Arcevia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Arcevia
comune
Arcevia – Stemma
Arcevia – Veduta
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Coat of arms of Marche.svg Marche
Provincia Provincia di Ancona-Stemma.png Ancona
Amministrazione
Sindaco Andrea Bomprezzi (lista civica) dall'08/06/2009
Territorio
Coordinate 43°29′00″N 12°56′22.56″E / 43.483333°N 12.9396°E43.483333; 12.9396 (Arcevia)Coordinate: 43°29′00″N 12°56′22.56″E / 43.483333°N 12.9396°E43.483333; 12.9396 (Arcevia)
Altitudine 535 m s.l.m.
Superficie 126,40 km²
Abitanti 4 914[1] (31.12.2011)
Densità 38,88 ab./km²
Frazioni Avacelli, Castiglioni, Caudino, Colle Aprico, Costa, Loretello, Magnadorsa, Montale, Nidastore, Palazzo, Piticchio, Prosano, Ripalta, San Ginesio di Arcevia, San Giovanni Battista, San Pietro in Musio, Sant'Apollinare, Santo Stefano.
Comuni confinanti Barbara, Castelleone di Suasa, Genga, Mergo, Montecarotto, Pergola (PU), Rosora, San Lorenzo in Campo (PU), Sassoferrato, Serra de' Conti, Serra San Quirico
Altre informazioni
Cod. postale 60011
Prefisso 0731
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 042003
Cod. catastale A366
Targa AN
Cl. sismica zona 2 (sismicità media)
Cl. climatica zona E, 2 301 GG[2]
Nome abitanti arceviesi
Patrono san Medardo
Giorno festivo 8 giugno
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Arcevia
Posizione del comune di Arcevia nella provincia di Ancona
Posizione del comune di Arcevia nella provincia di Ancona
Sito istituzionale

Arcèvia[3] è un comune italiano di 4.914 abitanti[1] della provincia di Ancona nelle Marche.

Geografia fisica[modifica | modifica sorgente]

Rinvenimenti archeologici[modifica | modifica sorgente]

Preistoria e protostoria[modifica | modifica sorgente]

Il territorio di Arcevia è particolarmente ricco di testimonianze archeologiche, in particolare per la Preistoria e Protostoria, dal Paleolitico all’Età del bronzo e all'età del Ferro.[4]

Paleolitico[modifica | modifica sorgente]

Per il Paleolitico superiore (Gravettiano – circa 20.000-18.500 anni da oggi) si segnala il giacimento di Ponte di Pietra, una stazione officina per la lavorazione della selce frequentata periodicamente da gruppi di cacciatori che erano soliti fabbricare qui i loro strumenti.
Il ritrovamento di tracce di focolari e di buche di palo fa pensare a capanne di tipo leggero sostenute da piccoli pali di legno e con probabile copertura di pelli che costituivano accampamenti temporanei finalizzati all’approvvigionamento e alla lavorazione della selce.
Le attività erano essenzialmente legate alla scheggiatura della selce e al ritocco dei manufatti per ricavarne strumenti utilizzati per la caccia e altri impieghi ad essa connessi.[5]

Neolitico[modifica | modifica sorgente]

A partire dal Neolitico si assiste alla nascita di villaggi stabili di agricoltori ed allevatori, come il caso di Cava Giacometti, un sito che ha conosciuto tre fasi insediative e culturali distinte risalenti al Neolitico finale, all’età del Rame e all’Età del bronzo.
La prima fase di occupazione risale al Neolitico finale ed è caratterizzata soprattutto dalla produzione di recipienti in ceramica di uso domestico (pentole, contenitori, scodelle) e da un gran numero di manufatti in selce scheggiata per usi pratici e per la caccia.[6]

Età del Rame[modifica | modifica sorgente]

Rappresentativo di un aspetto dell’età del Rame nelle Marche è l’insediamento di Conelle (circa III millennio a.C.), difeso da un fossato artificiale che ne sbarrava l’unico lato non protetto naturalmente.
La presenza del fossato creato con finalità difensive e il rinvenimento dei primi esemplari di armi in selce scheggiata (pugnali e punte di lancia) rivelano la rottura delle relazioni pacifiche con le comunità vicine e l’insorgere di crescenti antagonismi generati dall’aumento dei beni da salvaguardare e dalla crescita del potere economico e sociale di alcuni individui o classi di individui.
L’economia del villaggio era legata all’agricoltura e all’allevamento, anche se la caccia era ancora notevolmente praticata.
Le attività artigianali erano assai diversificate. Ricca la produzione di recipienti in ceramica utilizzati per cuocere e contenere i cibi. La fabbricazione di strumenti in selce scheggiata era indirizzata a diversi scopi, non più esclusivamente pacifici, sia in ambito domestico sia per la caccia e per la guerra.
Abbondante anche la produzione di strumenti in pietra levigata specifici per la lavorazione del legno (asce-martello forate) e di manufatti in osso e in corno di cervo che, come i pochi reperti metallici, presuppongono una specializzazione del lavoro non più confinato all’ambito strettamente domestico, ma ormai di tipo artigianale e specializzato.[7]

Età del bronzo[modifica | modifica sorgente]

Numerosi i rinvenimenti archeologici relativi all’età del Bronzo (II millennio a.C.) che mostrano una più intensa occupazione del territorio.
All’età del Bronzo finale è riferibile l’abitato d’altura di Monte Croce Guardia (XII-X secolo a.C.) composto da capanne con il fondo scavato nel terreno roccioso, la cui posizione elevata rivela una scelta strategica dovuta ad esigenze difensive.
All’interno del villaggio si svolgevano attività produttive ed artigianali specializzate. Oltre alla produzione della ceramica si assiste ad uno straordinario sviluppo dei manufatti in osso e corno di cervo e alla comparsa di oggetti in bronzo.[8]

Età del Ferro[modifica | modifica sorgente]

Per l'età del Ferro risulta particolarmente rappresentata la fase finale della civiltà picena grazie alla ricca necropoli gallica di Montefortino d'Arcevia (metà del IV-inizi del II secolo a.C.) che segna il trapasso alla fase di occupazione romana del territorio.
Le tombe, contrassegnate da grosse pietre, erano del tipo a fossa rettangolare scavata nel terreno e contenevano la cassa lignea (della quale si sono conservati solo i chodi di ferro) con il corpo del defunto.
La tipologia e composizione dei corredi consente di definire il sesso e il ruolo sociale dei defunti.
Numerosi sono i guerrieri con armi da offesa (spade, lance, giavellotti) e da difesa (elmi) di ferro e di bronzo di tipo celtico.
Particolarmente ricche anche le tombe femminili appartenute a donne di rango elevato che si distinguono per la preziosità degli ornamenti in oro. Tra gli elementi di corredo molti sono gli oggetti di importazione dall'Etruria, dall'Italia meridionale e dalla Grecia che confermano la ricchezza di queste comunità celtiche.
A breve distanza dalla necropoli sorgeva un luogo di culto in uso dal V secolo a.C. fino all'età romana che ha restituito oggetti votivi.[9]

Storia[modifica | modifica sorgente]

Prime attestazioni[modifica | modifica sorgente]

Rocca Contrada è il nome medievale di Arcevia. Un "monte de la Rocca" è ricordato in un documento del 1065, un "fundo de la Rocca" in altro del 1130 e una "Rocha de Contrado" nel 1147. Questi sono i documenti più antichi noti che attestano l'esistenza di un insediamento probabilmente già fortificato, comunque identificato da una rocca o fortezza, compreso nel comitato di Senigallia, posto sulla sommità del Sasso Cischiano, sulle ultime propaggini dell'Appennino marchigiano. L'atto del 1147 è di particolare interesse perché fornirebbe con l'appartenenza del castello ad un signore di nome Contrado, forse dal germanico "Konrad" o dalla contrazione di "Conte rado", la spiegazione del nome composto Rocca Contrada.

Origini[modifica | modifica sorgente]

Si può comunque ritenere che il primo nucleo abitativo di Arcevia sia sorto durante le invasioni barbariche, per accogliere fuggitivi dalle devastate città romane, oramai in piena decadenza, di Suasa, Ostra e Sena Gallica l'odierna Senigallia.

Durante la dominazione longobarda questo abitato, per la sua posizione di controllo di importanti vie di comunicazione poste ai margini dei territori bizantini, può aver svolto funzioni di presidio militare. Nel suo territorio infatti confinava l'estremo nord del Ducato di Spoleto con il gastaldato longobardo di Nocera Umbra che comprendeva il Monte Sant'Angelo, Caudino, Costa e Civitalba. E forse proprio per questa sua posizione strategica Arcevia fu occupata dai Franchi e donata nel 754 da Pipino il Breve a papa Stefano II, insieme ad altre località. Ai Franchi viene inoltre attribuita, per antica tradizione, l'intitolazione della chiesa arceviese di San Medardo, santo venerato dal quel popolo, di cui è conservata una preziosa reliquia.

Il nuovo nome[modifica | modifica sorgente]

Rocca Contrada fu chiamata ufficialmente Arcevia, con il titolo di città, con lettera apostolica del 16 settembre 1817 da papa Pio VII.

Evoluzione demografica[modifica | modifica sorgente]

Abitanti censiti[10]


Arte[modifica | modifica sorgente]

Arcevia è luogo ricercato di soggiorno estivo conosciuto ed apprezzato sin dal secolo XVI. Arcevia è città di storia (notissima per la sua inespugnabile rocca, la signoria dei Chiavelli, di Braccio da Montone e Francesco Sforza, ricordata come "Propugnaculum Ecclesia" ) e città d'arte (per conservare capolavori rinascimentali come il Polittico di San Medardo ed il Battesimo di Cristo di Luca Signorelli, opere di Giovanni, Andrea e fra Mattia della Robbia, e tra gli altri di Simone Cantarini, Giovanni Battista Salvi detto "Il Sassoferrato", Claudio Ridolfi, Francesco di Gentile, Gherardo Cibo, Ercole Ramazzani e suoi collaboratori, Cesare Conti, il Pomarancio e F. Silva ed ancora Edgardo Mannucci, Quirino Ruggeri, Bruno d'Arcevia). Tra le chiese spicca quella di San Medardo (rifatta nel 1634).

Musica[modifica | modifica sorgente]

Dal 1998 Arcevia ospita ogni estate i Seminari Estivi di Improvvisazione Arcevia Jazz Feast. Durante gli ultimi giorni del mese di luglio e i primi del mese di agosto, Arcevia si popola di musicisti di ogni età che arrivano da ogni parte d'Italia (e grazie alla cooperazione con il College of Music di Cape Town, dal Sud Africa) per frequentare lezioni con insegnanti internazionali, masterclass, laboratori e ogni sera partecipare a jam session e assistere ai concerti organizzati dall'Associazione Arcevia Jazz Feast, in un'atmosfera amichevole e festosa e nel clima fresco e ventilato del borgo.

Folclore[modifica | modifica sorgente]

Dal 1984, Arcevia invia una sua delegazione a Tredozio (FC) per partecipare alla Disfida dell'Uovo, nel corso dell'annuale gara di scoccetta pasquale. Ogni anno, durante l'ultimo fine settimana di settembre, si svolge la Festa dell'Uva, con sfilate di carri allegorici, Palio e stand enogastronomici. Vengono premiati il miglior carro, l'Associazione vincitrice del Palio e il miglior piatto povero tra quelli proposti dalle Associazioni che allestiscono gli stand enogastronomici.

Amministrazione[modifica | modifica sorgente]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
13 giugno 2004 7 giugno 2009 Silvio Purgatori lista civica Sindaco
8 giugno 2009 in carica Andrea Bomprezzi lista civica Sindaco

Gemellaggi[modifica | modifica sorgente]

Persone legate ad Arcevia[modifica | modifica sorgente]

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Arcevia è tra le città decorate al valor militare per la guerra di liberazione perché è stato insignito della medaglia di bronzo al valor militare per i sacrifici delle sue popolazioni e per la sua attività nella lotta partigiana durante la seconda guerra mondiale.[11]

Sport[modifica | modifica sorgente]

Calcio[modifica | modifica sorgente]

La squadra di calcio è l'Avis Arcevia 1964 dai colori sociali biancorossi che milita in Prima Categoria. L'Avis Arcevia di calcio a 5 invece gioca in Serie C2 e disputa le proprie partite casalinghe presso la palestra di Castelleone di Suasa.

Galleria fotografica[modifica | modifica sorgente]

Il parco[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b ISTAT data warehouse
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF) in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ DOP
  4. ^ Gianfranco Paci et alii, pp. 241-243; Gaia Pignocchi, Mara Silvestrini, pp. 11-13
  5. ^ Gaia Pignocchi, Mara Silvestrini, pp. 15-25
  6. ^ Gaia Pignocchi, Mara Silvestrini, pp. 37-40
  7. ^ Gaia Pignocchi, Mara Silvestrini, pp. 27-35
  8. ^ Gaia Pignocchi, Mara Silvestrini, pp. 40-45
  9. ^ Gaia Pignocchi, Mara Silvestrini, pp. 45-57
  10. ^ Statistiche I.Stat ISTAT  URL consultato in data 28-12-2012.
  11. ^ Istituto del Nastro Azzurro fra Combattenti Decorati al Valor Militare - Istituzioni Decorate di Medaglia di bronzo al Valor Militare Comune di Arcevia

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Gianfranco Paci et alii, Arcevia (AN). Schede per località, Picus, 1985, 5, pp. 244–250.
  • Gaia Pignocchi, Mara Silvestrini, Il Museo Archeologico di Arcevia e i siti sul territorio, (Gli Scrigni – Guide al Patrimonio artistico delle Marche), Pescara, Carsa Edizioni, 2002. ISBN 88-501-0042-6.
  • P. Santini, Arcevia. Nuovo itinerario nella Storia e nell'Arte.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Marche Portale Marche: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Marche