Teddy Scholten

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Teddy Scholten
Fotografia di Teddy Scholten
Nazionalità Paesi Bassi Paesi Bassi
Genere

Dorothea Margaretha "Teddy" Scholten-van Zwieteren (Rijswijk, 11 maggio 1926Rijswijk, 8 aprile 2010) è stata una cantante olandese.

Ha vinto l'Eurovision Song Contest 1959 per i Paesi Bassi cantando Een Beetje scritta da Dick Schallies e Willy van Hemert.

Figlia di un attore dilettante venne spinta dal padre ad iniziare gli studi di recitazione e proprio sul palcoscenico avviene l'incontro con il cantante Henk Scholten che cambia la sua vita. Teddy infatti inizia a cantare le canzoni scritte per lei da Henk e nel 1947 si celebra il matrimonio dal quale nascerà una figlia Renée.

Nel 1951 nasce il duo formato da Teddy e Henk che incide diversi album molti dei quali dedicati all'infanzia e partecipa a diversi programmi televisivi.

L'anno della consacrazione è il 1959: Teddy viene chiamata all'ultimo minuto come sostituta del concorrente olandese della quarta edizione del Festival europero della canzone. Esegue due canzoni "De regen" e "Een beetje" ed è proprio questa canzone che ottiene il punteggio maggiore. È la seconda vittoria per i Paesi Bassi dopo quella del 1957.

Nel 1960 un altro inizio: sempre con il marito conduce un grande spettacolo di varietà per la televisione al quale partecipano grandi artisti ma di comune accordo nel 1964 decidono di sciogliere il duo e di lavorare separatamente.

Teddy dedice di porre fine alla sua carriera di presentatrice e di cantante nel 1974 per dedicarsi alle attività della Croce Rossa e nel 1986 decide di lasciare anche questa attività.

Muore nel 2010 dopo una breve malattia attorniata dalla figlia, due nipoti e tre pronipoti.

Parlando della sua carriera ebbe a dichiarare: "e' un mistero per me. Ho fatto un sacco di cose nella mia vita ma tutto quello che la gente si ricorda di me sono i tre minuti sul palco di Cannes".

Singoli[modifica | modifica sorgente]

  • Een Beetje, 1959
  • Klein Klein Kleutertje, 1959
  • Peter Cuyper Wals, 1965

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]