Giovanni l'Alchimista

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giovanni di Hohenzollern
Margravio di Brandeburgo-Kulmbach
Stemma
In carica 1440-1457
Predecessore Federico I di Brandeburgo
Successore Alberto III di Brandeburgo
Nascita 1406
Morte Baiersdorf, 16 novembre 1464
Casa reale Casa di Hohenzollern
Padre Federico I di Brandeburgo
Madre Elisabetta di Baviera-Landshut
Consorte Barbara di Sassonia-Wittenberg

Giovanni di Hohenzollern (detto l'Alchimista) (1406Baiersdorf, 16 novembre 1464) fu un Margravio di Brandenburgo-Kulmbach e servì da margravio pacifista di Brandenburgo dopo l'abdicazione di suo padre, Federico I, il primo membro del Casato di Hohenzollern a regnare su Brandenburgo.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Giovanni era figlio di Federico I e di Elisabetta di Baviera-Landshut, figlia di Federico di Baviera-Landshut, e della sua seconda moglie, Maddalena Visconti.

Partecipò agli affari governativi del Brandeburgo nel 1424. Frustrato da controversie con la nobiltà feudale, Federico I si ritirò nel suo castello a Cadolzburg, in Franconia, nel 1425.

Non venne ben ricevuto dal popolo del Brandeburgo, in quanto la sua amministrazione era incompetente, portando disordini nelle campagne. Piuttosto che alla disciplina, Giovanni era più interessato a creare artificialmente oro attraverso l'alchimia, ricevendo così il soprannome "l'Alchimista". Comprendendo il pericolo nella quale vi era il Brandeburgo, Federico I concesse a Giovanni il Brandenburgo-Kulmbach, il 7 giugno 1437, territorio ricco di miniere. Il governo del Brandeburgo passò a suo fratello, Federico II.

Matrimonio[modifica | modifica sorgente]

Sposò, il 25 agosto 1411, Barbara di Sassonia-Wittenberg, figlia di Rodolfo III di Sassonia-Wittenberg. Ebbero quattro figli:

Giovanni ebbe inoltre un figlio illegittimo:

  • Federico di Brandeburgo. Ebbe due figlie:

Morte[modifica | modifica sorgente]

Dopo la morte di Federico I nel 1440, Giovanni ereditò tutti i possedimenti del Brandeburgo-Kulmbach, tra cui il castello di Plassenburg, a Kulmbach. Nei suoi ultimi anni, ha permesso a Cristoforo di Baviera di amministrare i suoi possedimenti nel Palatinato, carica che mantenne fino alla morte di Cristoforo nel 1448. Nel 1457 abdicò nei confronti di suo fratello Alberto, per dedicarsi allo studio dell'alchimia. Morì nel Castello Scharfeneck, vicino Baiersdorf, nel 1464.


Predecessore Margravio di Brandeburgo Successore
Federico I 1426-1440 Federico II
Predecessore Margravio di Brandeburgo-Kulmbach Successore
Federico I 1440-1457 Alberto III

Controllo di autorità VIAF: 42783369