Passione (brano musicale)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Passione
Artista AA.VV.
Autore/i Libero Bovio, Ernesto Tagliaferri, Nicola Valente
Genere Canzone napoletana
Data 1934

Passione è una delle canzoni napoletane più famose di tutti i tempi costituendo una struggente analisi dell'estasi e della sofferenza d'amore. È stata scritta nel 1934 da Libero Bovio (tra l'altro autore di moltissime altre canzoni napoletane di successo come Lacreme napulitane, Silenzio cantatore, Tu ca nun chiagne, ‘O Paese d’o sole, Zappatore, Chiove, Signorinella, Guapparia) e musicata da Ernesto Tagliaferri e Nicola Valente.

Descrizione del testo[modifica | modifica wikitesto]

1°strofa

'cchiù luntana me staie, 'cchiù vicina te sento, chi sa a chistu momento tu che piense, che faie tu m'he mise int'e vene, nu veleno ch'è doce, comme pesa sta croce, ch'i trascine pe' te.

Refrain

Te voglio , te penso , te chiammo, te veco, te sento, te sonno, è 'n' anno ce piense ca' è n'anno, ca st'uocchie non ponno, cchiù pace truvà.

2°strofa

E cammino, cammino, ma nun saccio addò vaco, i' sto sempe'mbriaco, ma non bevo mai vino. Aggio fatto nu vuto a Madonna d'a neve, si me passa sta freve, oro e perle le dò.

-

Traduzione in italiano

Più stai lontano da me, e più vicina ti sento... Chissà in questo momento a cosa pensi e che fai!...
Tu mi hai immesso nelle vene, un veleno che è dolce... Non mi pesa questa croce che trascino per te!...
Ti voglio...ti penso...ti chiamo... ti vedo...ti sento...ti sogno...
È un anno, - ci pensi che è un anno - che questi occhi non possono più trovare la pace?...
E cammino, cammino... ma non so dove vado... Io sono sempre ubriaco e non bevo mai vino...
Ho fatto un voto alla Madonna della neve: se mi passa questa febbre, oro e perle le donerò...
Ti voglio...ti penso...ti chiamo... ti vedo...ti sento...ti sogno...

Altre versioni[modifica | modifica wikitesto]

Moltissimi interpreti si sono cimentati in Passione che è entrata in particolare a far parte del repertorio di molti tenori lirici tra cui Tito Schipa, Mario Lanza e Giuseppe Di Stefano.

Note[modifica | modifica wikitesto]