Val Colla

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'ex comune svizzero del distretto di Lugano (Canton Ticino), vedi Valcolla.
Val Colla
quartiere
Val Colla – Stemma
Val Colla – Veduta
Localizzazione
Stato Svizzera Svizzera
Cantone Flag of Canton of Tessin.svg Ticino
Distretto Lugano
Comune Lugano-coat of arms.svg Lugano
Territorio
Coordinate 46°05′35″N 9°03′00″E / 46.093056°N 9.05°E46.093056; 9.05 (Val Colla)Coordinate: 46°05′35″N 9°03′00″E / 46.093056°N 9.05°E46.093056; 9.05 (Val Colla)
Altitudine 603 m s.l.m.
Abitanti 1 373 (2016)
Altre informazioni
Cod. postale 6951 e 6959
Fuso orario UTC+1
Cartografia
Mappa di localizzazione: Svizzera
Val Colla
Val Colla
Val Colla – Mappa
Localizzazione del quartiere di Val Colla nel territorio comunale di Lugano

Val Colla è un quartiere di 1 373 abitanti del comune svizzero di Lugano, nel Canton Ticino (distretto di Lugano).

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Il Gazzirola visto da Val Colla

Il territorio del quartiere coincide con quello dell'omonima valle e copre una superficie di 21,75 km²[1] coperta prevalentemente da pascoli e boschi di betulle, castagni e faggi nella parte più bassa e di larici e abeti nella parte superiore (da circa 1 000-1 200 m.s.m.), questi ultimi in gran parte frutto di piantagioni[senza fonte]. Nel 1973 la valle fu colpita da un grave incendio.

La vetta del Gazzirola, con i suoi 2 116 metri, è il punto più alto del quartiere (e dell'intero comune); vi si trovano le sorgenti del fiume Cassarate. Alla base del crinale meridionale della montagna è posto il passo San Lucio che collega la Val Colla all'adiacente Val Cavargna in Italia (provincia di Como)[2]. Le altre importanti cime che fanno da contorno alla valle sono a sud la Cima di Fiorina e la Cima dell'Oress e a nord-ovest il Monte Bar (posto sul territorio di Capriasca)[senza fonte].

La Val Colla ha un clima simile a quello del resto del distretto di Lugano; l'inverno è comunque molto piu freddo man mano che si sale di altitudine e nei comuni dell'alta valle le temperature possono scendere anche sotto i -20 gradi[senza fonte].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il quartiere è stato istituito nel 2013 con l'aggregazione e l'accorpamento a Lugano dei comuni soppressi di Bogno, Certara, Cimadera e Valcolla, quest'ultimo a sua volta stata istituito nel 1956 con l'aggregazione dei comuni soppressi di Colla, Insone, Piandera, Scareglia e Signôra.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

L'evoluzione demografica è riportata nella seguente tabella[2]:

Abitanti censiti

Lingue e dialetti[modifica | modifica wikitesto]

Oggi in tutta la valle si parla prevalentemente un dialetto ticinese e come lingua ufficiale l'italiano. Un tempo i magnani della valle avevano sviluppato un proprio gergo, il rügin[2] (nella vicina Val Cavargna detto rungín), basato grammaticalmente sul locale dialetto ma con dei termini codificati e incomprensibili per chi non ne era a conoscenza (per esempio ra rebáiza, "la polenta")[senza fonte]. L'attività del magnano era, nel passato, la principale attività degli abitanti di questa vallata, condivisa anche con gli abitanti della vicina Val Cavargna. Essi si spostavano in tutto il Nord Italia per svolgere la loro attività di ramai, stagnini e riparatori di pentole in generale[2]. L'esprimersi in un idioma che non veniva compreso da estranei permetteva di custodire e trasmettere i segreti della propria attività solo ai propri concittadini[senza fonte].

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

L'Archivio audiovisivo di Capriasca e Val Colla, che ha sede a Roveredo, conserva immagini e filmati della zona.

Economia[modifica | modifica wikitesto]

La popolazione è composta in gran parte lavoratori pendolari verso il centro della città; in loco ci sono attività legate all'allevamento del bestiame[2] e al turismo[senza fonte].

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Ogni famiglia originaria del luogo fa parte del cosiddetto comune patriziale e ha la responsabilità della manutenzione di ogni bene ricadente all'interno dei confini del quartiere. L'ufficio patriziale, rieletto il 26 aprile 2009, è presieduto da Joseph Moresi[senza fonte].

L'antica comunanza Corticiasca-Valcolla è confluita nella comunanza Capriasca-Lugano dal 14 aprile 2013[senza fonte].

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Nel comune è attiva una squadra amatoriale di unihockey ed è possibile praticare sci di fondo, sci escursionismo, mountain bike ed escursionismo[senza fonte].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Val Colla – Il quartiere in numeri, su sito istituzionale del comune di Lugano, 27 luglio 2017. URL consultato il 27 ottobre 2017.
  2. ^ a b c d e Maurizio Cattaneo, Alberto Gandolla, Valcolla, in Dizionario storico della Svizzera, 18 gennaio 2017. URL consultato il 27 ottobre 2017.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Virgilio Gilardoni, Il Romanico. Catalogo dei monumenti nella Repubblica e Cantone del Ticino, La Vesconta, Casagrande S.A., Bellinzona 1967, 579.
  • Bernhard Anderes, Guida d'Arte della Svizzera Italiana, Edizioni Trelingue, Porza-Lugano 1980, 296-297.
  • AA.VV., Guida d'arte della Svizzera italiana, Edizioni Casagrande, Bellinzona 2007, 382-383.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Ticino Portale Ticino: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Ticino