Eurovision Song Contest 1957

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Eurovision Song Contest 1957
ESC 1957 logo.jpg
Edizione II
Periodo 3 marzo
Sede Grosser Sedersaal des Hr di Francoforte sul Meno (Germania Ovest)
Presentatore Anaid Plikjan
Trasmesso da ARD
Partecipanti 10
Paesi debuttanti Bandiera dell'Austria Austria
Bandiera della Danimarca Danimarca
Bandiera del Regno Unito Regno Unito
Vincitore Bandiera dei Paesi Bassi Paesi Bassi
Secondo Bandiera della Francia Francia
Terzo Bandiera della Danimarca Danimarca
Cronologia
1956 1958

Il secondo Gran Premio Eurovisione della Canzone si tenne a Francoforte sul Meno (Germania Ovest) il 3 marzo 1957.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Un altro concorso fu organizzato nel 1957 in forza del successo avuto dal “Gran Premio dell’Eurovisione” precedente, ma questa volta il paese ospitante fu la Repubblica Federale di Germania. Rispetto al 1956, parecchie regole furono cambiate. In primo luogo, Austria, Danimarca e Regno Unito entrarono nel concorso perciò furono dieci i paesi che parteciparono alla finale, ogni nazione poté eseguire soltanto una canzone, interpretata da uno o, al massimo, due cantanti e nessun accompagnamento vocale fu permesso. La giuria che fu composta da 10 membri per ogni paese, annunciò i voti per telefono dopo l’ultima esibizione. A questi dieci membri fu permesso assegnare soltanto un voto alla loro canzone preferita ed a nessun giurato fu permesso votare per la canzone del proprio paese.

Per la prima volta ci fu un tabellone che servì ad indicare il punteggio. Quell’anno il “Gran Premio” fu vinto dai Paesi Bassi con Net als toen eseguita Corry Brokken e la tradizione della premiazione fu introdotta. Da quest’anno, inoltre, il paese vincitore, avrebbe ospitato il concorso l’anno successivo. Lys Assia, che aveva vinto la prima edizione del “Gran Premio dell’Eurovisione”, si classificò settima con il brano L’enfant que j’etais, come rappresentante della Svizzera. L’Italia partecipò con Nunzio Gallo, che interpretò Corde della mia chitarra, classificandosi al sesto posto; la canzone fu la più lunga della storia dell’ESC, durava, infatti, più di 5 minuti.

Paesi partecipanti[modifica | modifica wikitesto]

  1. Bandiera del Belgio Belgio Straatdeuntje (Harry Frekin & Eric Franssen) Bobbejaan Schoepen
  2. Bandiera del Lussemburgo Lussemburgo Amoures mortes (Jacques Taber et Jean Pierre Kemmer) Danièle Dupré
  3. Bandiera del Regno Unito Regno Unito All (Reynell Wreford & Alan Stranks) Patricia Bredin
  4. Bandiera dell'Italia Italia Corde della mia chitarra (Mario Ruccione e Giuseppe Fiorelli) Nunzio Gallo
  5. Bandiera dell'Austria Austria Wohin, kleines Pony (Hans Werner und Kurt Svab) Bob Martin
  6. Bandiera dei Paesi Bassi Paesi Bassi Net als toen (Guus Jansen & Willy van Hemert) Corry Brokken
  7. Bandiera della Germania Ovest Germania Ovest Telefon, Telefon (Friedrich Meyer und Ralph Maria Siegel) Margot Hielscher
  8. Bandiera della Francia Francia La belle amour (Guy Lafarge et Francis Carco) Paule Desjardins
  9. Bandiera della Danimarca Danimarca Skibet skal sejle i nat (Erik Fiehn og Poul Sörensen) Birthe Wilke e Gustav Winckler
  10. Bandiera della Svizzera Svizzera L'enfant que j'étais (Géo Voumard et Emile Gardaz) Lys Assia
ESC 1957 Map.svg

Struttura di voto[modifica | modifica wikitesto]

Dieci membri della giuria per ogni paese partecipante che danno un punto alla canzone preferita.

Orchestra[modifica | modifica wikitesto]

Diretta dai maestri: Willy Berking, Carl De Groof, Paul Durand, Kai Mortensen, Eric Robinson, Armando Trovajoli e Dolf Van Der Linden

Classifica[modifica | modifica wikitesto]

Posizione Punti Canzone Artista Nazione
1. 31 Net als toen Corry Brokken Bandiera dei Paesi Bassi Paesi Bassi
2. 17 La belle amour Paule Desjardins Bandiera della Francia Francia
3. 10 Skibet skal sejle i nat Birthe Wilke e Gustav Winckler Bandiera della Danimarca Danimarca
4. 8 Telefon, Telefon
Amoures mortes
Margot Hielscher
Danièle Dupré
Bandiera della Germania Ovest Germania Ovest
Bandiera del Lussemburgo Lussemburgo
6. 7 Corde della mia chitarra Nunzio Gallo Bandiera dell'Italia Italia
7. 6 All Patricia Bredin Bandiera del Regno Unito Regno Unito
8. 5 Straatdeuntje
L'enfant que j'étais
Bobbejaan Schoepen
Lys Assia
Bandiera del Belgio Belgio
Bandiera della Svizzera Svizzera
10. 3 Wohin, kleines Pony Bob Martin Bandiera dell'Austria Austria