Breganzona

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Breganzona
frazione
Localizzazione
Stato Svizzera Svizzera
Cantone Flag of Canton of Tessin.svg Ticino
Distretto Lugano
Comune Lugano-coat of arms.svg Lugano
Territorio
Coordinate 46°00′26″N 8°55′44″E / 46.007222°N 8.928889°E46.007222; 8.928889 (Breganzona)Coordinate: 46°00′26″N 8°55′44″E / 46.007222°N 8.928889°E46.007222; 8.928889 (Breganzona)
Altitudine 433 m s.l.m.
Superficie 2,24 km²
Abitanti 5 460 (31.12.2012)
Densità 2 437,5 ab./km²
Frazioni confinanti Besso
Altre informazioni
Lingue Italiano
Cod. postale 6932
Prefisso 091
Fuso orario UTC+1
Cartografia
Mappa di localizzazione: Svizzera
Breganzona
Breganzona
Breganzona – Mappa
Localizzazione del quartiere di Breganzona nel territorio comunale di Lugano

1leftarrow blue.svgVoce principale: Lugano.

Breganzona è un quartiere della città di Lugano, nel Canton Ticino. Fino al 2004 è stato un comune indipendente.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Persone legate a Breganzona[modifica | modifica wikitesto]

Francis Bott

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Francesca Mariani Arcobello, Pietro Polar, in Dizionario storico della Svizzera, 27 ottobre 2008.
  2. ^ Pablo Crivelli, Giovanni Polar, in Dizionario storico della Svizzera, 5 aprile 2011.
  3. ^ Pablo Crivelli, Ignazio Polar, in Dizionario storico della Svizzera, 5 aprile 2011.
  4. ^ Pablo Crivelli, Giovanni Polar, in Dizionario storico della Svizzera, 3 dicembre 2008.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Virgilio Gilardoni, Il Romanico. Catalogo dei monumenti nella Repubblica e Cantone del Ticino, La Vesconta, Casagrande S.A., Bellinzona 1967, 229, 233.
  • Bernhard Anderes, Guida d'Arte della Svizzera Italiana, Edizioni Trelingue, Porza-Lugano 1980, 297.
  • Luciano Vaccaro, Giuseppe Chiesi, Fabrizio Panzera, Terre del Ticino. Diocesi di Lugano, Editrice La Scuola, Brescia 2003, 328.
  • AA.VV., Guida d'arte della Svizzera italiana, Edizioni Casagrande, Bellinzona 2007, 295, 331, 332, 333.
  • Stefano Zuffi, Ipotesi e misteri da svelare per due feste veneziane, in «Giornale del Popolo» del 18 febbraio 2012, Lugano 2012.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN125657441 · GND: (DE4521650-2
Ticino Portale Ticino: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Ticino