Eduardo Martínez Somalo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Eduardo Martínez Somalo
cardinale di Santa Romana Chiesa
Coat of arms of Eduardo Martinez Somalo.svg
Caritas et veritas
Titolo Cardinale presbitero del Santissimo Nome di Gesù
Incarichi attuali Prefetto emerito della Congregazione per gli Istituti di Vita Consacrata e le Società di Vita Apostolica
Nato 31 marzo 1927, Baños de Río Tobía
Ordinato presbitero 19 marzo 1950 dall'arcivescovo Luigi Traglia (poi cardinale)
Consacrato arcivescovo 13 dicembre 1975 dal cardinale Jean-Marie Villot
Creato cardinale 28 giugno 1988 da papa Giovanni Paolo II

Eduardo Martínez Somalo (Baños de Río Tobía, 31 marzo 1927) è un cardinale e arcivescovo cattolico spagnolo.

Vita[modifica | modifica wikitesto]

La sua cittadina di origine si trova nella provincia de La Rioja e nella diocesi di Calahorra e La Calzada-Logroño.

Ordinato sacerdote a Roma il 19 marzo 1950, ha svolto il ministero pastorale nella diocesi natale, poi è stato inviato nuovamente a Roma dove ha conseguito il Dottorato in Diritto canonico presso la Pontificia Università Lateranense nel 1956. L'anno successivo veniva promosso segretario di Nunziatura e nominato professore alla Pontificia accademia ecclesiastica.

In qualità di responsabile della sezione spagnola della Segreteria di Stato, ha accompagnato papa Montini nel pellegrinaggio apostolico compiuto in Colombia dal 22 al 25 agosto 1968 in occasione del 39º Congresso Eucaristico Internazionale.

Nel 1970 veniva richiamato in Vaticano come assessore della Segreteria di Stato e quindi collaboratore diretto dell'allora Sostituto della Segreteria di Stato, arcivescovo Giovanni Benelli. In tutto questo periodo, nonostante il sommarsi di maggiori e gravosi impegni, ha svolto un intenso ministero pastorale, dedicandosi in modo particolare al mondo della sofferenza.

Il 12 novembre 1975 papa Paolo VI lo nominava nunzio apostolico in Colombia, promuovendolo nel contempo arcivescovo titolare di Tagora. Nominato sostituto della Segreteria di Stato nel 1979, ha mantenuto tale incarico fino all'annuncio della sua creazione a cardinale.

Ha accompagnato papa Giovanni Paolo II durante i suoi numerosi pellegrinaggi nel mondo.

Nel 1992 è stato nominato prefetto della Congregazione per gli Istituti di vita consacrata e le Società di vita apostolica e l'anno dopo è stato anche nominato cardinale camerlengo di Santa Romana Chiesa. Per nove anni Sostituto della Segreteria di Stato, attualmente Prefetto emerito della Congregazione per gli Istituti di vita consacrata e le Società di vita apostolica, è stato tra i più stretti ed immediati collaboratori di Giovanni Paolo II nel suo ministero di pastore supremo della Chiesa universale.

Nella sua veste di camerlengo, ha presieduto la sede vacante seguita alla morte di papa Giovanni Paolo II dal 2 aprile 2005 fino all'elezione di papa Benedetto XVI il successivo 19 aprile; durante questo periodo la Città del Vaticano ha emesso una serie di monete recanti il suo stemma.

Il 4 aprile 2007, con la nomina di Tarcisio Bertone, è terminato il suo incarico di camerlengo.

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Genealogia episcopale.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze spagnole[modifica | modifica wikitesto]

Gran Croce dell'Ordine di Isabella la Cattolica - nastrino per uniforme ordinaria Gran Croce dell'Ordine di Isabella la Cattolica
— 1983

Onorificenze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana (Italia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana (Italia)
— 4 ottobre 1985[1]
Gran Croce dell'Ordine del Cristo (Portogallo) - nastrino per uniforme ordinaria Gran Croce dell'Ordine del Cristo (Portogallo)
— 9 settembre 1981

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sito web del Quirinale: dettaglio decorato.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Assessore per gli Affari Generali alla Segreteria di Stato Successore Emblem Holy See.svg
 ? 1970 - 12 novembre 1975 Giovanni Coppa
Predecessore Vescovo titolare di Tagora Successore BishopCoA PioM.svg
Carlo Livraghi 12 novembre 1975 - 28 giugno 1988 Cipriano Calderón Polo
Predecessore Nunzio apostolico per la Colombia Successore Emblem Holy See.svg
Angelo Palmas 12 novembre 1975 - 5 maggio 1979 Angelo Acerbi
Predecessore Sostituto per gli Affari Generali alla Segreteria di Stato Successore Emblem Holy See.svg
Giuseppe Caprio 5 maggio 1979 - 28 giugno 1989 Edward Idris Cassidy
Predecessore Cardinale diacono e presbitero del Santissimo Nome di Gesù Successore CardinalCoA PioM.svg
Michele Pellegrino dal 28 giugno 1988
Titolo presbiterale pro hac vice dal 9 gennaio 1999
in carica
Predecessore Prefetto della Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti Successore Emblem Holy See.svg
Paul Augustin Mayer 1º luglio 1988 - 21 gennaio 1992 Antonio María Javierre Ortas
Predecessore Prefetto della Congregazione per gli Istituti di Vita Consacrata e le Società di Vita Apostolica Successore Emblem Holy See.svg
Jean Jérôme Hamer 21 gennaio 1992 - 11 febbraio 2004 Franc Rodé
Predecessore Camerlengo di Santa Romana Chiesa Successore Sede vacante.svg
Sebastiano Baggio 5 aprile 1993 - 4 aprile 2007 Tarcisio Bertone
Predecessore Cardinale protodiacono Successore CardinalCoA PioM.svg
Duraisamy Simon Lourdusamy 29 gennaio 1996 - 9 gennaio 1999 Pio Laghi

Controllo di autorità VIAF: 89498254