Funiculì funiculà

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Funiculì funiculà
Autore/i Giuseppe Turco / Luigi Denza
Genere Canzone napoletana
Data 1880
Aiuto
Giuseppe Turco, Luigi Denza (info file)
Funiculì funiculà — per voci vocalizzate e orchestra

Funiculì funiculà è una celebre canzone napoletana scritta nel 1880 dal giornalista Giuseppe Turco e musicata da Luigi Denza. Il testo fu ispirato dall'inaugurazione della prima funicolare del Vesuvio, costruita nel 1879, per raggiungere la cima del Vesuvio.

La canzone, eseguita alla festa di Piedigrotta, descrive quindi ai napoletani e soprattutto ai turisti i vantaggi offerti dal nuovo mezzo di trasporto, che permette di salire senza fatica, ammirando il panorama.

In breve tempo la melodia divenne celebre in tutto il mondo, consentendo all'editore Ricordi di venderne un milione di copie in un solo anno[1]. Nel corso degli anni venne interpretata anche da grandi tenori, quali Mario Lanza, Luciano Pavarotti, Andrea Bocelli, Muslim Magomaev e molti altri, e venne resa anche in forma orchestrale da Nikolaj Rimskij-Korsakov con il titolo Canzone napoletana (op. 63 - 1907).

La canzone è incorporata nel movimento finale del poema sinfonico Dall'Italia di Richard Strauss, ispirato dal viaggio in Italia compiuto dal compositore durante l'estate dello stesso anno, e nella rapsodia Italia di Alfredo Casella.

Nel film No grazie, il caffè mi rende nervoso, è la canzone che fa da sottofondo ogni qualvolta entra in azione il killer.

Nel film I due colonnelli con Totò e Walter Pidgeon i protagonisti ubriachi cantano insieme la canzone.

Nel 2012 è inserita nella colonna sonora del film Benvenuti al Nord di Luca Miniero, nella storica versione del cantante Bruno Venturini[2].

Parole in napoletano[modifica | modifica sorgente]

Aissera, oje Nanniné, me ne sagliette,
tu saje addó, tu saje addó
Addó 'stu core 'ngrato cchiù dispietto
farme nun pò! Farme nun pò!
Addó lu fuoco coce, ma se fuje
te lassa sta! Te lassa sta!
E nun te corre appriesso, nun te struje
sulo a guardà, sulo a guardà.

Jamme, jamme 'ncoppa, jamme jà,
Jamme, jamme 'ncoppa, jamme jà,
funiculì, funiculà!
funiculì, funiculà!
'ncoppa, jamme jà,
funiculì, funiculà!

Né, jamme da la terra a la montagna!
Nu passo nc'è! Nu passo nc'è!
Se vede Francia, Proceta e la Spagna...
Io veco a tte! Io veco a tte!
Tirato co la fune, ditto 'nfatto,
'ncielo se va, 'ncielo se va.
Se va comm' 'a lu viento a l'intrasatto,
guè, saglie, sà!

Jamme, jamme ...

Se n'è sagliuta, oje né, se n'è sagliuta,
la capa già! La capa già!
È gghiuta, po' è turnata, po' è venuta,
sta sempe ccà! Sta sempe ccà!
La capa vota, vota, attuorno, attuorno,
attuorno a tte! Attuorno a tte!
Stu core canta sempe nu taluorno:
Sposamme, oje né! Sposamme, oje né!

Jamme, jamme ...

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Canzoni Italiane, Fabbri editori, 1994, Vol.I, pag.21
  2. ^ Benvenuti al nord nella colonna sonora funiculi funicula di Bruno Venturini. URL consultato il 22 febbraio 2012.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]