Tu ca nun chiagne

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Tu ca nun chiagne
Autore/i Libero Bovio
Ernesto De Curtis
Genere Canzone napoletana
Edito da La Canzonetta
Esecuzioni notevoli Mario Del Monaco
I Tre Tenori
Data 1915
« Tu ca nun chiagne e chiágnere mme faje,
tu, stanotte, addó staje?
Voglio a te!
Voglio a te!
Chist'uocchie te vonno,
n'ata vota, vedé! »

Tu ca nun chiagne è una canzone napoletana resa celebre dall'interpretazione di molti cantanti.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Scritta da Libero Bovio, famoso per aver scritto canzoni come Guapparia e 'A canzone 'e Napule, e musicata da Ernesto De Curtis, la canzone fu presentata per la prima volta nel 1915, durante i primi periodi dell'entrata dell'Italia nella Prima guerra mondiale.

Aiuto
Ernesto De Curtis e Libero Bovio (info file)
Tu ca nun chiagne — Vers. per coro vocalizzato e orchestra)

Nel corso degli anni è stata prima incisa da grandi nomi della Musica lirica, come i tenori Enrico Caruso, Mario Del Monaco, Giuseppe Di Stefano, Ferruccio Tagliavini, Luciano Pavarotti, José Carreras e Plácido Domingo, fino ad arrivare ai grandi nomi della Canzone napoletana ed italiana come Giuni Russo (all'interno della suite musicale, del film muto Napoli che canta, e pubblicata nell' omonimo album), Claudio Villa, Mina (nell'album Napoli secondo estratto), Mario Merola, Mario Trevi e Massimo Ranieri. In seguito è stata soggetta a rivisitazioni come quelle di Enzo Gragnaniello, Il Giardino dei Semplici (1 milione di copie vendute) ed una nuova versione di Mario Trevi (con i Lunabianca).[1][2]

Testo della canzone[modifica | modifica sorgente]

La canzone è un quadretto nel quale si descrive la delusione di un uomo innamorato che piange mentre la fidanzata, a dispetto, non dà peso al suo dolore. Aspettando di vederla affacciarsi, mentre tutti, per la tarda ora, dormono, descrive il paesaggio che lo circonda: una notte silenziosa sulla quale si impongono le figure della Luna ( 'e chesta luna janca) e del Vesuvio ( 'a muntagna).

Interpretazioni[modifica | modifica sorgente]

Tra gli interpreti del brano vi sono:

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Andrea Imperiali e Paolo Recalcati, La Canzone Napoletana, ed. A.Vallardi, Milano, luglio 1998
  2. ^ Giovanni Alfano,Napule è 'na canzone, Antologia della canzone napoletana, Salerno, Palladio Editrice, marzo 2001

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]