Agugliano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Agugliano
comune
Agugliano – Stemma Agugliano – Bandiera
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Coat of arms of Marche.svg Marche
Provincia Provincia di Ancona-Stemma.png Ancona
Amministrazione
Sindaco Thomas Braconi (lista civica) dal 25/05/2014
Territorio
Coordinate 43°32′36.38″N 13°23′09.62″E / 43.543439°N 13.386006°E43.543439; 13.386006 (Agugliano)Coordinate: 43°32′36.38″N 13°23′09.62″E / 43.543439°N 13.386006°E43.543439; 13.386006 (Agugliano)
Altitudine 203 m s.l.m.
Superficie 21,89 km²
Abitanti 4 870[1] (31.12.2011)
Densità 222,48 ab./km²
Frazioni Castel d'Emilio, il Molino, la Chiusa, Borgo Ruffini
Comuni confinanti Ancona, Camerata Picena, Jesi, Polverigi
Altre informazioni
Cod. postale 60020
Prefisso 071
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 042001
Cod. catastale A092
Targa AN
Cl. sismica zona 2 (sismicità media)
Cl. climatica zona D, 2 064 GG[2]
Nome abitanti aguglianesi
Patrono sant'Anastasio
Giorno festivo 22 gennaio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Agugliano
Agugliano
Posizione del comune di Agugliano nella provincia di Ancona
Posizione del comune di Agugliano nella provincia di Ancona
Sito istituzionale

Agugliano (Gujà in dialetto locale) è un comune italiano di 4.870 abitanti[3] della provincia di Ancona nelle Marche.

La città ha dato i natali al magistrato medievale Baldo d'Agugliano, citato nella Divina Commedia.

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

Agugliano sorge su un colle (203 m s.l.m.) a circa 15 km. ad ovest di Ancona. Il comune conta 4 frazioni: Castel d'Emilio, Il Molino, La Chiusa e il Borgo Ruffini. Agugliano, insieme ai comuni limitrofi di Camerata Picena, Offagna, Polverigi e Santa Maria Nuova fa parte della Terra dei Castelli.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Agugliano e la sua frazione Castel d'Emilio furono, nel Medioevo, due dei circa venti castelli di Ancona.

Il castello[modifica | modifica wikitesto]

La prima testimonianza del castrum Agulliani risale al 1356, quando è elencato nella Descriptio Marchiae del Cardinale Albornoz.

Il castello ha subito rimaneggiamenti tali che le antiche emergenze sono state distrutte o modificate in maniera irreversibile.

Ciononostante l’antico perimetro murario è tuttora individuabile grazie anche all’ausilio di una mappa ottocentesca che ci mostra un circuito ad andamento irregolarmente poligonale.

Chiesa del SS. Sacramento[modifica | modifica wikitesto]

Ogni anno vi si celebra la festa di Sant'Anastasio, patrono di Agugliano.

All’interno, nel lato sinistro, è presente una tela del XVII secolo e sul lato destro il monumento funebre del Cardinale Vico e un antico crocifisso. Nell’abside una tela con raffigurato in basso a destra San Carlo Borromeo, governatore di Ancona nel 1565, anno in cui Agugliano divenne comune autonomo.

Chiesa di Santa Maria a Nazareth[modifica | modifica wikitesto]

Seppur la sua costruzione sia avvenuta nel 1304, l'attuale edificio è una ristrutturazione avvenuta nel 1926 per opera del Cardinale Vico. Questi infatti fece ristrutturare la canonica, demolire il campanile a vela e costruire l'attuale campanile.

Chiesa di Sant'Anna (Borgo Ruffini)[modifica | modifica wikitesto]

Di proprietà dei marchesi Ruffini, fu edificata sul finire del XVI secolo. Alla morte di Giovanni Ruffini (1824) la piccola chiesa, per volontà testamentaria, divenne proprietà comunale.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[4]


Dialetto[modifica | modifica wikitesto]

Il vernacolo aguglianese originario, simile a quello delle limitrofe Polverigi ed Offagna, presentava, frammisti, caratteri jesini ed osimani, peraltro tra loro molto simili, essendo tali centri situati pressoché a metà strada tra Jesi ed Osimo. Attualmente però, la vicinanza e la frequenza, per motivi di studio o di lavoro, di città come quelle prima citate, ma soprattutto del capoluogo Ancona, ha finito con l'"appannare" o addirittura cancellare l'antica parlata: questo fa sì che per via degli influssi esterni, specialmente anconetani ma anche dell'italiano standard (a cui si potrebbe aggiungere il cosiddetto "romanesco televisivo"), si è oggi in presenza di una grande distanza, e perciò di una scollatura e frattura, tra il dialetto dei settanta-ottantenni, quello delle persone di mezza età e ancor più quello dei giovani.

Un altro problema, questa volta squisitamente interno, si presentava, e in parte si presenta tuttora presso gli interlocutori più anziani, con la diversità d'uso del dialetto aguglianese. È infatti stato possibile riscontrare un vernacolo proprio del centro storico del paese (Piazza, la Mura, Pradellu, Castellaro), leggermente diverso da quello del Borgu Ruffini, che costituisce la prima periferia, e ancor più diverse sono le parlate del Molino e della Chiusa, che presentano influssi jesini e chiaravallesi; inoltre la presenza di certe "n" velari a Castel d'Emilio, al confine col comune di Camerata Picena, e una certa "sincopatura" nella dizione riscontrata nel centro storico, rivelano scarse, ma reali tracce di elementi gallo-italici, del resto più frequenti ad Ancona, ed ancor più a Castelferretti, Montemarciano e Senigallia.

Ferma restando comunque l'appartenenza dell'aguglianese alla famiglia dialettale italiana centrale (laziale-umbro-marchigiana), per la precisione perimediana (Roma-Perugia-Ancona), si possono passare ora ad analizzare i suoi tratti essenziali, compresi quelli caduti ormai in disuso:

  • vi è una lenta e progressiva scomparsa dell'assimilazione di ND a NN, ancora vitale invece a Jesi ed Osimo: per cui, per il doppio influsso anconetano ed italiano, si avranno sempre più spesso mondo e quando in luogo degli originari monno e quanno;
  • la "d" intervocalica jesina-osimana, frutto della lenizione di "t", torna sempre più spesso ad essere pronunciata con la consonante originaria (cantato e non più cantado);
  • resiste invece, quasi sicuramente per via della sua contemporanea presenza nell'anconetano, la lenizione di "c" in "g" (pogo, garbo');
  • paiono poi ancora inattaccabili le pronunce "sc" e "sg" di "c" e "g", per cui avremmo sempre "scerèsgi" per "ciliegi";
  • la "v" intervocalica tende sempre meno a dileguarsi: perciò si ha sempre meno piòe e sempre più piove, ed éa si italianizza sempre più in avéa o addirittura in aveva.

Collegamenti[modifica | modifica wikitesto]

In Auto[modifica | modifica wikitesto]

  • Provenendo da Ancona il paese è raggiungibile con la SP4.
  • Da nord: prendere l'Autostrada A14 in direzione Ancona, uscire ad Ancona Nord,prendere la SP34 ed attraversare Grancetta,Camerata Picena e seguire le indicazioni per Agugliano
  • Da sud: prendere l'Autostrada A14 in direzione Ancona, uscire ad Ancona Sud,prendere la SP2 per Polverigi e seguire le indicazioni per Agugliano
  • Da ovest: Dalla SS76 uscire a Monsano, attraversare La Chiusa ed imboccare la SP2. Successivamente imboccare la SP9.

In autobus[modifica | modifica wikitesto]

  • Il paese è raggiungibile tramite la linea I della società Conerobus.

Con aereo, treno o nave[modifica | modifica wikitesto]

  • L'aeroporto delle Marche "Raffaello Sanzio" di Falconara dista circa 10 km
  • Le stazioni del treno vicine sono quelle di Ancona (14 km) e di Jesi (19 km)
  • Il porto di Ancona dista circa 14 km.

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Calcio a 11[modifica | modifica wikitesto]

La squadra di calcio a 11 è l'Agugliano Polverigi calcio che però è anche di Polverigi e gioca attualmente in Seconda Categoria.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
8 giugno 2009 25 maggio 2014 Sauro Lombardi lista civica Sindaco
26 maggio 2014 in carica Thomas Braconi PD Sindaco

Gemellaggio[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ ISTAT data warehouse
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF) in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ Dato Istat al 31/12/2011.
  4. ^ Statistiche I.Stat ISTAT  URL consultato in data 28-12-2012.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Marche Portale Marche: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Marche