Diocesi di Calahorra e La Calzada-Logroño

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Diocesi di Calahorra e La Calzada-Logroño
Dioecesis Calaguritana et Calceatensis - Lucroniensis
Chiesa latina
Catedral de Calahorra01.jpg
Suffraganea dell' arcidiocesi di Pamplona e Tudela
  DiocesisdeRioja.PNG
Collocazione geografica
Collocazione geografica della diocesi
Vescovo Juan José Omella Omella
Vicario generale José Luis Moreno Martínez
Sacerdoti 340 di cui 236 secolari e 104 regolari
803 battezzati per sacerdote
Religiosi 178 uomini, 762 donne
Abitanti 301.084
Battezzati 273.101 (90,7% del totale)
Superficie 5.033 km² in Spagna
Parrocchie 230
Erezione V secolo
Rito romano
Indirizzo Plaza Cardenal Cascajares 1, 26500 Calahorra [La Rioja], España
Sito web www.iglesiaenlarioja.org
Dati dall'Annuario Pontificio 2007 * *
Chiesa cattolica in Spagna
La cattedrale di Santo Domingo de la Calzada.
Concattedrale di Santa María de la Redonda di Logroño.

La diocesi di Calahorra e La Calzada-Logroño (in latino: Dioecesis Calaguritana et Calceatensis - Lucroniensis) è una sede della Chiesa cattolica suffraganea dell'arcidiocesi di Pamplona e Tudela. Nel 2006 contava 273.101 battezzati su 301.084 abitanti. È attualmente retta dal vescovo Juan José Omella Omella.

Territorio[modifica | modifica sorgente]

La diocesi comprende il territorio della comunità autonoma e provincia spagnola di La Rioja.

Ci sono due cattedrali ed una concattedrale in questa diocesi. A Calahorra si trova la cattedrale della Asunción de Nuestra Señora. La chiesa di El Salvador y Santa María, poi chiesa di Santo Domingo de la Calzada, divenne cattedrale nel XIII secolo, quando le due diocesi di Calahorra e Santo Domingo de la Calzada vennero unite. Infine, la concattedrale di Santa Maria de La Redonda, di Logroño, elevata a concattedrale nel 1959. Mentre Calahorra ospita la curia, Logroño ospita gli uffici amministrativi, la maggior parte dei vicariati e la residenza del vescovo.

Il territorio si estende su 5.033 km² ed è suddiviso in 230 parrocchie.

Storia[modifica | modifica sorgente]

La diocesi di Calahorra è stata eretta nel V secolo. Il primo vescovo di cui si abbia notizia è Silvano, nel 463. Originariamente era suffraganea dell'arcidiocesi di Tarragona.

A causa dell'invasione musulmana, la sede di Calahorra dovette patire alcune traversie. Verso il 714 la sede vescovile fu trasferita per un certo tempo a San Millán de la Cogolla. Solo con la riconquista della parte settentrionale della Rioja, il vescovo poté stabilire la sua residenza a Nájera, dove nel 1052 Sancho re di Navarra eresse la cattedrale di Santa María la Real.

In seguito alla conquista della Rioja da parte di Alfonso VI, Calahorra si ampliò per includere Álava e la sua diocesi, la Biscaglia, parte della Navarra, parte di Guipúzcoa, parte di Burgos e di Soria. I vescovi dovettero abbandonare Santa María la Real nel 1079, quando fu donata dal re ai monaci cluniacensi. Posero allora la loro residenza nei pressi del castello della città, finché nel 1170, per evitare conflitti di giurisdizione con i cluniacensi, abbandonarono Nájera e si trasferirono nell'antica sede di Calahorra.

Nel 1232 la sede vescovile fu trasferita a La Calzada per sottrarre il vescovo dalle prepotenze di feudatari locali. Tuttavia, dopo appena tre anni gli stessi feudatari costrinsero il vescovo a fare ritorno all'antica sede, che assunse il nome di diocesi di Calahorra e La Calzada.

Nel 1312 entrò a far parte della provincia ecclesiastica dell'arcidiocesi di Saragozza, in cui rimase fino al 1574, quando divenne suffraganea dell'arcidiocesi di Burgos.

L'8 settembre 1861 una porzione del territorio della diocesi fu ceduto a vantaggio dell'erezione della diocesi di Vitoria.

Il 2 novembre 1949 cedette un'altra porzione di territorio a vantaggio dell'erezione della diocesi di Bilbao.

L'11 agosto 1956 i confini diocesani furono fatti coincidere con i confini civili della Rioja e contestualmente la diocesi entrò a far parte della provincia ecclesiastica dell'arcidiocesi di Pamplona (oggi arcidiocesi di Pamplona e Tudela).

Il 9 marzo 1959 ha assunto la denominazione attuale in forza della bolla Quandoquidem quaelibet Ecclesia di papa Giovanni XXIII.

Cronotassi dei vescovi[modifica | modifica sorgente]

  • Valeriano † (circa 400 - 420)
  • Silvano † (455 - 465)
  • Dídimo ? † (circa 490 - 540)
  • San Prudencio ? † (circa 540 - 560)
  • Munimio † (circa 589 - 614)
  • Gabino † (circa 633 - 653)
  • Eufrasio † (circa 683)
  • Wiliedo † (circa 688)
  • Felix † (circa 693)
  • Teodomiro † (802)
  • Recaredo † (812)
  • Esteban † ?
  • Gómez, O.S.B. † (1046 - 1064)
  • Munio, O.S.B. † (1065 - 1080)
  • Sancho † (1080 - 1087)
  • Sigefredo † (1088 - 1089)
  • Pedro I † (1089 - 1109)
  • Sancho de Grañón † (1109 - 1116)
  • Sancho de Funes, O.S.B. † (1118 - 1146)
  • Rodrigo de Cascante † (1146 - 1190)
  • García † (1190)
  • Juan de Préjano † (1197 - 1202)
  • Juan García de Agoncilo † (1207 - 1216)
  • Guillermo Durán y Rodrigo de Basín † (1217 - 1221)
  • Juan Pérez † (1220 - 1237 deceduto)
    • Iñigo Martínez † (1237) (vescovo eletto)
    • Mauricio † (1237 - 1238) (amministratore apostolico)
  • Jerónimo Aznar † (1238 - 1257)
  • Arias † (? - 1260)
  • Fernando † (1266 - ? dimesso)
  • Vivián † (1267 - 1273)
  • Esteban de Sepúlveda † (1273 - ?)
  • Fernando † (1279 - ?)
  • Rodrigo Jiménez † (1281 - 1282)
  • Martín García † (1285 - 15 dicembre 1286 nominato vescovo di Astorga)
  • Blas † (1286 - 1287)
  • Juan Almoravid † (5 gennaio 1287 - 9 giugno 1300 nominato arcivescovo di Siviglia)
  • Fernando González † (13 giugno 1300 - 1303)
  • Rodrigo Ordóñez † (13 marzo 1304 - 1305 deceduto)
  • Juan Muñoz † (circa 1305 - 14 agosto 1315 deceduto)
  • Miguel Romero de Yanguas † (1316 - 11 agosto 1326 deceduto)
  • Juan de Santo Domingo † (8 ottobre 1326 - 21 gennaio 1346 deceduto)
  • Pedro † (13 febbraio 1346 - 17 settembre 1348 nominato vescovo di Burgos)
  • Lope de Fontecha † (15 ottobre 1348 - 8 giugno 1351 nominato vescovo di Burgos)
  • Gonzalo † (8 giugno 1351 - 1352 deceduto)
  • Fernando Manuel I † (16 luglio 1352 - 6 aprile 1362 nominato vescovo di Burgos)
  • Robert Le Coq † (6 aprile 1362 - 1372 deceduto)
  • Gonzalo Díaz de Mena † (16 novembre 1373 - 11 agosto 1382 nominato vescovo di Burgos)
  • Juan de Villacreces † (29 ottobre 1382 - 28 gennaio 1394 nominato vescovo di Burgos)
  • Juan Ramírez de Guzmán † (28 gennaio 1394 - 30 luglio 1403 nominato vescovo di Ávila)
    • Alfonso † (30 luglio 1403) (vescovo eletto)
  • Fernando Manuel II † (31 ottobre 1403 - 1408 deceduto)
  • Diego López de Zúñiga † (15 dicembre 1408 - 1443 deceduto)
  • Pedro López de Miranda † (11 ottobre 1443 - 1453 deceduto)
  • Pedro González de Mendoza † (28 novembre 1453 - 30 ottobre 1467 nominato vescovo di Sigüenza)
  • Rodrigo Sánchez de Arévalo † (30 ottobre 1467 - 6 ottobre 1469 nominato vescovo di Palencia)
  • Juan Díaz de Coca † (13 febbraio 1470 - 12 marzo 1477 deceduto)
  • Pedro de Aranda † (24 marzo 1477 - 1494 deposto)[1]
    • Jaime de Sierra † (1494 - 1499 dimesso) (amministratore apostolico)
  • Juan de Ortega † (6 settembre 1499 - 5 maggio 1503 nominato vescovo di Coria)
  • Fadrique de Portugal Noreña, O.S.B. † (5 maggio 1503 - 22 dicembre 1508 nominato vescovo di Segovia)
  • Juan Fernández Velasco † (22 dicembre 1508 - 22 luglio 1514 nominato vescovo di Palencia)
  • Juan Castellanos de Villalba † (25 maggio 1515 - 23 agosto 1522 deceduto)
  • Alonso de Castilla Zúñiga † (11 marzo 1523 - 8 febbraio 1541 deceduto)
  • Antonio Ramírez de Haro † (27 giugno 1541 - 6 agosto 1543 nominato vescovo di Segovia)
  • Juan Yanes † (24 settembre 1543 - 24 dicembre 1544 deceduto)
  • Juan Bernal Díaz de Luco † (17 aprile 1545 - 14 settembre 1556 deceduto)
  • Diego Fernández de Córdoba Velasco † (1º ottobre 1557 - 15 settembre 1558 deceduto)
  • Juan Quiñones Guzmán † (2 agosto 1559 - 12 settembre 1576 deceduto)
  • Juan Ochoa Salazar † (11 settembre 1577 - 7 agosto 1587 nominato vescovo di Plasencia)
  • Antonio Manrique, O.F.M. † (7 agosto 1587 - 20 gennaio 1589 deceduto)
  • Pedro Portocarrero † (20 marzo 1589 - 12 gennaio 1594 nominato vescovo di Cordova)
  • Pedro Manso Zúñiga † (23 marzo 1594 - 12 settembre 1612 deceduto)
  • Pedro González del Castillo † (17 febbraio 1614 - 5 agosto 1627 deceduto)
  • Miguel Ayala † (5 maggio 1628 - 19 agosto 1632 deceduto)
  • Gonzalo Chacón Velasco y Fajardo † (31 gennaio 1633 - 27 maggio 1642 deceduto)
  • Juan Piñeiro Osorio † (13 luglio 1643 - 21 ottobre 1647 nominato vescovo di Pamplona)
  • Juan Juániz de Echalar † (16 dicembre 1647 - 13 ottobre 1656 deceduto)
  • Martín López de Ontiveros † (18 giugno 1657 - 30 settembre 1658 nominato arcivescovo di Valencia)
  • Fernando Heras Manrique † (2 dicembre 1658 - 1659 deceduto)
  • Bernardo de Ontiveros, O.S.B. † (9 giugno 1659 - 1662 deceduto)
  • Juan García de la Peña † (20 marzo 1663 - 1667 deceduto)
  • Francisco Rodríguez Castañón † (12 dicembre 1667 - 1669 deceduto)
  • Gabriel de Esparza Pérez † (2 giugno 1670 - 10 gennaio 1686 deceduto)
  • Pedro de Lope y Dorantes † (12 agosto 1686 - 5 dicembre 1700 deceduto)
    • Domingo de Orueta y Ceceaga † (1701) (vescovo eletto)
  • Francisco Antonio de Borja-Centelles y Ponce de Léon † (18 luglio 1701 - 3 aprile 1702 nominato arcivescovo di Burgos)
  • Ildefonso de Mena y Borja † (8 maggio 1702 - 4 ottobre 1714 deceduto)
  • Antonio Horcasitas Avellaneda † (18 marzo 1715 - 21 dicembre 1716 deceduto)
  • José Espejo Cisneros † (12 luglio 1717 - 8 aprile 1748 dimesso)
  • Diego Rojas Contreras † (6 maggio 1748 - 12 marzo 1753 nominato vescovo di Cartagena)
  • Andrés Porras Termes † (26 settembre 1753 - 16 luglio 1764 deceduto)
  • Juan Luengo Pinto † (17 dicembre 1764 - 17 aprile 1784 deceduto)
  • Pedro Luis Ozta Múzquiz † (27 giugno 1785 - 20 gennaio 1789 deceduto)
  • Francisco Mateo Aguiriano Gómez † (29 marzo 1790 - 21 settembre 1813 deceduto)
  • Atanasio Puyal Poveda † (26 settembre 1814 - 21 ottobre 1827 deceduto)
  • Ignacio Ribes Mayor † (15 dicembre 1828 - 24 febbraio 1832 nominato arcivescovo di Burgos)
  • Pablo García Abella, C.O. † (15 aprile 1833 - 17 gennaio 1848 nominato arcivescovo di Valencia)
  • Gaspar Cos Soberón † (3 luglio 1848 - 15 dicembre 1848 deceduto)
  • Miguel José Irigoyen † (20 maggio 1850 - 18 febbraio 1852 deceduto)
  • Cipriano Juárez Berzosa † (27 settembre 1852 - 23 maggio 1858 deceduto)
  • Antolín Monescillo y Viso † (22 giugno 1861 - 27 marzo 1865 nominato vescovo di Jaén)
  • Fabián Sebastián Arenzana Magdaleno † (25 settembre 1865 - 9 novembre 1874 deceduto)
  • Gabino Catalina del Amo † (5 luglio 1875 - 11 gennaio 1882 deceduto)
  • Antonio María Cascajares y Azara † (27 marzo 1884 - 17 dicembre 1891 nominato arcivescovo di Valladolid)
    • Sede vacante (1892-1927)
    • Santiago Palacios y Cabello † (1892 - 1899) (vicario capitolare)
    • Gregorio María Aguirre y García, O.F.M. † (2 dicembre 1899 - 29 aprile 1909 nominato arcivescovo di Toledo) (amministratore apostolico)
    • Manuel San Román y Elena † (24 giugno 1909 - 29 agosto 1911) (amministratore apostolico)
    • Juan Plaza y García † (6 settembre 1911 - 16 dicembre 1920 nominato vescovo di Santander) (amministratore apostolico)
    • Fidel García Martínez † (16 dicembre 1920 - 7 settembre 1927 nominato vescovo) (amministratore apostolico)
  • Fidel García Martínez † (7 settembre 1927 - 7 maggio 1953 dimesso)
  • Abilio del Campo y de la Bárcena † (7 maggio 1953 - 20 dicembre 1976 dimesso)
  • Francisco Álvarez Martínez (20 dicembre 1976 - 12 maggio 1989 nominato vescovo di Orihuela-Alicante)
  • Ramón Búa Otero † (14 settembre 1989 - 15 settembre 2003 dimesso)
  • Juan José Omella Omella, dall'8 aprile 2004

Statistiche[modifica | modifica sorgente]

La diocesi al termine dell'anno 2006 su una popolazione di 301.084 persone contava 273.101 battezzati, corrispondenti al 90,7% del totale.

anno popolazione sacerdoti diaconi religiosi parrocchie
battezzati totale % numero secolari regolari battezzati per sacerdote uomini donne
1949 235.000 235.000 100,0 566 442 124 415 260 850 353
1959 234.800 234.990 99,9 538 400 138 436 851 1.070 273
1970 235.020 235.140 99,9 443 336 107 530 197 885 275
1980 250.392 252.110 99,3 442 304 138 566 277 936 263
1990 261.725 265.414 98,6 414 297 117 632 264 855 247
1999 262.743 267.022 98,4 359 249 110 731 222 794 248
2000 263.554 271.134 97,2 354 248 106 744 218 782 248
2001 261.744 270.875 96,6 350 243 107 747 218 769 248
2002 265.027 273.514 96,9 346 239 107 765 1 216 763 248
2003 266.119 296.097 89,9 338 233 105 787 1 226 759 248
2004 261.715 287.000 91,2 329 225 104 795 1 209 750 248
2006 273.101 301.084 90,7 340 236 104 803 178 762 230

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Secondo Eubel (vol. II, p. 114, nota 4), Pedro de Aranda sarebbe stato degradato, per presunta eresia, il 16 novembre 1498.

Fonti[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

diocesi Portale Diocesi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diocesi