Zappatore (brano musicale)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Zappatore
Artista
Autore/i Libero Bovio
Ferdinando Albano
Genere Canzone napoletana
Musica leggera
Stile Napoletano
Edito da Edizioni Santa Lucia
Esecuzioni notevoli Mario Merola
Gennaro Pasquariello
Pubblicazione
Incisione Gennaro Pasquariello
Data 1928
Durata 3:54
Aiuto
Libero Bovio, Ferdinando Albano (info file)
Zappatore — Versione per flauto, chitarra e accompagnamento

Zappatore è una canzone in napoletano pubblicata nel 1928, conosciuta sia in Italia che all'estero. Dal brano è nata anche una sceneggiata, dall'omonimo titolo.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Scritta da Libero Bovio e musicata da Ferdinando Albano, la canzone fu presentata per la prima volta da Gennaro Pasquariello nel 1928. Nel giro di poco tempo la canzone diventò molto popolare, nel 1929 ne nacque anche una sceneggiata interpretata da Salvatore Papaccio e diretta da Gustavo Serena. Nel 1980 Mario Merola ne avrebbe fatto un suo cavallo di battaglia, portando sia il brano che la sceneggiata in tutta Italia e all'estero. Merola oltre ad occuparsi della rappresentazione teatrale, l'avrebbe portata anche al cinema, diretto da Alfonso Brescia.

Testo della canzone[modifica | modifica wikitesto]

Felicissima sera,
a tutte sti signure 'ncruvattate
e a chesta cummitiva accussí allèra,
d'uommene scicche e femmene pittate!

Chesta è na festa 'e ballo...
Tutte cu 'e fracchesciasse sti signure...
E i', ca só' sciso 'a coppo sciaraballo,
senza cercá 'o permesso, abballo i' pure!
Chi só'?...
Che ve ne 'mporta!
Aggio araputa 'a porta
e só' trasuto ccá...

Musica, musicante!
Fatevi mórdo onore...
Stasera, 'mmiez'a st'uommene aligante,
abballa un contadino zappatore!

No, signore avvocato...
sentite a me, nun ve mettite scuorno...
Io, pe' ve fá signore, aggio zappato
e stó' zappanno ancora, notte e ghiuorno!
E só' duje anne, duje,
ca nun scrive nu rigo â casa mia...
Si 'ossignuría se mette scuorno 'e nuje...
Pur'i' mme metto scuorno 'e ...'ossignuría"

Chi só'?!
Dillo a 'sta gente
ca i' songo nu parente
ca nun 'o può cacciá...
Musica, musicante!
ca è bella ll'allería...
I' mo ve cerco scusa a tuttuquante
si abballo e chiagno dinta casa mia!

Mamma toja se ne more...
'O ssaje ca mamma toja more e te chiamma?
Meglio si te 'mparave zappatore,
ca 'o zappatore, nun sa scorda 'a mamma!

Te chiamma ancora: "Gioja"...
e, arravugliata dinto scialle niro
dice: "Mo torna, core 'e mamma soja,
se vene a pigliá ll'ùrdemo suspiro..."
Chi só'?
Vuje mme guardate?
Só' 'o pate...i' sóngo 'o pate...
e nun mme pò cacciá!...

Só' nu fatecatóre
e magno pane e pane...
Si zappo 'a terra, chesto te fa onore...
Addenócchiate...e vásame sti mmane!

Interpretazioni[modifica | modifica wikitesto]

Il brano, per la prima volta viene inciso da Gennaro Pasquariello. Nel 1930 nascerà una sceneggiata portata a teatro da Salvatore Papaccio. Nel 1980 verrà incisa da Mario Merola che ne farà un suo cavallo di battaglia. Merola riporterà la sceneggiata del 1930 sia in teatro che al cinema.

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Il brano, al cinema verrà cantato da Mario Merola nella Sceneggiata cinematografica intitolata appunto Zappatore dove verrà diretto da Alfonso Brescia.