Pavel Kohout

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Pavel Kohout

Pavel Kohout (Praga, 20 giugno 1928) è uno scrittore, drammaturgo e poeta ceco naturalizzato austriaco sostenitore della Primavera di Praga (1968), periodo di liberalizzazione in Cecoslovacchia terminato con l'invasione sovietica e membro del Partito Comunista della Cecoslovacchia, per le sue posizioni fu costretto in Austria negli anni settanta.

Era stato anche uno dei fondatori e membro della Charta 77, e anche per questo fu costretto in esilio. Dissidente ma anche grande artista, ha fondato una compagnia teatrale in patria con gli attori Pavel Landovsky, Vlasta Chramostova, Vlastimil Tresnak e la prima moglie Tereza Bouckova per rappresentare un'interpretazione personale del Macbeth di Shakespeare a Praga (a questa rappresentazione è ispirato il film Dogg's Hamlet, Cahoot's Macbeth del regista inglese Tom Stoppard).

La sua opera più conosciuta è il dramma Povero assassino (Poor Murderer), rappresentato a Broadway nel 1976, basata su un'opera del grande Leonid Nikolaevič Andreev. Come scrittore, si ricordano alcuni importanti romanzi: Il libro bianco (sulla vita sotto il Comunismo), Io sono neve (storia movimentata sull'apertura della polizia riguardo ai nomi di vittime e interrogati, su abusi e ingiustizie commesse per ordine del regime comunista), La vedova killer (un giallo ambientato nella Praga occupata dalla Germania nazista durante la Seconda guerra mondiale) e La donna-boia (sulla storia dei carnefici e delle carneficine)

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 56612039 LCCN: n50042969