Il bel Ciccillo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il bel Ciccillo
Autore/i A. Trusiano / Salvatore Capaldo
Genere Canzone napoletana
Data 1917
Aiuto
Salvatore Capaldo (info file)
Il bel Ciccillo — Versione strumentale

Il bel Ciccillo è un brano musicale italiano; i versi sono di A. Trusiano, la musica di Salvatore Capaldo e fu una creazione dell’artista Giovanni Mongelluzzo, Napoli, Bideri, 1917.

Divenne un cavallo di battaglia degli spettacoli di Gustavo De Marco al teatro Jovinelli in cui si esibiva anche il giovane Totò. Quando un giorno De Marco non poté presenziare per indisposizione Totò lo sostituì proponendo a sua volta la macchietta "il bel Ciccillo", imitando lo stile "marionettistico" di De Marco; il successo di quella serata ("sei meglio di De Marco" si dice urlassero dal pubblico) fece pian piano scalzare De Marco e Totò divenne titolare del numero.

Nella pellicola Yvonne la nuit del 1949 Totò ripropone "Il bel Ciccillo" in versione abbreviata senza la seconda strofa.

Si ricordano anche la versione di Nino Taranto e, più recente, quella di Vittorio Marsiglia.

Taluni lo ricordano con il titolo Don Ciccio pasticcio ma il titolo corretto e depositato da Mongelluzzo è Il bel Ciccillo.