Albatros L 58

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Albatros L 58
Descrizione
Tipo aereo di linea
Equipaggio 1 (pilota)
Costruttore Germania Albatros
Data primo volo 1923
Utilizzatore principale Germania Deutsche Aero-Lloyd
Altri utilizzatori Germania Deutsche Luft Hansa
Esemplari 7
Dimensioni e pesi
Lunghezza 10,89 m
Apertura alare 18,0 m
Altezza 3,80 m
Superficie alare 44,5
Carico alare 60,56 kg/m²
Peso a vuoto 1 370 kg
Peso carico 2 250 kg
Passeggeri 5
Capacità 880 kg
Capacità combustibile 240 kg
Propulsione
Motore un Maybach Mb.IVa
Potenza 245 CV (180 kW)
Prestazioni
Velocità max 150 km/h al livello del mare
Velocità di crociera 135 km/h
Velocità di salita 1,4 m/s
Autonomia 540 km
4 h
Quota di servizio 3 500 m
Note dati riferiti alla versione motorizzata Maybach Mb IVa

i dati sono estratti da German Aviation 1919-1945[1]

voci di aerei civili presenti su Wikipedia

L'Albatros L 58 fu un monomotore ad ala alta da trasporto leggero ad uso civile sviluppato dall'azienda tedesca Albatros Flugzeugwerke GmbH nei primi anni venti.

Costruito in sette esemplari venne utilizzato come aereo di linea da alcune compagnie aeree tedesche del periodo.

Storia del progetto[modifica | modifica sorgente]

Con il termine della prima guerra mondiale e la ratifica del Trattato di Versailles da parte delle nazioni che vi avevano partecipato, l'aviazione dell'oramai smembrato Impero tedesco era stata drasticamente ridotta ed i voli, dopo che inizialmente vennero vietati, ripresero solo dopo qualche tempo limitatamente ai servizi di trasporto civile. La timida rinascita del mercato dell'aviazione nella neofondata Repubblica di Weimar indusse alcune aziende a sviluppare nuovi modelli espressamente progettati per sostituire i pochi velivoli residuati bellici convertiti a tale scopo cercando così di sopravvivere alla crisi economica del settore.

L'Albatros, dopo aver avviato un progetto dall'impostazione tecnica oramai obsoleta, l'L 56 a configurazione alare biplana e cabina di pilotaggio aperta, rispetto ai progetti presentati e sviluppati dalle aziende concorrenti nello stesso periodo, i monoplani tedeschi Junkers F 13 e Sablatnig P.III e l'ora olandese Fokker F.II, ed averlo abbandonato avendo compreso l'impossibilità di competere con dei velivoli più avanzati su difficile mercato dell'aviazione civile[2], decisero di adottare la tecnologia dell'ala monoplana a sbalzo.

Identificato come L 58 il nuovo modello era caratterizzato da una cellula che abbinava un corto naso, il quale inglobava l'apparato propulsore e superiormente l'abitacolo aperto destinato al pilota, e lo scompartimento passeggeri chiuso quasi interamente ubicato sotto l'ala[3], ad una velatura ad ala alta, un unico elemento a sbalzo di grande spessore che integrava al suo interno lo scompartimento per i bagagli ed i serbatoi di combustibile[4].

Il prototipo, terminato nel 1923, venne equipaggiato con un motore Rolls-Royce Falcon da 240 hp (179 kW).[4]

Descrizione tecnica[modifica | modifica sorgente]

L'L 58 era dotato di una fusoliera nella quale l'abitacolo di pilotaggio era aperto e ricavato anteriormente dietro al motore, montato sul muso, e davanti all'ala alta a sbalzo. La stessa proseguiva con la sezione adibita al trasporto passeggeri, dotata di sei ampi finestrini, alla quale si accedeva tramite un portello laterale, e terminava in un piano di coda dall'impennaggio monoderiva. Il carrello d'atterraggio era fisso con un pattino d'appoggio montato posteriormente.

Versioni[modifica | modifica sorgente]

L 58
versione equipaggiata con un motore Rolls-Royce Eagle III e dotata di cabina passeggeri con 5 posti a sedere.
L 58a
versione equipaggiata con un motore Maybach Mb.IVa e dotata di cabina passeggeri con 6 posti a sedere.

Utilizzatori[modifica | modifica sorgente]

Germania Germania
GermaniaURSS Germania-Unione Sovietica

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Albatros L 58 in German Aviation 1919-1945, http://www.histaviation.com/index.html. URL consultato il 18 gennaio 2009.
  2. ^ (EN) Albatros L 56 in German Aviation 1919-1945, http://www.histaviation.com/index.html. URL consultato il 29 giugno 2012.
  3. ^ (EN) Maksim Starostin, Albatros L.58 in Virtual Aircraft Museum, http://www.aviastar.org/index2.html. URL consultato il 18 gennaio 2009.
  4. ^ a b (EN) Albatros L.58 in Valka.cz, http://en.valka.cz/index.php. URL consultato il 29 giugno 2012.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • (EN) Michael John H. Taylor, Jane's encyclopedia of aviation, 2nd Edition, Londra, Studio Editions, 1989, ISBN 0-517-10316-8.
  • (EN) Taylor, Michael J. H.; Jane's Encyclopedia of Aviation. London: Studio Editions (1989), pag. 55.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]