Internet Explorer 3

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

1leftarrow.pngVoce principale: Internet Explorer.

Internet Explorer 3
Screenshot di Internet Explorer 3.0 su Windows 95
Screenshot di Internet Explorer 3.0 su Windows 95
Sviluppatore Microsoft Corporation
Ultima versione Windows a 32 bit: 3.02 (25 marzo 1997[1])
Windows a 16 bit: 3.03 SP1 (agosto 1998)
Macintosh: 3.01a (1997)
Sistema operativo Microsoft Windows (Windows 3.1, 95, NT)
Mac OS (System 7, Mac OS 8)
Genere Browser
Licenza MS-EULA
(Licenza chiusa)
Sito web microsoft.com/IE/ (archiviato)

Internet Explorer 3 è un browser Web grafico rilasciato da Microsoft il 13 agosto 1996 per Windows e l'8 gennaio 1997 per Apple Macintosh.
Venne incluso in Windows 95 OSR2 e in Apple Mac OS 8.1.

Fu il primo browser commerciale a supportare i CSS. Fu introdotto anche il supporto ai controlli ActiveX, alle applet Java e ai contenuti multimediali in linea. Nella versione 3 vennero integrati Internet Mail e News, NetMeeting e una prima versione di Rubrica di Windows.

Il team di Internet Explorer consisteva di circa 100 persone durante il suo sviluppo di tre mesi.[2] Fu la prima versione sviluppata senza il codice sorgente di Spyglass Mosaic, ma ne utilizzava ancora la tecnologia, così nella documentazione del programma rimasero le informazioni relative alla concessione in licenza da parte di Spyglass.

Entrò in seria concorrenza con Netscape Navigator, seppure rimanendo ancora distante dal superarne la quota di mercato. Nei mesi successivi al suo rilascio, ricercatori e hacker iniziarono a scoprire vulnerabilità di sicurezza e di privacy.

Nel settembre 1997, venne sostituito da Microsoft Internet Explorer 4, che aumentò notevolmente l'integrazione con Windows. Oggi, il download di Internet Explorer 3 non è più disponibile da Microsoft.[3]

Funzioni[modifica | modifica wikitesto]

L'interfaccia utente cambiò notevolmente: la barra degli strumenti principale appariva molto più simile a quella di Netscape Navigator, con pulsanti più grandi, icone più intricate e uno sfondo grigio chiaro. Nell'interfaccia prendeva posto anche la nuova barra degli strumenti "Collegamenti rapidi".[4]

Le nuove funzioni comprendono:

Software integrato[modifica | modifica wikitesto]

L'integrazione di diverse applicazioni, alcune delle quali aggiunte in un secondo momento, in Internet Explorer 3 ridusse notevolmente la necessità delle applicazioni helper:

Vennero inoltre inclusi nelle versioni successive di Internet Explorer 3:

Versioni[modifica | modifica wikitesto]

Versioni per Windows[modifica | modifica wikitesto]

██ Versione di test

██ Aggiornamento di sicurezza

Versione Versione estesa[nota 1] Tipo di architettura Pubblicato il Nuove funzionalità Fornito con Supporta
3.0 alpha 1 03/96[15] Migliorato il supporto a elementi HTML come tabelle e frame.
3.0 beta 1 29/05/96[6] Supporto a VBScript, JScript e applet Java.
3.0 beta 2 17/07/96[4] Supporto a CSS.
3.0 4.70.1155[16] 32 bit 13/08/96[17] Windows 95, NT 4.0
4.70.1158[16] 24/08/96 Windows 95 OSR2
3.0.0.1152 16 bit 11/96 Windows 3.1x, NT 3.51
3.0a 16 bit 22/01/97[18] Windows 3.1x, NT 3.51
3.01 4.70.1215[16] 32 bit 30/09/96[19] Windows 95, NT 4.0
3.01.2723 16 bit 02/97[19] Windows 3.1x, NT 3.51
3.02[20] 4.70.1300[16] 32 bit 25/03/97[1] Windows 95, NT 4.0
3.02a[16] 3.02a.2916 16 bit 05/97[19] Windows 3.1x, NT 3.51
3.03 3.03.2925 16 bit 08/97
3.03 SP1 3.03.3006 16 bit 08/98 Windows 3.1x, NT 3.51 SP4[21]
  1. ^ Fino a Internet Explorer 4, i numeri di versione di Internet Explorer non corrispondono alle versioni effettive del browser: ciò è dovuto al fatto che Internet Explorer 1 era incluso nel pacchetto Microsoft Plus!, il quale utilizzava il numero di versione di Windows. Così, Internet Explorer 1 era identificato con il numero di versione 4.40, perché Windows 95 era la versione 4 di Microsoft Windows.

Internet Explorer 3 fu rilasciato gratuitamente nell'agosto del 1996. Poteva essere installato, a seconda se a 16 o a 32 bit, su Windows 3.1, Windows 95, Windows NT 3.51 e Windows NT 4.0.
La versione 3.0 venne inclusa in Windows 95 OSR2, ma non più in Windows 98, che disponeva già di Internet Explorer 4.

A differenza di quanto sarebbe accaduto con le versioni successive di Internet Explorer, gli utenti che passavano a Internet Explorer 3 potevano ancora utilizzare l'ultimo Internet Explorer convertendo la versione precedente in una cartella separata. Permetteva anche di importare i preferiti da Internet Explorer 1 e 2 e da Netscape Navigator.[22]

Versioni per Macintosh[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Internet Explorer Macintosh Edition.

██ Versione di test

Numero di versione Pubblicato il Nuove funzionalità Fornito con
3.0 beta[23] 5 novembre 1996
3.0[5] 8 gennaio 1997 Crittografia SGC a 128 bit. Solo per PowerPC.
3.0a[16] febbraio 1997[24]
3.01[25] 14 maggio 1997 Aggiunto gestore di download. Aggiunto supporto a 68k. Mac OS 8.1
3.01a[16]

Internet Explorer 3.0 per Macintosh fu rilasciato il 5 novembre 1996 in versione beta,[23] e l'8 gennaio 1997 in versione finale per PowerPC.

Un problema con un'estensione del sistema operativo utilizzata in Mac OS, denominata "CFM68K Runtime Enabler", ritardò il supporto ai computer Macintosh basati sulla linea di processori 68k fino al rilascio, il 14 maggio 1997, di Internet Explorer 3.01, l'ultima versione di Internet Explorer 3 per Macintosh prima della versione 4. Questa versione includeva anche delle funzioni tratte dalla versione per Windows di Internet Explorer 4.0, come AutoComplete e il monitoraggio dei preferiti, che notificava agli utenti gli aggiornamenti dei siti compresi nell'elenco dei preferiti. Includeva anche il supporto a JavaScript, e introduceva una funzione per la gestione dei download e una per la gestione dei cookie.[25]

Sviluppo di una versione per UNIX[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Internet Explorer per UNIX.

Nel maggio 1996, Microsoft iniziò a pensare a un porting di Internet Explorer verso le piattaforme basate su UNIX.[26]

A giugno, Microsoft stabilì un accordo con Bristol Technology per lo sviluppo di una versione di Wind/U da utilizzare per il porting di Internet Explorer da Windows a UNIX. In quel periodo, Bristol Technology aveva anche un contratto con Microsoft che consentiva l'accesso al codice sorgente di Windows fino a settembre 1997.[27][28]

Il 29 luglio 1996, Microsoft annunciò ufficialmente che prevedeva entro la fine dell'anno il rilascio di una versione di Internet Explorer per UNIX. Dotandolo di una "funzionalità equivalente a quella fornita con Microsoft Internet Explorer 3.0", Microsoft si proponeva di "rispettare l'impegno di fornire il supporto completo a un browser Web per tutte le principali piattaforme", e di "supportare e promuovere gli standard aperti, compresi HTML, ActiveX e Java."[29]

Tuttavia, in seguito a una controversia sorta nel marzo 1997 tra le due società, e con lo scadere, nel settembre 1997, del contratto con Bristol Technology per l'accesso al codice sorgente di Windows,[28][30] Microsoft cambiò idea e decise di effettuare il porting della versione Windows direttamente all'interno dell'azienda utilizzando l'applicazione MainWin XDE di Mainsoft,[31] il principale rivale di Bristol Technology[27] (impiegandola in seguito anche per il porting di Windows Media Player e Outlook Express).[32]

Alla fine, nell'aprile 1997 lo sviluppo di Internet Explorer 3 per UNIX, proprio quando esso era quasi pronto al rilascio,[33] venne definitivamente abbandonato in favore della versione successiva. Il 24 febbraio 1998 fu rilasciato Internet Explorer 4 per Solaris.[1]

Crittografia[modifica | modifica wikitesto]

Internet Explorer 3 è stata la prima versione del browser a supportare SSL 3.0.[34][5][6]

Le ultime patch di Internet Explorer 3 supportavano la crittografia a 40 e a 128 bit, utilizzando Server Gated Cryptography (SGC). Microsoft avrebbe reso di nuovo disponibile la crittografia a 256 bit in Internet Explorer quasi 10 anni dopo, con la versione di Internet Explorer 7 per Windows Vista.

La crittografia a 128 bit era disponibile per queste versioni:

  • Microsoft Internet Explorer 3.0 per Macintosh
  • Microsoft Internet Explorer 3.02
  • Microsoft Internet Explorer 3.03 per Windows NT 3.51 SP1

La versione con crittografia a 128 bit era disponibile soltanto negli Stati Uniti e in Canada, per questioni di legislazione americana. Nel resto del mondo era disponibile solo la versione con crittografia a 40 bit.[35]

La concorrenza con Netscape Navigator[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Guerra dei browser#Prima guerra dei browser.

Internet Explorer 3 fu la prima versione di Internet Explorer ad essere utilizzata su larga scala, anche se la sua quota di mercato non superò ancora quella di Netscape Navigator: essa passò infatti da circa il 3-9% all'inizio del 1996 al 20-30% entro la fine del 1997.[36][2][37] Mentre le versioni precedenti erano state definite "pallide" in confronto a Netscape Navigator, Internet Explorer 3 "dà un duro colpo a Netscape" Navigator.[22]

La competizione tra Netscape e Microsoft "si concentrava sul problema di quale browser Web avesse più funzionalità e il maggior supporto alle ultime tecnologie Internet, come pure di quale aderiva più rigorosamente agli RFC e ad altri standard Internet."[38] Questa competizione iniziò a farsi sempre più seria, tanto che, per dirla con una definizione di allora, «le due società si stanno calpestando a vicenda nel tentativo di attirare gli utenti Web verso i loro prodotti.»[39]

Nel 1996 Microsoft diceva del suo nuovo browser:

(EN)
« Microsoft Internet Explorer 3.0 adds many new features which are great for HTML authors and demonstrates our accelerating commitment to W3C HTML standards. »
(IT)
« Microsoft Internet Explorer 3.0 aggiunge molte nuove funzionalità che sono grandiose per gli autori HTML, e dimostra il nostro crescente impegno verso gli standard HTML del W3C»
(Microsoft, 1996[40])

Per quanto riguarda la versione per Macintosh, una recensione fece notare:

(EN)
« While Netscape Navigator 3.0 is more feature-laden and consequently bigger and slower than previous incarnations, Microsoft Internet Explorer has been refined and optimised into a Web browser that has almost as many features, but is both smaller and faster than its rival. »
(IT)
« Mentre Netscape Navigator 3.0 ha più funzioni e di conseguenza è più grande e lento delle precedenti incarnazioni, Microsoft Internet Explorer è stato perfezionato e ottimizzato in un browser Web che ha quasi tante funzioni quante ne ha il suo rivale, ma è più piccolo e veloce. »
(Clive Grace, MacUser, 1996[41])

Problemi[modifica | modifica wikitesto]

Sicurezza[modifica | modifica wikitesto]

Il 22 agosto 1996, nove giorni dopo il rilascio di Internet Explorer 3, la rivista PC Week segnalò il primo di una lunga serie di problemi di sicurezza che sarebbero stati scoperti di lì in avanti in Internet Explorer: risultato di una ricerca condotta da due ricercatori dell'Università di Princeton, Edward Felten e Dirk Balfanz, il cosiddetto "Princeton Word Macro Virus Loophole" si rivelò un problema di sicurezza molto serio:

(EN)
« The security loophole would allow an attacker to deliver a document to a visiting computer without the visitor's knowledge. It also would let an attack site bypass the pop-up box that warns users a file is about to be transferred. »
(IT)
« Il varco di sicurezza consentirebbe a un malintenzionato di inviare un documento a un computer visitante a insaputa del visitatore. Permetterebbe inoltre a un sito in attacco di eludere la finestra a comparsa che avvisa gli utenti che sta per essere trasferito un file. »
(PC Week, 22 agosto 1996)

Microsoft si affrettò a rilasciare una patch entro il giorno successivo, ma ormai la reputazione di Internet Explorer in fatto di sicurezza era stata compromessa e la caccia alle vulnerabilità era stata innescata.[38][42]

I rapporti con Spyglass[modifica | modifica wikitesto]

Il contratto che Microsoft stipulò con Spyglass per lo sviluppo di Internet Explorer 1 prevedeva il pagamento a Spyglass di una tassa di base trimestrale per la licenza di Spyglass Mosaic, più una quota derivante dai ricavi di vendita del browser.[43]

Tuttavia Microsoft, includendo Internet Explorer 3 direttamente in Windows 95 OSR2, pagò solo la tassa trimestrale minima, e Spyglass intentò causa a Microsoft. Alla fine Microsoft, il 22 gennaio 1997, concordò con Spyglass un risarcimento di 8 milioni di dollari.[44][45]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) Kenneth R. Saborio, WWW Facts - Browsers, Internet Communications Costa Rica. URL consultato l'8 maggio 2011.
  2. ^ a b (EN) John Borland, Browser wars: High price, huge rewards, 15 aprile 2003. URL consultato l'8 marzo 2011 (archiviato dall'url originale il 12 luglio 2011).
  3. ^ È possibile scaricarlo dagli archivi Evolt.org e OldApps.com (si vedano i collegamenti esterni sottostanti).
  4. ^ a b c d e f g h (EN) Martin Veitch, Microsoft releases Internet Explorer 3.0 second beta in ZDNet.co.uk, 17 luglio 1996. URL consultato il 10 marzo 2011.
  5. ^ a b c d e f g (EN) Microsoft Ships Final Release of Internet Explorer 3.0 for Macintosh With Just-in-Time Java Compiler and Native ActiveX Support, PR Newswire, 8 gennaio 1997. URL consultato l'11 marzo 2011.
  6. ^ a b c d e f g h i (EN) Microsoft Internet Explorer 3.0 Beta Now Available, Microsoft, 29 maggio 1996. URL consultato il 16 marzo 2011.
  7. ^ (EN) Håkon Wium Lie, Bert Bos, 20. The CSS saga in Cascading Style Sheets, designing for the Web, 2ª ed., Addison Wesley, 1999, ISBN 0-201-59625-3. URL consultato l'8 marzo 2011.
  8. ^ a b c d e f (EN) A history of Internet Explorer - Highlights from the first 15 years, Microsoft. URL consultato il 17 febbraio 2011 (archiviato dall'url originale il 25 agosto 2011).
  9. ^ (EN) Migrating from Internet Explorer 3.0 to Internet Explorer 4.0 and Later, MSDN. URL consultato il 10 marzo 2011.
  10. ^ (EN) Brian Wilson, HTML Support History in Index DOT Html. URL consultato il 15 marzo 2011.
  11. ^ (EN) Stephen Chapman, JavaScript and JScript: What's the Difference?, About.com. URL consultato il 16 marzo 2011.
  12. ^ (EN) John Zukowski, What does Sun's lawsuit against Microsoft mean for Java developers?, JavaWorld.com, 7 ottobre 1997. URL consultato il 16 marzo 2011.
  13. ^ a b c (EN) Sandi Hardmeier, The History of Internet Explorer, Microsoft, 25 agosto 2005. URL consultato il 26 marzo 2011 (archiviato dall'url originale il 18 aprile 2009).
  14. ^ (EN) Comic Chat - Resources, WebRing. URL consultato il 16 marzo 2011.
  15. ^ (EN) Brian Wilson, Internet Explorer (Windows) in Index DOT Html/Css. URL consultato il 30 marzo 2011.
  16. ^ a b c d e f g Informazioni sulle versioni di Internet Explorer, Microsoft. URL consultato il 17 febbraio 2011.
  17. ^ (EN) Microsoft Launches Microsoft Internet Explorer 3.0 With Exclusive, Free Content Offers From Top Web Sites, Microsoft News Center, 13 agosto 1996. URL consultato l'8 maggio 2011.
  18. ^ (EN) Paul Thurrott, Microsoft delivers Internet Explorer 3.0a for Windows 3.1 and NT 3.51, Windows IT Pro, 22 gennaio 1997. URL consultato il 30 gennaio 2012.
  19. ^ a b c (EN) Old Version of Internet Explorer, OldApps.com. URL consultato il 7 maggio 2011.
  20. ^ (EN) Availability of Internet Explorer 3.02 for Windows 95 and NT 4.0, Microsoft Knowledge Base, 18 dicembre 1998. URL consultato il 13 marzo 2011 (archiviato dall'url originale il 3 maggio 1999). [collegamento interrotto]
  21. ^ (EN) System Requirements, Microsoft. (archiviato dall'url originale il 1º maggio 1999).
  22. ^ a b (EN) Jonathan Chau, Internet Explorer 3.0, Windows IT Pro, 1º novembre 1996. URL consultato il 7 maggio 2011.
  23. ^ a b (EN) Microsoft Internet Explorer 3.0 Beta Software Now Available for Macintosh Users, 5 novembre 1996. URL consultato l'11 marzo 2011.
  24. ^ (EN) Brian Wilson, Internet Explorer (Macintosh) in Index DOT Html/Css. URL consultato il 4 maggio 2011.
  25. ^ a b (EN) Microsoft Announces New Microsoft Internet Explorer for Macintosh; Includes Version 4.0 Features, Microsoft, 14 maggio 1997. URL consultato l'11 marzo 2011.
  26. ^ (EN) Dana Gardner, Microsoft leans toward a Unix platform version of its Internet Explorer browser, InfoWorld Electric, 29 maggio 1996. URL consultato il 10 marzo 2011.
  27. ^ a b (EN) Janet C. Hall, Bristol Technology v. Microsoft (PDF), 3 novembre 2000. URL consultato il 10 marzo 2011.
  28. ^ a b (EN) Bristol Technology v. Microsoft, Tech Law Journal, 21 febbraio 2001. URL consultato il 10 marzo 2011.
  29. ^ (EN) Microsoft Strengthens Cross-Platform Commitment For Microsoft Internet Explorer; Announces Version for UNIX, Updated Versions for Mac and Windows 3.1, 29 luglio 1996. URL consultato il 10 marzo 2011.
  30. ^ (EN) Microsoft Files Opposition to Bristol's Motion for Preliminary Injunction, Tech Law Journal, 30 settembre 1998. URL consultato il 10 marzo 2011.
  31. ^ (EN) Mainsoft ships first MainWin 3.0 Application as Microsoft launches Internet Explorer on Unix, Mainsoft, 4 marzo 1998. URL consultato il 10 marzo 2011.
  32. ^ (EN) Mainsoft MainWin product and professional services to be used by Microsoft to port Internet Explorer technologies to Unix, Mainsoft, 14 agosto 2000. URL consultato il 10 marzo 2011.
  33. ^ (EN) Getting UNIX Out the Microsoft Door, Microsoft, 16 febbraio 1998. URL consultato l'8 maggio 2011 (archiviato dall'url originale il 30 aprile 1999).
  34. ^ (EN) Mauricio Arregoces e Maurizio Portolani, SSL and TLS in Data Center Fundamentals, Indianapolis, Cisco Press, 2004, p. 369, ISBN 1-58705-023-4. URL consultato il 12 ottobre 2013 (archiviato il 12 ottobre 2013).
  35. ^ (EN) How to upgrade Internet Explorer to 128-bit encryption, Microsoft. URL consultato l'11 marzo 2011.
  36. ^ (EN) Maryann Jones Thompson, Behind the numbers: Browser market share, CNN, 8 ottobre 1998. URL consultato l'8 marzo 2011.
  37. ^ (EN) Ed Kubaitis, Browser Statistics for June 1996, University of Illinois at Urbana-Champaign. URL consultato l'8 marzo 2011.
  38. ^ a b (EN) Scott Schnoll, The History of Internet Explorer. URL consultato il 10 marzo 2011 (archiviato dall'url originale il 22 luglio 2011).
  39. ^ (EN) Mitchell, Keith A., Browser wars, Macworld, 1º novembre 1996. URL consultato il 10 marzo 2011. [collegamento interrotto]
  40. ^ (EN) Microsoft Internet Explorer 3.0 HTML Support, Microsoft, 1996. URL consultato il 9 marzo 2011.
  41. ^ (EN) Clive Grace, Microsoft Internet Explorer 3.0, MacUser, dicembre 1996. URL consultato il 10 marzo 2011 (archiviato dall'url originale il 16 gennaio 2009).
  42. ^ (EN) Scott Schnoll, Internet Explorer Security Issues (1996-2002), Internet Explorer Security Center (IESC). URL consultato il 13 marzo 2011 (archiviato dall'url originale il 14 luglio 2011).
  43. ^ (EN) Steve Lohr, Spyglass, a Pioneer, Learns Hard Lessons About Microsoft, The New York Times, 2 marzo 1998. URL consultato il 17 febbraio 2011.
  44. ^ (EN) Paul Thurrott, Microsoft and Spyglass kiss and make up, 22 gennaio 1997. URL consultato il 17 febbraio 2011.
  45. ^ (EN) Peter Elstrom, Microsoft's $8 million goodbye to Spyglass, Bloomberg Businessweek, 22 gennaio 1997. URL consultato il 17 febbraio 2011.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Recensioni[modifica | modifica wikitesto]

Download[modifica | modifica wikitesto]

Versioni per Windows[modifica | modifica wikitesto]

16 bit[modifica | modifica wikitesto]

Versioni per Macintosh[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Versione di Internet Explorer Successore Internet Explorer 10 logo.svg
Versione 2 Versione 3 Versione 4