Classe Marcello

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Classe Marcello
Il sommergibile Cappellini
Il sommergibile Cappellini
Descrizione generale
Flag of Italy (1861-1946) crowned.svg
Tipo sommergibili oceanici
Proprietario/a Flag of Italy (1861-1946) crowned.svg Regia Marina
Cantiere OTO - La Spezia
Cantieri Riuniti dell'Adriatico - Monfalcone
Impostata 1938
Entrata in servizio 1939
Caratteristiche generali
Dislocamento in superficie 1060 t
in immersione 1313
Propulsione 2 motori principali Diesel da 3000HP
2 motori secondari Diesel da 1100HP
Velocità in superficie 17,4nodi
in immersione 8 nodi
Autonomia in superficie 7500 miglia a 9,4nodi
in immersione 120 miglia a 3nodi
Equipaggio 7 ufficiali
50 sottufficiali e comuni
Armamento
Artiglieria alla costruzione:
Siluri 8 Tubi lanciasiluri da 533mm
(8 siluri+8 di riserva)

[senza fonte]

voci di classi di sommergibili presenti su Wikipedia

La classe Marcello formata da 11 battelli fu un tipo di sommergibile oceanico della Regia Marina nel corso della seconda guerra mondiale. Questi battelli, che derivavano dalla Classe Glauco, avevano scafo semplice, buone doti di velocità e manovrabilità e potevano immergersi fino a 100 metri di profondità.

Furono costruiti nei cantieri Cantieri Riuniti dell'Adriatico di Monfalcone e OTO della Spezia.

Unità[modifica | modifica sorgente]

Servizio[modifica | modifica sorgente]

All'inizio del conflitto tutti i battelli della classe vennero impiegati per un breve periodo nel Mediterraneo (dove in agosto si verificò la prima perdita, quella del Provana); successivamente, fra l'estate e l'autunno, le unità vennero trasferite alla base di Betasom a Bordeaux.

Ottennero discreti risultati in Atlantico con l'affondamento di 28 mercantili per complessive 139.122 tonnellate di stazza lorda (più alcuni danneggiamenti), ma subendo anche la perdita di 4 unità (Morosini, Marcello, Nani, Faà di Bruno); altri quattro sommergibili (Veniero, Dandolo, Emo, Mocenigo) rientrarono in Mediterraneo nell'estate 1941 e in questo mare ebbero magri risultati (due mercantili affondati per 8818 tsl, più vari danneggiamenti) e andarono tutti perduti ad eccezione del Dandolo.

Dei due sommergibili rimasti in Atlantico, convertiti nella primavera 1943 in sommergibili da trasporto e inviati in Giappone, il Barbarigo fu affondato durante il viaggio ed il Cappellini, sorpreso dall'armistizio in Giappone, fu catturato e incorporato prima nella Kriegsmarine e poi nella Marina Imperiale Giapponese.

Il solo battello della classe sopravvissuto al conflitto fu il Dandolo, che venne radiato nel 1947.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]