Vincenzo Renieri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Vincenzo Renieri (Genova, 30 marzo 1606Pisa, 5 novembre 1647) è stato un religioso, astronomo e matematico italiano. Fu amico e discepolo di Galileo Galilei.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Monaco benedettino olivetano, il suo nome di battesimo era Giovanni Paolo. Fu a Roma nel 1623, poi ad Arezzo dal 1624 al 1625, ad Ascoli Piceno dal 1626 al 1629, a Monte Oliveto dal 1630 al 1631, e a Siena dal 1632 dove l'anno seguente, incontrò Galilei che, ormai cieco, gli diede tutti i documenti contenenti le sue osservazioni e calcoli sui pianeti medicei, affinché ne calcolasse le effemeridi che però non compaiono nelle Tabulae mediceae. Ad Arcetri conobbe e divenne amico di Vincenzo Viviani.[1]

Dal 1636 insegnò privatamente matematica e astronomia a Genova ed ebbe fra i suoi allievi Daniele Spinola.

Nel 1639 pubblica a Firenze la Tabulae Mediceae secundorum Mobilium universales.

Nel 1640 a seguito della morte di Dino Peri, con l'appoggio del principe Leopoldo de' Medici e di Galilei, Renieri lo sostituì come professore di matematica presso l'Università di Pisa. In seguito ebbe anche la cattedra di greco, che aveva insegnato per molti anni nelle scuole della sua congregazione in Monte Oliveto.

Nel suo lavoro astronomico si distinse per le osservazioni sui satelliti di Giove migliorando le tabelle galileiani sui movimenti di questi corpi celesti.

Solo dopo la morte prematura di Renieri, avvenuta a Pisa nel 1647, furono pubblicate i suoi studi sulle lune di Giove. Poiché sembra che i suoi scritti fossero stati trafugati da un uomo di nome Giuseppe Agostini[2][3] della corrispondenza epistolare con Galilei sono giunte a noi solo due lettere.

Famiano Michelini gli succedette alla cattedra di matematica, rimasta vacante dopo la sua morte, presso l'Università di Pisa.

Un cratere meteoritico lunare, che si trova a sud-est rispetto al Cratere Galilaei, fu a lui dedicato con il nome di "Reiner" .

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Expugnata Hierusalem, poema, Macerata: Petrum Salvionum 1628
  • Tabulae mediceae secundorum Mobilium quibus universale unicum prosthaphaereseon orbis canonem planetarum calcolo exhibetur. Non solum tychonicè iuxta Rudolphinas Danica & Lansbergianas, sed etiam iuxta Prutenicas Alphonsinas & Ptolemaicas , Firenze: Amatoris massae & Laurentij de Landis, 1639
  • Tabulae motuum cælestium universale: Serenissimi Magni Ducis Etruriae Ferdinandiova II auspicijs Primo editæ, e Mediceæ nuncupati, nunc vero auctæ, recognitæ, atque ... Bernardini Fernandez de Velasco ... iussu, recusæ ac sumptibus ..., Firenze: Amatoris massae Foroliuien 1647

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Antonio Favaro, Amici e Corrispondenti di Galileo Galilei XII. Vincenzo Renieri, Atti del Reale Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti, Volume 64, Part 2, 1904/5, pp 111-195
  2. ^ Fahie, JJ, Galileo: His Life and Work (London: John Murray, 1903), 374-5
  3. ^ Evento messo in dubbio da Antonio Favaro, Documenti inediti per la Storia dei MSS. Galileiani, Roma, 1886, pp 8-14

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Vincenzo Renieri, in Treccani.it – Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 15 marzo 2011.
Controllo di autoritàVIAF (EN29925679 · ISNI (EN0000 0004 0175 180X · GND (DE1055354182 · CERL cnp00925021