alla prova nella lotta a terra dos Santos si allena costantemente nel jiu jitsu brasiliano, e nel primo incontro perso contro un maestro del ground and pound come Cain Velasquez ha dimostrato un ottimo grappling difensivo riuscendo quasi sempre a tornare in piedi.

Combatte sotto la tutela dell'ex campione dei pesi massimi Pride Antônio Rodrigo Nogueira e dell'ex campione dei pesi medi UFC Anderson Silva.

Carriera nelle arti marziali miste[modifica | modifica sorgente]

Inizi della carriera[modifica | modifica sorgente]

Dos Santos diventa professionista nel 2006 all'età di 21 anni, combattendo in piccole federazioni brasiliane come Demo Fight, Extreme Fighting Championship, Minotauro Fights e Mo Team League. Qui vince 6 dei suoi primi 7 incontri con l'unica sconfitta patita da Joaquim Ferreira in un rematch.

Ultimate Fighting Championship[modifica | modifica sorgente]

Junior dos Santos e Shane Carwin a UFC 131

Dos Santos debutta nell'UFC nel pay per view UFC 90 mandando ko il più accreditato rivale Fabricio Werdum durante la prima ripresa con un potente uppercut. In seguito sconfigge ad UFC 95 Stefan Struve al primo round per KO tecnico mentre a UFC 103 ottiene una prestigiosa vittoria contro Mirko Filipović al terzo round. Il 21 marzo 2010 Dos Santos sconfigge Gabriel Gonzaga a UFC Live: Vera vs. Jones per KO al primo round.

Il 7 agosto 2010 Dos Santos affronta Roy Nelson ad UFC 117 con in palio la possibilità di diventare il primo sfidante al titolo dei pesi massimi. L'incontro si conclude con la vittoria di Dos Santos per decisione unanime dei giudici (30–26, 30–27, 30–27). Un infortunio e la conseguente operazione fermano però il campione Cain Velasquez così Dos Santos viene scelto per partecipare come allenatore al programma The Ultimate Fighter contrapposto al team di Brock Lesnar[4]. I due avrebbero dovuto affrontarsi l'11 giugno 2011 nel corso di UFC 131 ma Lesnar è costretto a rinunciare a causa di un infortunio venendo così rimpiazzato da Shane Carwin che viene dominato da dos Santos, vincitore per decisione unanime dei giudici.

Campione dei Pesi Massimi UFC[modifica | modifica sorgente]

L'attesissimo match titolato contro l'imbattuto Velasquez, originariamente previsto per il 19 novembre 2011, viene anticipato di una settimana in modo da coincidere col debutto dell'Ultimate Fighting Championship sulla rete televisiva Fox[5][6]. Nell'attesissimo incontro Cigano mette KO Velasquez dopo solo 1 minuto e 4 secondi dall'inizio del match con un potente destro laureandosi nuovo UFC heavyweight champion ed infliggendo al messicano la prima pesante sconfitta in carriera dopo nove match da imbattuto. Dos Santos vince anche il premio per "Knockout of the Night"[7]. Pare che a seguito del match però il nuovo campione debba operarsi per un infortunio al menisco per il quale dovrà attendere un mese per la ripresa degli allenamenti[8].

Qualche settimana dopo la vittoria del titolo, Junior Dos Santos esprime il desiderio di competere nella boxe alle Olimpiadi di Rio de Janeiro del 2016[9].

Il suo prossimo avversario avrebbe dovuto essere l'olandese Alistair Overeem, il quale ha sconfitto facilmente Brock Lesnar in un incontro che decretava il primo sfidante del brasiliano a UFC 141, evento che si è rivelato essere l'ultimo di Lesnar nelle arti marziali miste[10]; Overeem venne però testato positivo al doping e conseguentemente escluso dai giochi e sostituito con Frank Mir, un ex campione dei pesi massimi UFC esperto di lotta a terra. Il match si svolse il 26 maggio alla MGM Grand Arena di Las Vegas dove Dos Santos si dimostrò nettamente superiore all'avversario americano Frank Mir. La strategia del "Cigano" fu quella di evitare qualsiasi contatto prolungato con Mir colpendolo con pugni rapidi e davvero precisi sia al volto che all'addome. Quest'ultimi si sono fatti sentire soprattutto nella seconda ripresa quando Mir andò KO. Un KO che fu l'estrema conseguenza di un diretto destro chirurgico che Dos Santos portò a segno sul volto di Mir che, una volta caduto al tappeto, venne messo fuori dai giochi con un incredibile pugno a martello che sancì la fine dell'incontro e la conferma di Junior Dos Santos come campione mondiale dei pesi massimi UFC.

Il 29 dicembre 2012 con l'evento UFC 155: Dos Santos vs. Velasquez II Dos Santos concede la rivincita al rivale Cain Velasquez: questa volta il lottatore di origini messicane si riprende la cintura con una convincente prova nella quale domina Dos Santos anche nello striking, e dopo cinque combattuti round i giudici lo premiano con i punteggi di 50-45, 50-43 e 50-44; fu la prima sconfitta per Dos Santos in UFC.

Nel 2013 dos Santos ottiene la possibilità di sfidare per la terza volta Velasquez quando riesce a sconfiggere per KO l'ex campione K-1 Mark Hunt con un calcio girato, colpo insolito per il brasiliano; Hunt era presente in sostituzione dell'indisponibile Alistair Overeem, con il quale dos Santos aveva in programma una sfida da molti attesa.

Dos Santos chiuse la trilogia di incontri per il titolo contro Cain Velasquez nell'ottobre del 2013 con un'altra meritata sconfitta e con la prima in carriera venuta per KO tecnico.

Il successivo incontro avrebbe dovuto svolgersi nel maggio del 2014 a San Paolo contro il numero 7 dei ranking Stipe Miočić, ma "Cigano" riportò un infortunio ad una mano e diede forfeit, venendo sostituito dal connazionale Fábio Maldonado.

Risultati nelle arti marziali miste[modifica | modifica sorgente]

Risultato Record Avversario Metodo Evento Data Round Tempo Luogo Note
Sconfitta 16-3 Stati Uniti Cain Velasquez KO Tecnico (pugni) UFC 166: Velasquez vs. dos Santos 3 19 ottobre 2013 5 3:09 Stati Uniti Houston, Stati Uniti Per il titolo dei Pesi Massimi UFC
Vittoria 16-2 Nuova Zelanda Mark Hunt KO (calcio girato e pugni) UFC 160: Velasquez vs. Bigfoot 2 25 maggio 2013 3 4:18 Stati Uniti Las Vegas, Stati Uniti Eliminatoria per il titolo dei Pesi Massimi UFC
Sconfitta 15-2 Stati Uniti Cain Velasquez Decisione (unanime) UFC 155: Dos Santos vs. Velasquez II 29 dicembre 2012 5 5:00 Stati Uniti Las Vegas, Stati Uniti Perde il titolo dei Pesi Massimi UFC
Vittoria 15-1 Stati Uniti Frank Mir KO Tecnico (pugni) UFC 146: Dos Santos vs. Mir 26 maggio 2012 2 3:04 Stati Uniti Las Vegas, Stati Uniti Difende il titolo dei Pesi Massimi UFC
Vittoria 14-1 Stati Uniti Cain Velasquez KO (pugni) UFC on Fox: Velasquez vs. Dos Santos 12 novembre 2011 1 1:04 Stati Uniti Anaheim, Stati Uniti Vince il titolo dei Pesi Massimi UFC
Vittoria 13-1 Stati Uniti Shane Carwin Decisione (unanime) UFC 131: Dos Santos vs. Carwin 11 giugno 2011 3 5:00 Canada Vancouver, Canada Eliminatoria per il titolo dei Pesi Massimi UFC
Vittoria 12-1 Stati Uniti Roy Nelson Decisione (unanime) UFC 117: Silva vs. Sonnen 7 agosto 2010 3 5:00 Stati Uniti Oakland, Stati Uniti
Vittoria 11-1 Brasile Gabriel Gonzaga KO Tecnico (pugni) UFC Live: Vera vs. Jones 21 marzo 2010 1 3:53 Stati Uniti Broomfield, Stati Uniti
Vittoria 10-1 Paesi Bassi Gilbert Yvel KO Tecnico (pugni) UFC 108: Evans vs. Silva 2 gennaio 2010 1 2:07 Stati Uniti Las Vegas, Stati Uniti
Vittoria 9-1 Croazia Mirko Filipović Sottomissione (pugno) UFC 103: Franklin vs. Belfort 19 settembre 2009 3 2:00 Stati Uniti Dallas, Stati Uniti
Vittoria 8-1 Paesi Bassi Stefan Struve KO Tecnico (pugni) UFC 95: Sanchez vs. Stevenson 21 febbraio 2009 1 0:54 Regno Unito Londra, Regno Unito
Vittoria 7-1 Brasile Fabricio Werdum KO Tecnico (pugni) UFC 90: Silva vs. Côté 25 ottobre 2008 1 1:17 Stati Uniti Rosemont, Stati Uniti Debutto in UFC
Vittoria 6-1 Brasile Geronimo dos Santos KO Tecnico (stop medico) Demo Fight 3 24 maggio 2008 1 0:44 Brasile Salvador, Brasile
Sconfitta 5-1 Brasile Joaquim Ferreira Sottomissione (armbar) MTL: Final 10 novembre 2007 1 1:13 Brasile San Paolo, Brasile
Vittoria 5-0 Brasile Jair Goncalves KO Tecnico (pugni) Mo Team League 2 29 settembre 2007 1 2:52 Brasile San Paolo, Brasile
Vittoria 4-0 Brasile Joaquim Ferreira KO Tecnico (ritiro) XFC: Brazil 29 aprile 2007 1 5:00 Brasile Rio de Janeiro, Brasile
Vittoria 3-0 Brasile Edson Silva KO (stop medico) XFC: Brazil 29 aprile 2007 1 8:46 Brasile Rio de Janeiro, Brasile
Vittoria 2-0 Brasile Eduardo Maiorino Sottomissione (ghigliottina) Minotauro Fights 5 9 dicembre 2006 1 0:50 Brasile São Bernardo do Campo, Brasile
Vittoria 1-0 Brasile Jailson Silva Santos KO (soccer kick) Demo Fight 1 16 luglio 2006 1 - Brasile Salvador, Brasile

Vita privata[modifica | modifica sorgente]

Dos Santos ha affermato che il suo allenatore Antônio Rodrigo "Minotauro" Nogueira è il suo eroe; inoltre ritiene Fedor Emelianenko il più forte lottatore di tutti i tempi[11].

Oltre alla lingua madre portoghese, Dos Santos parla inglese.

Il suo soprannome "Cigano" gli fu affibbiato all'epoca in cui combatteva nei tornei di jiu jitsu brasiliano e in portoghese significa "zingaro".

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ UFC 146: Cigano brilha mais uma vez e lava a alma brasileira "Júnior Cigano dos Santos..." "mas Júnior Cigano..."
  2. ^ Sherdog’s Official Mixed Martial Arts Rankings.
  3. ^ Heavyweight MMA Top 10 (over 205 pounds).
  4. ^ Brock Lesnar and Junior Dos Santos named "The Ultimate Fighter 13" coaches. (archiviato dall'url originale il 2011-01-14).
  5. ^ Cain Velasquez vs. Junior Dos Santos headlines UFC's debut on FOX. (archiviato dall'url originale il 2012-03-17).
  6. ^ UFC on FOX, Dos Santos: “Sabato diventerò il nuovo campione”.
  7. ^ UFC on FOX bonuses: Dos Santos, Lamas, Henderson, Guida earn $65K fighter awards. (archiviato dall'url originale il 2011-11-14).
  8. ^ UFC on Fox 1: Dos Santos diviene campione in soli 64 secondi”.
  9. ^ MMAmania.it News in pillole (21 – 27 novembre 2011).
  10. ^ UFC 141: Lesnar si ritira dopo la punizione subita da Overeem.
  11. ^ Junior Dos Santos: 'Fedor Is the Greatest of All Time'.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]