Albatros L 75

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Albatros L 75 Ass
Descrizione
Tipo aereo da addestramento
Equipaggio 2 (pilota ed istruttore)
Progettista Walter Blume
Costruttore Germania Albatros
Data primo volo 1928
Data entrata in servizio 1928
Utilizzatore principale GermaniaGermania DVS
Esemplari 43
Dimensioni e pesi
Lunghezza 10,00 m
Apertura alare 12,50 m
Altezza 3,71 m
Superficie alare 37,0
Peso a vuoto 1 150 kg
Peso carico 2 835 kg
Propulsione
Motore un BMW Va
Potenza 365 CV (270 kW)
Prestazioni
Velocità max 217 km/h
Velocità di crociera 170 km/h[1]
Autonomia 1 600 km
Tangenza 5 500 m
Note dai riferiti alla versione L 75a

i dati sono estratti da Jane's Encyclopedia of Aviation[2]

voci di aerei civili presenti su Wikipedia

L'Albatros L 75 Ass (in tedesco Asso) fu un aereo da addestramento biplano bimotore prodotto dall'azienda tedesca Albatros Flugzeugwerke GmbH negli anni venti.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Sviluppo[modifica | modifica sorgente]

Alla fine degli anni venti, l'esigenza sempre più pressante di dover ricostituire la struttura dell'aeronautica nella Germania del periodo, convinse l'Albatros a dedicarsi alla progettazione di un nuovo velivolo destinato alla formazione dei piloti nelle scuole di volo civili.

Il progetto venne affidato all'ingegnere Walter Blume che realizzò un modello dall'aspetto convenzionale e che poteva essere facilmente adattato all'utilizzo di varie motorizzazioni sia in linea che radiali. Il prototipo venne portato in volo per la prima volta nel 1928 e, verificata la rispondenza alle specifiche di progetto, avviato alla produzione in serie nei quattro anni successivi. Benché l'Albatros fosse riuscita ad aggiudicarsi un consistente appalto la difficoltà economica in cui si era ritrovata costrinse l'azienda ad essere assorbita dalla Focke-Wulf Flugzeugbau la quale continuò a realizzare gli ultimi sette esemplari del modello nella propria catena di produzione.[2]

Impiego operativo[modifica | modifica sorgente]

L'L 75 venne utilizzato dalla Deutsche Versuchsanstalt für Luftfahrt (DVL), e, principalmente, dalla Deutsche Verkehrsfliegerschule (DVS), organizzazione paramilitare istituita come copertura per la formazione dei futuri piloti della Luftwaffe.[3]

Descrizione tecnica[modifica | modifica sorgente]

L'L 75 era un velivolo dall'aspetto convenzionale, monomotore biposto biplano a carrello fisso.

La fusoliera era caratterizzata dalla presenza di due abitacoli separati aperti posizionati in tandem.

Le configurazione alare era biplana, con ali di forma e dimensione identiche, tra loro leggermente disassate sull'asse verticale con quella inferiore spostata verso coda, collegate da un singolo montante per lato.

Il carrello d'atterraggio era un semplice biciclo anteriore fisso dotato di gambe di forza ammortizzatre ed integrato posteriormente da un pattino d'appoggio posizionato sotto la coda.

Versioni[modifica | modifica sorgente]

L 75
prototipo dotato di un motore BMW IVa.
L 75a
versione di serie dotata di un motore BMW Va.
L 75b
versione dotata di un motore Junkers L5.
L 75c
versione dotata di un motore BMW Va.
L 75d
versione dotata di un motore BMW Va.
L 75E
versione dotata di un motore BMW Va.
L 75F
versione dotata di un motore Junkers L5.
L 75DSA
versione dotata di un motore BMW Va.
L 75DSB
versione dotata di un motore Junkers L5.

Utilizzatori[modifica | modifica sorgente]

Germania Germania

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Albatros L.72 in Уголок неба.
  2. ^ a b Albatros L.72 in Jane's Encyclopedia of Aviation, pag 56.
  3. ^ Albatros L 75 in German Aviation 1919-1945.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • (EN) Taylor, Michael J. H.; Jane's Encyclopedia of Aviation. London: Studio Editions (1989).
  • (DE) Stützer, Helmut. Die deutschen Militärflugzeuge 1919-1934. Herford, Mittler & Sohn Verlag. (1984)

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]