Montante (sport)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Uppercut

In sport da combattimento, il montante (in inglese uppercut) è un colpo sferrato dal basso verso l'alto. Il termine viene usato sia in discipline come boxe e wrestling, sia nella scherma: in questo caso indica un fendente portato con il falso filo della lama.

Il montante nel pugilato[modifica | modifica wikitesto]

Nel mondo del pugilato, il montante è un pugno sferrato dal basso verso l'alto: l'obiettivo può, ad esempio, essere il mento dell'avversario. Costituisce l'attacco per eccellenza: si tratta di una mossa che tende a generare un impatto la cui forza è considerevole.

Il montante nel wrestling[modifica | modifica wikitesto]

European Uppercut[modifica | modifica wikitesto]

Letteralmente "montante europeo", viene eseguito inserendo la testa dell'avversario nel braccio posto di profilo. Mossa che fu tipica di lottatori come Eddie Guerrero, Kurt Angle, Natalya e Daniel Bryan.

Fu usato anche da Claudio Castagnoli (Antonio Cesaro) con una variante: qualora l'avversario fosse molto pesante, il montante veniva eseguito normalmente mentre di solito Cesaro lanciava prima in aria l'avversario (sfruttando rimbalzi delle corde).

Elbow Drop[modifica | modifica wikitesto]

Una delle mosse più frequenti nel wrestling: consiste nello sferrare una gomitata (in corsa, da fermo o rimbalzando sulla terza corda). Usata da wrestler quali Shawn Michaels, Randy Savage e CM Punk con varianti. Un celebre esecutore fu The Rock che rimbalzava per due volte sulle corde e si lanciava sull'avversario a terra colpendolo al petto. Tra gli altri che ne fanno uso, da ricordare Damien Sandow.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]


Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

pugilato Portale Pugilato: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pugilato