Albatros C.X

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Albatros C.X
Un modello in scala di un Albatros C.X
Un modello in scala di un Albatros C.X
Descrizione
Tipo aereo da ricognizione
Equipaggio 2
Costruttore Germania Albatros
Data primo volo 1917
Data entrata in servizio 1917
Data ritiro dal servizio 1918
Utilizzatore principale Germania Luftstreitkräfte
Altri utilizzatori Polonia Siły Powietrzne
Esemplari oltre 300 [1]
Sviluppato dal Albatros C.VII
Dimensioni e pesi
Lunghezza 9,15 m
Apertura alare 14,36 m
Altezza 3,40 m
Superficie alare 42,70
Peso a vuoto 1 050 kg
Peso carico 1 668 kg
Propulsione
Motore un Mercedes D.IVa
Potenza 260 PS (191 kW)
Prestazioni
Velocità max 175 km/h
Velocità di crociera 155 km/h
Velocità di salita 200 m/min
Autonomia 3 h 25 min
Tangenza 5 000 m
Armamento
Mitragliatrici una LMG 08/15 calibro 7,92 mm in caccia[2]
una Parabellum MG 14 calibro 7,92 mm posteriore

I dati sono estratti da Уголок неба[3] integrati dove indicato

voci di aerei militari presenti su Wikipedia

L'Albatros C.X (designazione aziendale L 25) era un monomotore biplano da ricognizione sviluppato dall'allora azienda tedesco imperiale Albatros Flugzeugwerke GmbH negli anni dieci del XX secolo e prodotto da diverse aziende aeronautiche tra cui la Ostdeutsche Albatros Werke, filiale con sede a Schneidemühl.

Basato sul precedente C.VII, venne introdotto nel 1917 come equipaggiamento dei reparti da ricognizione della Luftstreitkräfte, la componente aerea del Deutsches Heer (l'esercito imperiale tedesco) e utilizzato durante la seconda parte della prima guerra mondiale.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

Appena resi disponibili i Mercedes D.IVa, dei 6 cilindri in linea in grado di sviluppare una potenza nominale pari a 260 CV (191 kW), l'Albatros sviluppò un nuovo modello che pur mantenendo l'aspetto generale del suo predecessore, risultava essere una versione leggermente ingrandita, con un irrobustimento della cellula necessario per gestire la maggior potenza disponibile ed introducendo nuovi particolari, come una nuova velatura. La commissione esaminatrice dell'Idflieg ne approvò l'avvio alla produzione in serie con la designazione ufficiale C.X.

Impiego operativo[modifica | modifica wikitesto]

Gli Albatros C.X cominciarono ad essere consegnati ai reparti nell'ottobre 1917 venendo impiegati sul fronte occidentale, principalmente in missioni di osservazione della precisione del tiro in collaborazione con i reparti di artiglieria e come bombardiere leggero ed attacco al suolo, fino al termine del conflitto.

In seguito alle restrizioni imposte dal Trattato di Versailles, l'intera flotta di velivoli militari tedeschi venne in parte distrutta ed in parte requisita ed assegnata alle nazioni vincitrici come parte del risarcimento dei danni subiti.

La polacca Siły Powietrzne acquisì alcuni esemplari utilizzati durante la guerra sovietico-polacca del 1919-1920.

Utilizzatori[modifica | modifica wikitesto]

Germania Germania
Polonia Polonia

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Albatros C.X in Valka.cz.
  2. ^ nella produzione più recente
  3. ^ Albatros C.X in Уголок неба.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Grosz, Peter M.. Windsock Datafile 114 - Albatros C.X (in inglese). Berkhamsted: Albatros Productions Ltd. 1999.
  • Taylor, Michael J. H. .Jane's Encyclopedia of Aviation (in inglese). London: Studio Editions, 1989.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]