Classe Zara (incrociatore)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Classe Zara
Zara - foto ufficiale.jpg
Descrizione generale
Flag of Italy (1861-1946) crowned.svg
Tipo incrociatore pesante
Numero unità 4
Proprietario/a Flag of Italy (1861-1946) crowned.svg Regia Marina
Entrata in servizio 1931-1932
Caratteristiche generali
Dislocamento 11.870 t
Stazza lorda 14.530 tsl
Lunghezza 182,8 m
Larghezza 20,6 m
Pescaggio 6,2m
(a pieno carico) 7,2 m
Propulsione vapore:
  • 8 caldaie
  • 2 turbine Parsons
  • 2 eliche
    Potenza: 95.000 hp
Velocità 35 nodi  (circa 63 km/h)
Autonomia 5.367 mn
Equipaggio 31 ufficiali e 810 sottufficiali e comuni
Armamento
Armamento artiglieria:
Corazzatura
verticale: 70 mm
orizzontale: 70 mm
torrette: 150 mm
Mezzi aerei 2 con una catapulta a prua

[senza fonte]

voci di classi di incrociatori presenti su Wikipedia

La classe Zara fu una classe di incrociatori pesanti della Regia Marina, impiegata durante la seconda guerra mondiale; la classe era composta da quattro navi, Zara, Fiume, Pola e Gorizia.

La classe Zara fu l'evoluzione della classe Trento e apparteneva a quella categoria di incrociatori pesanti da 10000 t. definiti con il Trattato navale di Washington del 1921. Tra gli incrociatori pesanti da 10000 t tipo Washington, gli incrociatori classe Zara sono universalmente considerati i meglio riusciti e i più equilibrati in corazza, armamento e velocità.

Impegno bellico[modifica | modifica wikitesto]

Le navi parteciparono alle principali missioni belliche della Regia Marina nella Seconda guerra mondiale come la battaglia di Punta Stilo (9 luglio) e la battaglia di Gaudo (28 marzo 1941) che fu il preludio alla battaglia di Capo Matapan (29 marzo 1941).

Fu durante quest'ultima battaglia che ben tre navi della classe, gli incrociatori Zara Fiume e Pola furono affondate insieme ai cacciatorpediniere della classe Oriani Alfieri e Carducci.

L'incrociatore Gorizia, unica unità superstite della classe, dopo essere stato colpito gravemente il 10 aprile 1943 a La Maddalena nel corso un bombardamento aereo americano in cui venne anche affondato l'incrociatore Trieste, venne trasferito, per le necessarie riparazioni, a La Spezia dove fu ritrovato, semiaffondato, alla fine della guerra, non avendo potuto seguire all'armistizio dell'8 settembre il resto della squadra navale trasferitosi a Malta

L'incrociatore Zara durante la battaglia di Punta Stilo


Le navi[modifica | modifica wikitesto]

Naval jack of Italy (ca. 1900-1946).svg Regia Marina - Incrociatori pesanti Classe Zara Flag of Italy (1861-1946) crowned.svg
Nome Cantiere Impostazione Varo Entrata in servizio Destino finale
Zara OTO - La Spezia 4 luglio 1929 27 aprile 1930 20 ottobre 1931 Affondato il 29 marzo 1941
Fiume Cantieri del Quarnaro - Fiume 29 aprile 1929 27 aprile 1930 23 novembre 1931 Affondato il 29 marzo 1941
Gorizia OTO - Livorno 17 marzo 1930 28 dicembre 1930 23 dicembre 1931 Affondato il 26 giugno 1944
Pola OTO - Livorno 17 marzo 1931 5 dicembre 1931 21 dicembre 1932 Affondato il 29 marzo 1941
L'incrociatore Zara in banchina
L'incrociatore Pola


Confronto degli incrociatori pesanti classe Zara con gli incrociatori pesanti contemporanei[modifica | modifica wikitesto]

Caratteristiche:

  • Dislocamento, a pieno carico
  • Dimensioni: Lunghezza, larghezza, pescaggio (massimo)
  • Armamento: numero di cannoni x calibro dell'armamento principale (mm)
  • Protezione: Cintura/Ponte/Torri
  • velocità massima (nodi)
Classe Hipper Town Zara Algerie Northampton Mogami
Nazione Germania Gran Bretagna Italia Francia USA Giappone
Dislocamento (t) 18400 13175 14600 13900 12350 12400
Dimensioni (m) 210,4x21,9x7,9 187x19,3x5,3 182,7x20,6x5,9 180x20x6,1 183x20,1x4,95 230,9x20,2x5,8
Armamento 8x203 12x152 8x203 8x203 9x203 10x203
Protezione (mm) 70-80/12-50/70-105 114/51/25-63 100-150/70/120-140 100-150/70/119-140 76/51/38-64 100/35/25
Velocità (nodi) 33 32 32 32 32 34

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Imbarcazioni militari italiane della seconda guerra mondiale

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Scheda sintetica sul sito web della Marina Militare Italiana

marina Portale Marina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di marina