Albatros L 82

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Albatros L 82(c)
Un Albatros L 82b
Un Albatros L 82b
Descrizione
Tipo aereo da addestramento
Equipaggio 2 (pilota ed istruttore)
Costruttore Germania Albatros
Data primo volo 1929
Esemplari 17
Dimensioni e pesi
Lunghezza 7,41 m
Apertura alare 9,0 m
Altezza 2,66 m
Superficie alare 20,0
Peso a vuoto 440 kg
Peso carico 760 kg
Capacità 150 kg
Propulsione
Motore un radiale Siemens-Halske Sh 14
Potenza 160 CV (119 kW)
a 2 200 giri/min
Prestazioni
Velocità max 160 km/h al livello del mare
Velocità di crociera 140 km/h
Autonomia 560 km
Quota di servizio 3 800 m

fonte German Aviation 1919-1945[1]

voci di aerei civili presenti su Wikipedia

L'Albatros L 82 fu un monomotore biplano da turismo da addestramento sviluppato dall'azienda aeronautica tedesca Albatros Flugzeugwerke GmbH nei tardi anni venti.

Utilizzato da piloti privati in alcune competizioni aeree del periodo riservate a velivoli di quella classe, venne adottato anche dalla Deutsche Verkehrsfliegerschule (DVS), organizzazione paramilitare legata al Partito nazista, per la formazione dei futuri piloti della Lutwaffe.

Tecnica[modifica | modifica sorgente]

L'L 82 riproponeva un'impostazione, per l'epoca, convenzionale: monomotore biposto a velatura biplana e carrello fisso.[2]

La fusoliera era caratterizzata dalla presenza di due abitacoli separati aperti e protetti da un piccolo parabrezza, destinati al pilota ed al passeggero o istruttore di volo. Posteriormente terminava in un caratteristico impennaggio monoderiva che presentava il l'elemento orizzontale posizionato davanti a quello verticale.[2]

Le velatura era biplana, caratterizzata dalle ali superiore, posizionata alta a parasole, ed inferiore, posizionata bassa sulla fusoliera, di identica forma e dimensione e collegate tra loro da una coppia di montanti ad "N", uno per lato, integrati da tiranti in cavetto d'acciaio.[2]

Il carrello d'atterraggio era un biciclo fisso, anteriormente caratterizzato dalle due ruote indipendenti montate su un complesso tubolare ammortizzato, integrato posteriormente da un pattino d'appoggio, anch'esso ammortizzato, posizionato sotto la coda.[2]

La propulsione era affidata ad un singolo motore posizionato al vertice anteriore della fusoliera, che nelle varie versioni che si sono succedute variarono per architettura, quantità di cilindri e sistema di raffreddamento, tutti comunque abbinati ad un'elica bipala.

Impiego operativo[modifica | modifica sorgente]

Challenge International de Tourisme Il prototipo (marche D-1704) ed un L 82b di serie (D-1706) presero parte all'edizione del 1929 del Challenge International de Tourisme, prima competizione internazionale organizzata dalla Fédération Aéronautique Internationale (FAI) riservata a quella tipologia di velivoli, che si svolse con partenza da Parigi tra il 4 ed il 16 agosto di quell'anno. I due esemplari non ebbero però molto successo: il D-1704, pilotato da Karl Ziegler, rimase distrutto in un incidente il 10 agosto a Turnu Severin, in Ungheria, mentre il D-1706, pilotato da Werner Junck, pur completando tutte le prove riuscì a concludere solamente al 27º posto.[3].

Versioni[modifica | modifica sorgente]

Utilizzatori[modifica | modifica sorgente]

Germania Germania

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Albatros L 82 in German Aviation 1919-1945, http://www.histaviation.com/index.html, 25 settembre 2003. URL consultato il 18-01-2009.
  2. ^ a b c d Taylor (1989), p.56
  3. ^ Marian Krzyżan: Międzynarodowe turnieje lotnicze 1929-1934, Warsaw 1988

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • (EN) Michael John H. Taylor, Jane's encyclopedia of aviation, 2nd Edition, Londra, Studio Editions, 1989, ISBN 0-51710-316-8.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]