Bookmark

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

I Bookmark ("Segnalibro" in italiano) indicano i collegamenti all'URL (o l'indirizzo, se si trova in locale) di una particolare pagina web o di un file visualizzabile tramite browser. I bookmark rendono più veloce la consultazione di siti web visitati di frequente evitando che gli utenti ricordino necessariamente gli indirizzi (soprattutto se un deep link).

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

I bookmark sono stati quasi sempre inseriti nei web browser, già da Mosaic, e sono normalmente salvati nel client, come se fosse una cartella in cui organizzare i propri documenti.

Attualmente sia Mozilla Firefox che Google Chrome permettono di registrare i proprio bookmark anche in remoto, previa registrazione di un account personale. Usando lo stesso browser su computer diversi, i bookmark saranno aggiornati automaticamente. Vari programmi shareware o situati in un server sul web sono stati sviluppati per migliorare i segnalibri, ma nessuno di questi ha suscitato grande interesse tra gli utenti.

I bookmark nel browser Internet Explorer, creato dalla Microsoft, sono chiamati "Preferiti". In Mosaic (e nelle vecchie versioni di Opera), i bookmark sono chiamati "Hotlists", in Mozilla Firefox si dicono "Segnalibri".

I live bookmarks, la versione più recente di bookmark, è inclusa in Mozilla Firefox dal 2004 . Usando i feed RSS e Atom, i live bookmarks possono essere situati nella barra dei segnalibri o nella lista come se fossero segnalibri normali, ma regolarmente aggiornati con una lista di link sugli articoli recenti di un sito o di un blog. Anche con Chrome e Internet Explorer è possibile gestire i feed.

Esistono anche portali studiati per utilizzare e gestire online i propri bookmarks e feed RSS, in modo da averli sempre a disposizione a prescindere dal computer dal quale si sta accedendo alla Rete.

Ecco alcuni esempi:

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]