Inger Christensen

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Inger Christensen

Inger Christensen (Vejle, 16 gennaio 1935Copenaghen, 2 gennaio 2009) è stata una poetessa, scrittrice e saggista danese, più volte candidata per il Nobel[1]. Nota soprattutto per le raccolte poetiche Alphabet[2] e Det (tradotta in Inglese It), nella quale affronta quelle tematiche filosofiche, estetiche e sociali che, nel 1969, interessavano l'opinione pubblica danese[3]: fu per questo insignita del Premio Gyldne Laurbær - e Det divenne così libro danese dell'anno[4].

Nel 1981 tentò una combinazione di proporzione numerica - ricorrendo alla sequenza di Fibonacci -, metrica e poeticità nella raccolta Alphabet: trattava, soprattutto, l'eventuale conflitto nucleare e la conseguente devastazione ecologica[5], in una crescita e decrescita di elementi che contribuiscono a descrivere il disastro finale[6]. Alla traduttrice in Inglese Susanna Nied (2001) è stato conferito il PEN Translation Prize[7].

Nel 1991 pubblicò Sommerfugledalen: Et requiem (tradotto in Inglese nel 2004 come Butterfly Valley: A Requiem), una raccolta di 15 sonetti poi inserita nel Kulturkanonen - un'iniziativa promossa dal Ministro della Cultura danese Brian Mikkelsen, che voleva così raccogliere le eccellenze tra le produzioni dell'intelletto danese.

Nel 1978 è stata accolta, come membro, nella Kongelige Danske Videnskabernes Selskab (l'Accademia reale danese). Nel 1994 è poi diventata membro dell'Académie Européenne de Poésie e nel 2001 dell'Akademie der Künste di Berlino.

Nel 1991 ha vinto il Grand Prix des Biennales Internationales de Poésie e, nello stesso anno, anche il Rungstedlund Award. Nel 1994 ha poi vinto il prestigioso Staatspreis für Literatur del Governo austriaco e, sempre nello stesso anno, il "Piccolo Nobel", che l'ha consacrata tra le eccellenze scandinave. Nel 1995, ancora, ha vinto l'European Poetry Prize, nel 2001 l'America Award, nel 2006, in Germania, il Siegfried Unseld.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Inger Christensen er død (2009-01-05) (Danish). Politiken.
  2. ^ Williamson, Marcus (2 February 2009). "INGER CHRISTENSEN". The Independent. Retrieved 13 February 2013.
  3. ^ Fox, Margalit (2009-01-12). "Inger Christensen, Scandinavian Poet, Is Dead at 73". The New York Times. Retrieved 2012-03-02.
  4. ^ "De Gyldne Laurbær". boghandlerklubben.dk (in Danish). Boghandlerklubben. Retrieved 2012-03-02.
  5. ^ Whitener, Brian (22 September 2001). "Alphabet. (Brief Reviews)". Chicago Review. Retrieved 13 February 2013.
  6. ^ Women in world history a biographical encyclopedia. Waterford, Conn.: Yorkin Publications. 1999. ISBN 9781414412672
  7. ^ Cushing, Iris. "Susanna Nied on Translating alphabet by Inger Christensen (Part One)". Circumference Magazine. Retrieved 13 February 2013.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]