Giornata mondiale della gioventù

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Giornata Mondiale della Gioventù)
Giovanni Paolo II saluta i fedeli durante la GMG del 2000 a Roma.

La Giornata mondiale della gioventù, spesso chiamata con la sigla GMG in italiano, o WYD (World Youth Day) in inglese, è un incontro internazionale di spiritualità e cultura dei giovani cattolici, promosso dalla Chiesa cattolica su iniziativa del Papa.

Tali incontri ebbero inizio nel 1985 per intuizione di papa Giovanni Paolo II, il quale tuttavia non si considerò mai il fondatore delle GMG, piuttosto affermava: «i giovani le hanno create».[1] Egli desiderava promuovere le aspirazioni dei giovani ad avere un proprio spazio nella chiesa e nel mondo, e, disponendosi a sostenere la loro iniziativa, creò la "Sezione giovani" del Pontificio Consiglio per i Laici, che coordina la realizzazione delle giornate.

Le Giornate mondiali della gioventù vengono celebrate secondo due modalità:

  • a livello internazionale, ogni due o tre anni in una specifica città del mondo scelta volta per volta dal Pontefice, con un grande raduno che avviene secondo modalità consolidate negli anni e con un grande numero di partecipanti da ogni parte del mondo. L'ultimo incontro internazionale, il primo presieduto da papa Francesco, si è tenuto dal 23 al 28 luglio 2013 a Rio de Janeiro, in Brasile;
  • a livello diocesano, negli anni in cui non si svolge la GMG internazionale, in occasione della Domenica delle Palme. Gli incontri sono organizzati su iniziativa delle varie diocesi mondiali e in piazza San Pietro a Roma con il Papa. L'ultima si è svolta il 13 aprile 2014.

Il programma tipico di una GMG internazionale[modifica | modifica wikitesto]

Questo è il programma di massima di uno degli ultimi cinque incontri internazionali.

Settimana precedente all'incontro[modifica | modifica wikitesto]

  • "Giorni nelle diocesi" o "Giornate dell'incontro" o DID, dall'inglese Days in the Dioceses. I partecipanti passano quattro-cinque giorni ospiti delle Diocesi limitrofe alla città che ospita l'evento, per una sorta di gemellaggio che prevede scambi culturali, momenti di spiritualità e di svago. L'accoglienza DID si è ufficializzata nell'evento parigino del 1997.

Martedì[modifica | modifica wikitesto]

Apertura solenne della GMG con una santa messa. Partono in città alcuni piccoli eventi collaterali (mostre, concerti, momenti di preghiera eccetera), tra i quali è generalmente prevista una grande festa dedicata ai pellegrini italiani.

Mercoledì[modifica | modifica wikitesto]

Iniziano le catechesi mattutine per i partecipanti, tenute da personalità del mondo cattolico, in genere vescovi.

Giovedì[modifica | modifica wikitesto]

Secondo giorno di catechesi mattutine. Arrivo nella città del Papa.

Venerdì[modifica | modifica wikitesto]

Terzo giorno di catechesi mattutine; al pomeriggio grande Via crucis per le strade o in un luogo simbolo della città.

Sabato[modifica | modifica wikitesto]

Trasferimento a piedi dei pellegrini in un grande spazio aperto dove in serata si svolge una veglia di preghiera ed adorazione eucaristica presieduta dal Papa. I partecipanti pernottano in quel luogo.

Domenica[modifica | modifica wikitesto]

In mattinata, Messa presieduta dal Pontefice, al cui termine viene dato l'annuncio del nome della città che ospiterà l'incontro internazionale successivo. Segue la recita dell'Angelus.

Deflusso dei pellegrini.

La storia delle GMG[modifica | modifica wikitesto]

Le origini[modifica | modifica wikitesto]

Tra il 1983 e il 1984, nel 1950º anniversario della Risurrezione di Gesù, si tenne a Roma l'Anno Santo della Redenzione. Nel programma fu inserito il Giubileo internazionale della gioventù in prossimità della Domenica delle Palme: in quell'occasione trecentomila giovani provenienti da più parti del mondo giunsero in città, ospitati da circa seimila famiglie romane. Nell'occasione papa Giovanni Paolo II consegnò una croce di legno ai giovani per simboleggiare "l'amore del Signore Gesù per l'umanità e come annuncio che solo in Cristo morto e risorto c'è salvezza e redenzione". Da allora presenzia alle veglie di tutti gli incontri internazionali e ha visitato decine di paesi in tutti i continenti.

Il 1985 fu proclamato dall'ONU Anno internazionale della gioventù. Giovanni Paolo II colse l'occasione per ripetere l'esperienza dell'anno precedente promuovendo un nuovo incontro, che chiamò trecentocinquantamila giovani, di nuovo la Domenica delle Palme. Nell'occasione il Papa istituì ufficialmente la "Giornata mondiale della gioventù", da celebrarsi con cadenza annuale appunto la settimana precedente a Pasqua.

La prima edizione si svolse quindi a Roma il 23 marzo 1986. In quell'occasione Giovanni Paolo II si rivolse ai giovani di tutto il mondo con la lettera Sempre pronti a testimoniare la speranza che è in Voi, dando quindi appuntamento a tutti per l'anno successivo non di nuovo a Roma, ma a Buenos Aires. Negli anni dispari l'incontro si sarebbe quindi svolto in una città del mondo scelta dal papa.

Da allora il dicastero vaticano incaricato dell'organizzazione e del coordinamento delle Giornate mondiali è il Pontificio Consiglio per i Laici, la cui "Sezione Giovani" fu istituita a questo scopo nel 1985[2].

Gli incontri internazionali degli anni ottanta[modifica | modifica wikitesto]

L'incontro di Buenos Aires si tenne l'11 e 12 aprile del 1987, Domenica delle Palme: nell'occasione novecentomila persone affollarono l'imponente viale Avenida 9 de Julio.

La seconda GMG internazionale, tenutasi a Santiago de Compostela, in Spagna, nel 1989, fu tra le probabili concause che ridiedero popolarità all'antico cammino di Santiago; a partire da questo incontro la giornata mondiale si è ampliata con tre giorni di catechesi prima della celebrazione finale. Per la prima volta l'incontro non si teneva la Domenica delle Palme, ma in piena estate.

Gli incontri internazionali successivi divennero sempre più lunghi e articolati.

Gli anni novanta[modifica | modifica wikitesto]

La città successiva che ospitò l'evento fu Częstochowa: scelta doppiamente significativa: il Papa nel 1991 portava per la prima volta la GMG non solo nel proprio paese natale, la Polonia ma anche al di là della cortina di ferro. Per la prima volta quindi parteciparono i giovani degli stati dell'ormai defunto blocco sovietico.

L'edizione successiva, tenutasi nel 1993, si svolgeva per la prima volta in un paese, gli Stati Uniti, non a maggioranza cattolica. La novità di questa edizione fu la celebrazione della Via Crucis. Dopo le prime "pionieristiche" edizioni, la GMG cominciava ad essere un evento di rilevante portata mediatica.

Nel 1995 la Giornata giungeva in Asia, a Manila, capitale delle Filippine, il paese più cattolico del continente: si tratta dell'edizione che in assoluto ha visto più partecipanti, circa cinque milioni[3][4]: in base alle stime, si tratta del settimo più grande raduno di massa della storia.

Due anni dopo è Parigi a ospitare l'evento. L'introduzione di quest'anno furono i cosiddetti "Giorni nelle Diocesi": i pellegrini furono per alcuni giorni ospiti delle diocesi francesi con momenti di festa, preghiera e conoscenza.

Gli anni duemila[modifica | modifica wikitesto]

Per l'edizione successiva di Roma si dovettero aspettare tre anni, e non due: questo per inserire l'incontro nel calendario del Giubileo del 2000. Oltre due milioni e mezzo di pellegrini raggiunsero la Città eterna, per partecipare alle iniziative, culminate con una veglia e la messa presso la spianata di Tor Vergata. Nell'occasione i media italiani coniarono il termine "papaboys" per descrivere i giovani partecipanti.

La XVII Giornata mondiale della gioventù si tenne a Toronto, in Canada. Questo incontro è ricordato soprattutto per il clima di incertezza in cui si svolse, essendo ancora freschi nella memoria gli attentati dell'11 settembre 2001. Fu anche l'ultimo incontro di papa Wojtyła, che vi partecipò ormai molto malato.

È il nuovo pontefice, Benedetto XVI, ad accogliere i giovani nell'agosto del 2005 nella città di Colonia in Germania, sua terra di origine. Siamo venuti per adorarlo fu lo slogan della manifestazione: sono le stesse parole pronunciate dai re Magi, le cui reliquie secondo la tradizione sono custodite nella città sul Reno.

L'edizione del 2008 a Sydney in Australia, è stata probabilmente quella con la maggiore risonanza mediatica[5]. Ampio risalto è stato dato in queste giornate ai drammi degli australiani aborigeni; la giornata è ricordata anche per una nuova dichiarazione del Papa circa i casi di pedofilia all'interno della Chiesa cattolica.

Gli anni duemiladieci[modifica | modifica wikitesto]

La XXVI edizione si è svolta a Madrid in Spagna dal 16 al 21 agosto 2011; l'affluenza dei pellegrini alla Messa conclusiva è stata stimata in circa 2 milioni dagli organizzatori. Dal 23 al 28 luglio 2013 si è svolta la XXVIII edizione, la prima con papa Francesco, a Rio de Janeiro, in Brasile, con un'affluenza stimata di oltre 3 milioni di pellegrini.[6] Durante la GMG si è svolto anche il più grande flash mob del mondo, che ha visto la partecipazione anche dei 1200 vescovi presenti.[7]

La prossima Giornata mondiale della gioventù si svolgerà nel 2016 a Cracovia, in Polonia, terra nativa di San Giovanni Paolo II, fondatore e patrono delle giornate mondiali della gioventù.

Tutte le giornate mondiali della gioventù[modifica | modifica wikitesto]

        Data         Logo Partecipanti, luogo, città Ediz. Tema
11-15 aprile,
22 aprile 1984
Gmg1984 logo.gif
300.000[8]/400.000[9]
Piazza San Pietro,
Roma-Stemma.png Roma - Flag of the Vatican City.svg Città del Vaticano
Italia Italia - Città del Vaticano Città del Vaticano
0 Nessun tema
31 marzo 1985
Gmg1985 logo.jpg
250.000[8]/350.000
Piazza San Pietro,
Roma-Stemma.png Roma - Flag of the Vatican City.svg Città del Vaticano,
Italia Italia - Città del Vaticano Città del Vaticano
0 Maestro che devo fare per avere la vita eterna? (Mt 19,16)
23 marzo 1986 Diocesana I Sempre pronti a testimoniare la speranza che è in voi (1Pt 3,15)
11-12 aprile 1987
Gmg1987 logo.gif
900.000/1.000.000[10]
Avenida 9 de Julio,
Escudo de la Ciudad de Buenos Aires.svg Buenos Aires
Argentina Argentina
II Noi abbiamo riconosciuto e creduto all'amore che Dio ha per noi (1Gv 4,16)
27 marzo 1988 Diocesana III Fate quello che egli vi dirà (Gv 2,5b)
15-20 agosto 1989
Gmg1989 logo.gif
600.000[9]
Monte do Gozo,
Escudo de Santiago de Compostela.svg Santiago de Compostela
Spagna Spagna
IV Io sono la via, la verità, la vita (Gv 14,6)
8 aprile 1990 Diocesana V Io sono la vite voi i tralci (Gv 15,5)
10-15 agosto 1991
Gmg1991 logo.gif
1.500.000[8]/1.800.000[9] da 75 nazioni
Jasna Góra,
POL Częstochowa COA.svg Częstochowa
Polonia Polonia
VI Avete ricevuto uno Spirito da Figli (Rm 16,15)
12 aprile 1992 Diocesana VII Andate in tutto il mondo e predicate il Vangelo (Mc 16,15)
10-15 agosto 1993
Gmg1993 logo.gif
500.000[8]/1.000.000[9] da 100 nazioni
Cherry Creek State Park,
DenverCOseal.gif Denver
Stati Uniti Stati Uniti
VIII Io sono venuto perché abbiano la vita e l'abbiano in abbondanza (Gv 10,10)
22 marzo 1994 Diocesana IX Come il Padre ha mandato me, anch'io mando voi (Gv 20,21)
10-15 gennaio 1995
Gmg1995 logo.gif
4.000.000[9]/5.000.000[10]
Luneta Park,
Ph seal ncr manila.svg Manila
Filippine Filippine
X Come il Padre ha mandato me, anch'io mando voi (Gv 20,21)
31 marzo 1996 Diocesana XI Signore da chi andremo? Tu solo hai parole di vita eterna (Gv 6,68)
19-24 agosto 1997
Gmg1997 logo.gif
1.100.000[9]/1.200.000[11] da 157 nazioni
Ippodromo di Longchamps
Grandes armes de la ville de Paris.svg Parigi
Francia Francia
XII Maestro dove abiti? Venite e vedrete (Gv 1,38-39)
5 aprile 1998 Diocesana XIII Lo Spirito vi insegnerà ogni cosa (Gv 14,26)
28 marzo 1999 Diocesana XIV Il Padre vi ama (Gv 16,27)
15-20 agosto 2000
Gmg2000 logo.jpg
2.000.000[8]/2.500.000[12] da 157 nazioni
Tor Vergata,
Roma-Stemma.png Roma
Italia Italia
XV Il Verbo si fece carne e venne ad abitare in mezzo a noi (Gv 1,14)
8 aprile 2001 Diocesana XVI Se qualcuno vuol venire dietro a me, rinneghi sé stesso, prenda la sua croce e mi segua (Lc 9,23)
23-28 luglio 2002
Gmg2002 logo.gif
800.000[8] da 172 nazioni
Downsview Park,
Blason ville ca Toronto (Ontario).svg Toronto
Canada Canada
XVII Voi siete il sale della terra, la luce del mondo (Mt 5,13-14)
12 aprile 2003 Diocesana XVIII Ecco tua madre! (Gv 19,27)
1º aprile 2004 Diocesana XIX Vogliamo vedere Gesù (Gv 12,21)
16-21 agosto 2005
Logo GMG 2005.gif
1.200.000[11] da 193 nazioni
Marienfeld,
DEU Koeln COA.svg Colonia
Germania Germania
XX Siamo venuti per adorarlo (Mt 2,2)
9 aprile 2006 Diocesana XXI Lampada per i miei passi è la tua parola, luce sul mio cammino (Sal 119, 105)
1º aprile 2007 Diocesana[13] XXII Come io vi ho amato, così amatevi anche voi gli uni gli altri (Gv 13, 34)
15-20 luglio 2008
Logosydney.jpeg
350.000/500.000[14][15] da 170 nazioni
Ippodromo di Randwick,
New South Wales coa.png Sydney
Australia Australia
XXIII Avrete forza dallo Spirito Santo che scenderà su di voi e mi sarete testimoni (At 1, 8)
5 aprile 2009 Diocesana XXIV Abbiamo posto la nostra speranza nel Dio vivente (1Tm 4,10)
28 marzo 2010 Diocesana XXV Maestro buono, che cosa devo fare per avere in eredità la vita eterna? (Mc 10,17)
16-21 agosto 2011
Logo GMG 2011 Madrid.jpg
circa 2.000.000 secondo gli organizzatori[16][17] da 193 nazioni,
aeroporto Cuatro Vientos,
Escudo de Madrid.svg Madrid
Spagna Spagna
XXVI Radicati e fondati in Cristo, saldi nella fede (Col 2,7)
1º aprile 2012 Diocesana XXVII Siate sempre lieti nel Signore! (Fil 4,4)
23-28 luglio 2013
Logo GMG 2013 Rio de Janeiro.jpg
più di 3.000.000 secondo i media brasiliani[18]
Copacabana,
Escudo Rio de Janeiro.gif Rio de Janeiro
Brasile Brasile[19]
XXVIII Andate e fate discepoli tutti i popoli! (Mt 28,19)
13 aprile 2014 Diocesana XXIX Beati i poveri in spirito, perché di essi è il regno dei cieli (Mt 5,3)
29 marzo 2015 Diocesana XXX Beati i puri di cuore, perché vedranno Dio (Mt 5,8)
26 luglio-1º agosto 2016 POL Kraków COA.svg Cracovia
Polonia Polonia
XXXI Beati i misericordiosi, perché troveranno misericordia (Mt 5,7)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dario Di Giosia, La pastorale dei giovani. Uno studio sul magistero di Giovanni Paolo II, Libreria editrice vaticana, 2011, p. 106
  2. ^ La Santa Sede - La Curia Romana - Pontifici Consigli
  3. ^ vaticano - gmg Benedetto XVI: Giovani di tutto il mondo venite a Colonia! - Asia News
  4. ^ Il Sole 24 ORE.com - Gmg, vent'anni di incontri nel segno di papa Wojtyla
  5. ^ Via Crucis, la passione e morte di Cristo nei luoghi di Sydney
  6. ^ Papa: demolite violenza, abbattete egoismo e odio, ANSA. URL consultato il 28 luglio 2013.
  7. ^ Papa, 3 milioni all'ultima messa
  8. ^ a b c d e f Una storia di successo fa il giro del mondo: la storia delle giornate mondiali della gioventù, da wyt2005.de
  9. ^ a b c d e f Fonte ANSA, riportate in La rivoluzione in una Giornata, Pino Vicentini, Avvenire, venerdì 11 agosto 2000.
  10. ^ a b Gmg, vent'anni di incontri nel segno di papa Wojtyla, Il Sole 24 Ore, 19 agosto 2005.
  11. ^ a b Storia della GMG, da wyd2008.org
  12. ^ Il fuoco del mondo, Famiglia Cristiana, 27 agosto 2000.
  13. ^ Evento collaterale alle GMG previsto per il 2007 è stato l'Incontro nazionale dei giovani a Loreto nell'ambito dell'Agorà dei giovani italiani. I temi delle GMG del 2007 e 2008 sono stati adottati come temi dei tre anni pastorali in cui si svolge l'Agorà.
  14. ^ In 500 mila alla messa finale del Papa «Siete la speranza dell'umanità», Corriere della Sera del 20 luglio 2008.
  15. ^ Sydney, mezzo milione di giovani "Nuova era aperta alla speranza", La Repubblica, 20 luglio 2008.
  16. ^ GMG 2011 - Giornata mondiale della gioventù - Una gioia che resiste
  17. ^ Giovanna Chirri (Ansa), Papa saluta Spagna, folla oceanica e malori. URL consultato il 22 agosto 2011.
  18. ^ Giornata mondiale della gioventù 2013 | GMG 2013 | Papa a Copacabana (diretta)
  19. ^ Gianni Valente (La Stampa), Gmg 2013, Rio de Janeiro sarà la sede dell'incontro mondiale. URL consultato il 22 agosto 2011.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cattolicesimo Portale Cattolicesimo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cattolicesimo