Internet Explorer 2

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

1leftarrow.pngVoce principale: Internet Explorer.

Internet Explorer 2
Logo
Screenshot di Internet Explorer 2 su Windows 95
Screenshot di Internet Explorer 2 su Windows 95
Sviluppatore Microsoft Corporation
Ultima versione Windows: 2.01
Macintosh: 2.1 (agosto 1996)
Sistema operativo Microsoft Windows (Windows 3.1, 95, NT)
Mac OS (System 7, Mac OS 8)
Genere Browser
Licenza MS-EULA
(Licenza chiusa)
Lingua Disponibile in 24 lingue
Sito web microsoft.com/ie/IE.HTM (archiviato)

Internet Explorer 2 è un browser Web grafico rilasciato da Microsoft il 27 novembre 1995 per Windows 95, il 23 aprile 1996 per Apple Macintosh, e il 30 aprile 1996 per Windows 3.1 e Windows NT.
Era incluso in Windows 95 OSR1 e NT 4.0, e veniva anche venduto nell'Internet Starter Kit.

Mancavano ancora molte funzionalità che sarebbero divenute comuni nelle versioni successive di Internet Explorer, tra cui la "e" blu nel logo, l’integrazione in Esplora risorse, e i programmi integrati. La sua quota di mercato era molto più bassa rispetto a quella di Netscape Navigator.

In agosto 1996, venne sostituito da Microsoft Internet Explorer 3, che includeva ingenti modifiche rispetto alla versione precedente. Oggi, il download di Internet Explorer 2 non è più disponibile da Microsoft.[1]

Funzioni[modifica | modifica wikitesto]

Internet Explorer 2 introdusse alcune funzionalità nuove o migliorate:

Nel maggio del 1996, FTP Software annunciò di voler fornire a Microsoft varie tecnologie per Internet Explorer 2.0 per Windows 3.1, tra cui una rete PPP e un client di posta elettronica a 16 bit.[2]
Molte funzionalità si sarebbero presto rivelate fondamentali (come i cookie), mentre altre sarebbero diventate obsolete.[3]

Versioni[modifica | modifica wikitesto]

Versioni per Windows[modifica | modifica wikitesto]

██ Versione di test

Versione Versione estesa[nota 1] Tipo di architettura Pubblicato il Nuove funzionalità Fornito con Supporta
2.0 beta 32 bit 10-95[8] Supporto delle tabelle HTML e di altri elementi.
2.0 4.40.520[9] 32 bit 27-11-95[10] SSL, cookie, VRML, newsgroup. Internet Starter Kit[4] Windows 95
14-02-96[11] Windows 95 OSR1
4.40.1381.1[12][13] 31-07-96[14] Windows NT 4.0 Windows 95, NT 4.0
16 bit 30-04-96[4] Windows 3.1x, NT 3.1, NT 3.5x
2.01[9] 16 bit Windows 3.1x, NT 3.1, NT 3.5x
2.1[8][9] 16 bit Supporto a frame e tabelle complesse.
2.5[8] 16 bit Supporto a JavaScript. Ultima versione per Windows NT 3.1 e Windows NT 3.5.
  1. ^ Fino a Internet Explorer 4, i numeri di versione di Internet Explorer non corrispondono alle versioni effettive del browser: ciò è dovuto al fatto che Internet Explorer 1 era incluso nel pacchetto Microsoft Plus!, il quale utilizzava il numero di versione di Windows. Così, Internet Explorer 1 era identificato con il numero di versione 4.40, perché Windows 95 era la versione 4 di Microsoft Windows.

La versione 2 di Internet Explorer fu rilasciata in beta nell’ottobre 1995, solo due mesi dopo l’uscita della versione 1 in Microsoft Plus! per Windows 95.
Il 27 novembre 1995 fu rilasciata la versione finale a 32 bit per Windows 95. Era inizialmente disponibile in dodici lingue, che poi vennero allargate a 24 per Windows 95 e a 20 per Windows 3.1.[4]

Successivamente, Internet Explorer 2 venne incluso all'inizio del 1996 in Windows 95 OSR1 e nell’"Internet Starter Kit per Windows 95" (che al prezzo di 19,95 $, circa 30.500 lire,[15] forniva anche una guida cartacea e 30 giorni di accesso ad Internet su The Microsoft Network)[4], e nel luglio 1996 in Windows NT 4.0.

La versione 2.0i supportava le codifiche di caratteri a doppio byte per il supporto ai caratteri giapponesi, coreani, polacchi e russi nelle pagine Web.[4]

Versioni per Macintosh[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Internet Explorer Macintosh Edition.

██ Versione di test

Versione Pubblicato il Nuove funzionalità
2.0 beta 23 gennaio 1996[16] Solo per PowerPC.
2.0 23 aprile 1996[16] Aggiunto supporto a 68k.
2.0.1 maggio 1996[17]
2.1 beta luglio 1996[17]
2.1 settembre 1996[17] Supporto a NPAPI.[6]

La versione beta per PowerPC uscì nel gennaio 1996.
La versione finale fu rilasciata tre mesi dopo, il 23 aprile 1996, per System 7.0.1 o superiore (PowerPC e 68k).[16] Era disponibile in 9 lingue.[4]
La versione 2.1 uscì nel settembre 1996, lo stesso periodo in cui la versione 2 per Windows venne rimpiazzata da Internet Explorer 3.

La versione per Macintosh, in particolare la versione 2.1, era apprezzata rispetto a Netscape Navigator per essere parca di risorse e per le nuove funzioni: supportava l'incorporamento di un certo numero di formati multimediali nelle pagine Web, tra cui i formati video AVI e QuickTime, e i formati audio AIFF, MIDI e WAV. La versione 2.1 corresse dei bug, migliorò la stabilità, e aggiunse il supporto per l'architettura NPAPI (in anticipo rispetto alla versione per Windows) e per QuickTime VR.[6] AOL 3.0 per Macintosh usava il motore di rendering di Internet Explorer 2.1 nel suo browser Web incorporato.

La concorrenza con Netscape Navigator[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Guerra dei browser#Prima guerra dei browser.

Il 7 dicembre 1995, Bill Gates dichiarò che avrebbe incluso Internet Explorer 2 direttamente nel successivo Windows 95 OSR1,[18][19] oltre a venderlo con Microsoft Plus!,[4] con il chiaro intento di porre fine alla leadership di Netscape. Internet Explorer 2 replicava molte delle funzionalità di Netscape Navigator, e consentiva di importare i preferiti da esso.[6]

Nonostante ciò, la quota di mercato di Internet Explorer 2 arrivò solo fino a circa il 3-10%.[20][21]
Internet Explorer avrebbe incominciato a dominare il mercato dei browser Web solo a partire dalla versione 3, imponendo a sua volta i propri standard proprio come aveva fatto fino ad allora Netscape Navigator, come testimoniato dalle parole di Jack Weber:

(EN)
« Netscape has enjoyed a virtual monopoly of the browser market (about 90% according to some estimates), and this has allowed it to consolidate its position still further by introducing unofficial or 'extended' HTML tags. As a result, the Web is littered with pages that only work effectively if viewed in Navigator. By the time other browsers catch up, Netscape has made even more additions. »
(IT)
« Netscape gode di un monopolio virtuale del mercato dei browser (circa il 90% secondo alcune stime), e questo permette ad esso di consolidare ulteriormente la propria posizione introducendo tag HTML "estesi" o non ufficiali. Come risultato, il Web si è disseminato di pagine che funzionano correttamente solo se visualizzate in Navigator. Gli altri browser non fanno in tempo a recuperare il divario che Netscape aggiunge nuovamente delle altre caratteristiche. »
(Jack Weber, MacUser, settembre 1996[6])

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ È possibile scaricarlo dagli archivi Evolt.org e OldApps.com (si vedano i collegamenti esterni sottostanti).
  2. ^ a b c d e f g h i j k (EN) FTP Software to provide key technology for Microsoft's Internet Explorer Version 2.0 for Windows 3.1, Business Wire, 1º maggio 1996. URL consultato il 15 febbraio 2011 (archiviato dall'url originale il 15 luglio 2012).
  3. ^ a b c d (EN) A history of Internet Explorer - Highlights from the first 15 years, Microsoft. URL consultato il 17 febbraio 2011 (archiviato dall'url originale il 19 aprile 2012).
  4. ^ a b c d e f g h i (EN) Microsoft Internet Explorer Web Browser Available on All Major Platforms, Offers Broadest International Support, Microsoft News Center, 30 aprile 1996. URL consultato il 1º marzo 2011.
  5. ^ a b (EN) Sandi Hardmeier, The History of Internet Explorer, Microsoft, 25 agosto 2005. URL consultato il 26 marzo 2011 (archiviato dall'url originale il 18 aprile 2009).
  6. ^ a b c d e f (EN) Jack Weber, Microsoft Internet Explorer 2.1, MacUser, settembre 1996. URL consultato il 1° marzo 2011 (archiviato dall'url originale il 25 marzo 2005).
  7. ^ (EN) The History of Internet Explorer, FavBrowser, 16 agosto 2010. URL consultato il 16 marzo 2011.
  8. ^ a b c (EN) Brian Wilson, Internet Explorer (Windows) in Index DOT Html/Css. URL consultato il 30 marzo 2011.
  9. ^ a b c Informazioni sulle versioni di Internet Explorer, Microsoft. URL consultato il 17 febbraio 2011.
  10. ^ (EN) Microsoft Ships Internet Explorer 2.0, Fastest-Growing Web Browser for Windows 95-Based PCs, Microsoft, 27 novembre 1995. URL consultato l'8 maggio 2011.
  11. ^ (EN) Microsoft Releases Windows 95 Service Pack, Microsoft News Center, 14 febbraio 1996. URL consultato il 7 maggio 2011.
  12. ^ (EN) Roger A. Grimes, 8. Internet Browser Technologies in Sue Miller (a cura di), Malicious mobile code: virus protection for Windows, curatore di produzione: Nicole Arigo, progettista della copertina: Hanna Dyer, 1ª ed., Sebastopol, O'Reilly & Associates, Inc., agosto 2001, p. 255, ISBN 1-56592-682-X. URL consultato il 12 marzo 2011.
  13. ^ (EN) Internet Explorer Security Issues. URL consultato il 12 marzo 2011.
  14. ^ (EN) Microsoft Announces the Release of Windows NT Workstation 4.0, Microsoft News Center, 31 luglio 1996. URL consultato il 7 maggio 2011.
  15. ^ Per la conversione lira-dollaro è stato utilizzato il tasso di cambio medio del 1996: 1 dollaro = 1.533 lire.
  16. ^ a b c (EN) Kenneth R. Saborio, WWW Facts - Browsers, Internet Communications Costa Rica. URL consultato l'8 maggio 2011.
  17. ^ a b c (EN) Brian Wilson, Internet Explorer (Macintosh) in Index DOT Html/Css. URL consultato il 4 maggio 2011.
  18. ^ (EN) Steve Lohr, Spyglass, a Pioneer, Learns Hard Lessons About Microsoft, The New York Times, 2 marzo 1998. URL consultato il 17 febbraio 2011.
  19. ^ (EN) Kathy Rebello, Amy Cortese; Rob Hof, Inside Microsoft - The untold story of how the Internet forced Bill Gates to reverse course, Businessweek, 15 luglio 1996. URL consultato il 21 febbraio 2011.
  20. ^ Ed Kubaitis. (EN) Browser Statistics for April 1996, Browser Statistics for May 1996, Browser Statistics for June 1996, Browser Statistics for July 1996. University of Illinois at Urbana-Champaign. URL consultati il 12 luglio 2011. Quote di mercato da aprile 1996 a luglio 1996 (dal server Web EWS alla UIUC): 82,63% Netscape Navigator, 10,22% Internet Explorer.
  21. ^ (EN) Browser Expected to Use in 12 Months, aprile 1996. URL consultato il 12 luglio 2011.. Quote di mercato previste per aprile 1997 (da GVU WWW User Survey): 89,36% Netscape Navigator, 3,76% Internet Explorer.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Download[modifica | modifica wikitesto]

Versioni per Windows[modifica | modifica wikitesto]

Versioni per Macintosh[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Versione di Internet Explorer Successore Internet Explorer 10 logo.svg
Versione 1 Versione 2 Versione 3