Einar Már Guðmundsson

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Einar Már Guðmundsson

Einar Már Guðmundsson (Reykjavík, 18 settembre 1954) è uno scrittore islandese, sia poeta che romanziere, ma anche traduttore.

Einar Már Guðmundsson è cresciuto a Reykjavík e nel 1979 ha ricevuto un Bachelor of Arts in letteratura comparata e storia da parte dell'Università d'Islanda. Negli anni successivi ha lavorato nel dipartimento di letteratura comparata dell'Università di Copenaghen.

Einar Már Guðmundsson vive a Reykjavík con la moglie e i suoi cinque figli.

Opere[modifica | modifica sorgente]

  • 1980: Er nokkur í kórónafötum hér ("Chi sta indossando la xxxxxx")
  • 1980: Sendisveinninn er einmana ("La solitudine del facchino")
  • 1981: Róbinson Krúsó snýr aftur ("Robinson Crusoe ritorna a casa")
  • 1982: Riddarar hringstigans ("I cavalieri della scala a chiocciola")
  • 1983: Vænggjasláttur í pakrennunum ("Battito d’ali sul tetto")
  • 1986: Eftirmáli regndroppana ("Epilogo delle gocce di pioggia")
  • 1988: Leitin að dýragarðinum ("Alla ricerca dello zoo")
  • 1990: Rauðir Dagar ("Giorni rossi")
  • 1991: Klettur í hafi ("La roccia nell’oceano")
  • 1992: Fólkið í steininum ("Il popolo della roccia")
  • 1993: Hundakexið ("Il biscotto del cane")
  • 1993: Englar Alheimsins ("Angeli dell’universo")
  • 1997: Fótspor á himnum ("Orme nel cielo")

Bibliografia in italiano[modifica | modifica sorgente]

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Cavaliere dell'Ordine del Falcone - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine del Falcone
«Per il contributo alla letteratura islandese»
— 2002

Controllo di autorità VIAF: 14798650 LCCN: n86095266