Eurovision Song Contest 1964

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Eurovision Song Contest 1964
ESC 1964 logo.png
Edizione IX
Periodo 21 marzo
Sede Tivolis Koncertsal di Copenaghen
Presentatore Lotta Weever
Trasmesso da DR
Partecipanti 16
Paesi debuttanti Bandiera del Portogallo Portogallo
Vincitore Bandiera dell'Italia Italia
Secondo Bandiera del Regno Unito Regno Unito
Terzo Bandiera di Monaco Principato di Monaco
Cronologia
1963 1965

Il nono Gran Premio Eurovisione della Canzone si tenne a Copenaghen (Danimarca) il 21 marzo 1964.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1964, la Svezia dovette ritirarsi dal concorso a causa di uno sciopero degli artisti, ma i paesi partecipanti furono ancora sedici poiché il Portogallo aderì al concorso. Un uomo entrò sulla scena, dopo l’esibizione svizzera, con uno striscione che diceva “Boicotta Franco e Salazar”, entrambi erano allora dittatori in Spagna e in Portogallo. Il regista spostò l’inquadratura sul tabellone del punteggio e l’uomo fu fatto uscire con la forza.

Il sistema di voto fu modificato ancora una volta: l’insieme dei membri di ogni giuria fu ridotto da 20 a 10 con a disposizione 9 punti da assegnare. La canzone che avesse ricevuto la maggior parte dei voti dalla giuria avrebbe avuto 5 punti, la seconda 3 punti e la terza un punto. Nel caso una canzone avesse guadagnato tutti i voti, a questa canzone sarebbero stati assegnati tutti e 9 i punti e se soltanto due canzoni avessero ricevuto tutti i voti alla prima sarebbe stati assegnati 6 punti ed alla seconda 3 punti. Se tre canzoni avessero ricevuto tutti i voti, alla prima sarebbero toccati 5 punti, alla seconda 3 punti ed alla terza 1 punto.

Il Portogallo, la Svizzera, Germania Ovest e la Jugoslavia non ebbero nessun punto, mentre l’Italia vinse con la sedicenne Gigliola Cinquetti, che conquistò larga fama, cantando Non ho l’età. Altri artisti ben noti furono Hugues Aufray, rappresentante dell Lussemburgo che si classificò al quarto posto con la canzone Dès que le printemps revient, ed Udo Jürgens, rappresentante dell’Austria al quinto posto con Warum nur warum?. La Svizzera si presenta, di nuovo, con Anita Traversi che canta, anche stavolta in italiano, il brano I miei pensieri.

Canzoni, autori, cantanti e nazioni in ordine di uscita[modifica | modifica wikitesto]

  1. Bandiera del Lussemburgo Lussemburgo Des que le printemps revient (Jacques Plante et Huhues Aufray) Hugues Aufray
  2. Bandiera dei Paesi Bassi Paesi Bassi Jij Bent Mijn Leven (René De Vos & Ted Powder) Anneke Grönloh
  3. Bandiera della Norvegia Norvegia Spiral (Egil Hansen & Sigurd Jansen) Arne Bendiksen
  4. Bandiera della Danimarca Danimarca Sangen Om Dig (Mogens Dam & Aksel V. Rasmussen) Bjørn Tidmand
  5. Bandiera della Finlandia Finlandia Laiskotellen (Sauvo Puhtila & Lasse Mårtenson) Lasse Mårtenson
  6. Bandiera dell'Austria Austria Warum, Nur Warum? (Udo Jürgens) Udo Jürgens
  7. Bandiera della Francia Francia Le chant de Mallory (Pierre Cour et André Popp) Rachel
  8. Bandiera del Regno Unito Regno Unito I Love The Little Things (Tony Hatch) Matt Monro
  9. Bandiera della Germania Ovest Germania Ovest Man gewöhnt sich so schnell an das Schöne (Niels Nobach und Rudi Von Der Dovenmühl) Nora Nova
  10. Bandiera di Monaco Principato di Monaco Où sont-elles passées? (Pierre Barouh et Francis Lai) Romuald
  11. Bandiera del Portogallo Portogallo Oração (Francisco Nicholson, Rogério Bracinha e João Nobre) Antonio Calvário
  12. Bandiera dell'Italia Italia Non ho l'età (Per amarti) (Nisa e Mario Panzeri) Gigliola Cinquetti
  13. Bandiera della Jugoslavia Jugoslavia Život je sklopio krug (Stevan Raickovic e Srdjan Matijevic) Sabahudin Kurt
  14. Bandiera della Svizzera Svizzera I miei pensieri (Sanzio Chiesa e Giovanni Pelli) Anita Traversi
  15. Bandiera del Belgio Belgio Près de ma rivière (Robert Cogoi) Robert Cogoi
  16. Flag of Spain (1945 - 1977).svg Spagna Caracola (Fina De Calderon) Los TNT

Struttura di voto[modifica | modifica wikitesto]

Ogni nazione attribuisce cinque, quattro, tre, due e un punti alle sue cinque canzoni preferite.

Orchestra[modifica | modifica wikitesto]

Diretta dai maestri: Karsten Andersen, Tavares Belo, Willy Berking, Michel Colombier, Johannes Fehring, George de Godzinsky, Rafael de Ibarbia Serra, Jacques Denjean, Gianfranco Monaldi, Kai Mortensen, Fernando Paggi, Franck Pourcel, Harry Rabinowitz, Henry Segers, Radivoj Spasic e Dolf van der Linden

Classifica[modifica | modifica wikitesto]

Posizione Punti Canzone Artista Nazione
1. 49 Non ho l'età (Per amarti) Gigliola Cinquetti Bandiera dell'Italia Italia
2. 17 I Love The Little Things Matt Monro Bandiera del Regno Unito Regno Unito
3. 15 Où sont-elles passées? Romuald Bandiera di Monaco Principato di Monaco
4. 14 Des que le printemps revient
Le chant de Mallory
Hugues Aufray
Rachel
Bandiera del Lussemburgo Lussemburgo
Bandiera della Francia Francia
6. 11 Warum, Nur Warum? Udo Jürgens Bandiera dell'Austria Austria
7. 9 Laiskotellen Lasse Mårtenson Bandiera della Finlandia Finlandia
8. 6 Spiral Arne Bendiksen Bandiera della Norvegia Norvegia
9. 4 Sangen Om Dig Bjørn Tidmand Bandiera della Danimarca Danimarca
10. 2 Jij Bent Mijn Leven
Près de ma rivière
Anneke Grönloh
Robert Cogoi
Bandiera dei Paesi Bassi Paesi Bassi
Bandiera del Belgio Belgio
12. 1 Caracola Los TNT Flag of Spain (1945 - 1977).svg Spagna
13. 0 Man gewöhnt sich so schnell an das Schöne
Oração
Život je sklopio krug
I miei pensieri
Nora Nova
Antonio Calvário
Sabahudin Kurt
Anita Traversi
Bandiera della Germania Ovest Germania Ovest
Bandiera del Portogallo Portogallo
Bandiera della Jugoslavia Jugoslavia
Bandiera della Svizzera Svizzera