Andrzej Szczypiorski

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Andrzej Szczypiorski

Andrzej Szczypiorski (Varsavia, 3 febbraio 1924Varsavia, 16 maggio 2000) è stato uno scrittore e politico polacco membro dell'AL (Armia Ludowa), una forza armata partigiana filo-comunista che si opponeva ai nazisti, durante la Seconda guerra mondiale. Prese parte alla Rivolta di Varsavia il 2 ottobre 1944, collaborando con l'Armia Krajowa, ma fu catturato e imprigionato nel Campo di concentramento di Sachsenhausen, situato a 35km da Berlino. È stato Ambasciatore di Buona Volontà dell'UNICEF per la Polonia. Ha vinto il Premio di Stato austriaco per la Letteratura Europea (Österreichischer Staatspreis für Europäische Literatur), del quale sono stati insigniti scrittori quali gli italiani Italo Calvino, Umberto Eco, Antonio Tabucchi e Claudio Magris, il connazionale Stanisław Lem e la francese Simone de Beauvoir, nel 1988.

Elenco delle opere (titoli in Polacco)[modifica | modifica sorgente]

  • 1966: Podróż do krańca doliny
  • 1971: Msza za miasto Arras
  • 1983: Z notatnika stanu wojennego
  • 1986: Początek
  • 1990: Amerykańska whiskey i inne opowiadania
  • 1991: Noc, dzień i noc
  • 1994: Autoportret z kobietą
  • 1999: Gra z ogniem

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 72192753