Core 'ngrato

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Core 'ngrato (disambigua).
Core 'ngrato
Artista
Autore/i Alessandro Sisca / Salvatore Cardillo
Genere Canzone napoletana
Data 1911

Core 'ngrato è una canzone napoletana scritta nel 1911 dall'emigrato calabrese Alessandro Sisca (detto Cordiferro), nato a San Pietro in Guarano (CS), dove il padre, Francesco Sisca, era impiegato presso il Municipio, trasferitosi per terminare gli studi a Napoli, città d'origine della madre Emilia Cristarelli, e successivamente emigrato a New York. La canzone fu musicata da Salvatore Cardillo.

Inizialmente nessuno dei due aveva intenzione di realizzare un grande successo, anzi Cardillo la considerava una «porcheriola». Sbarcata a Napoli, Core 'ngrato ebbe invece una grande presa sul pubblico e divenne la prima canzone napoletana di successo proveniente dall'America. È stata interpretata, tra gli altri, da Enrico Caruso, Beniamino Gigli, Tito Schipa, Luciano Pavarotti, Placido Domingo, José Carreras e Francesco Anile;

Testo[modifica | modifica wikitesto]

Come per altre canzoni classiche napoletane, Core 'ngrato è dedicata al tema dell'amore non corrisposto o deluso. In particolare, il testo è dedicato ad una non meglio identificata Caterina (Catarì), nel momento dell'abbandono del poeta da parte di quest'ultima. In un crescendo di disperazione, vengono narrate tutte le fasi della fine dell'amore, dalle prime "parole amare" che suscitano nel poeta un doloroso stupore; al momento della comprensione della straziante rottura "cosa vogliono dire/questi discorsi che mi danno gli spasimi"; a quello, iterato nel ritornello, dell'appello al "cuore ingrato" cui il poeta aveva affidato la propria vita, ed alla rapida dimenticanza di quest'ultimo; a quello, posteriore all'abbandono, della ricerca vana del conforto nella religione.

(NAP)
« Catarì, Catarì,

Pecchè me dice sti parole amare,
Pecchè me parle e 'o core
Me turmiente Catari?

Nun te scurdà ca t'aggio date 'o core, Catarì
Nun te scurdà!

Catarì, Catarì, che vene a dicere
Stu parlà, che me dà spaseme?
Tu nun 'nce pienze a stu dulore mio
Tu nun 'nce pienze tu nun te ne cure

Core, core 'ngrato
T'aie pigliato 'a vita mia
Tutt' è passato
E nun 'nce pienze cchiù!

Catarì, Catarì,
Tu nun 'o saie ca 'nfin 'int'a 'na chiesa
Io so' trasuto e aggio priato a Dio, Catarì
E l'aggio ditto pure a 'o cunfessore:
I' sto a suffrì
Pe' chella llà!

Sto a suffrì,
Sto a suffrì, nun se po' credere,
Sto a suffrì tutte li strazie!
E 'o cunfessore ch'è persona santa,
M'ha ditto: Figlio mio, lassala sta', lassala sta'

Core, core 'ngrato
T' aie pigliato 'a vita mia
Tutt' è passato
E nun 'nce pienze cchiù!
 »
(IT)
« Caterina! Caterina!

Perché mi dici queste parole amare?
Perché mi parli e il cuore
mi tormenti, Caterina?

Non dimenticare che ti ho dato il cuore, Caterina
Non dimenticartelo

Caterina, Caterina che cosa vogliono dire
questi discorsi che mi danno gli spasimi?
Tu non ci pensi a questo cuore mio
Tu non ci pensi, tu non te ne curi

Cuore, cuore ingrato
Ti sei preso la mia vita
Tutto è passato
e non ci pensi più

Caterina, Caterina
tu non lo sai che fino a dentro alla chiesa
io sono entrato e ho pregato Dio, Caterina
E l'ho detto anche al confessore
Io sto soffrendo
per quella là

Sto soffrendo
Sto soffrendo, non si può credere
Sto soffrendo tutti gli strazi
E il confessore che è persona santa
Mi ha detto: Figlio mio, lasciala stare, lasciala stare

Cuore, cuore ingrato
Ti sei preso la mia vita
Tutto è passato
e non ci pensi più
 »

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Vittorio Paliotti (2007) Storia della canzone napoletana. Editore Newton Compton.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]