Viganello

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Viganello
quartiere
Viganello – Stemma
Localizzazione
StatoSvizzera Svizzera
CantoneFlag of Canton of Tessin.svg Ticino
DistrettoLugano
ComuneLugano-coat of arms.svg Lugano
Territorio
Coordinate46°00′57″N 8°58′17″E / 46.015833°N 8.971389°E46.015833; 8.971389 (Viganello)Coordinate: 46°00′57″N 8°58′17″E / 46.015833°N 8.971389°E46.015833; 8.971389 (Viganello)
Altitudine283 m s.l.m.
Abitanti7 409 (2016)
Altre informazioni
Cod. postale6962
Prefisso091
Fuso orarioUTC+1
Nome abitantiviganellesi
Cartografia
Mappa di localizzazione: Svizzera
Viganello
Viganello
Viganello – Mappa
Localizzazione del quartiere di Viganello nel territorio comunale di Lugano
Sito istituzionale

Viganello è un quartiere di 7 409 abitanti del comune svizzero di Lugano, nel Canton Ticino (distretto di Lugano).

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Il territorio di Viganello parte dal fiume Cassarate[1], che lo separa dai quartieri di Lugano Centro e Molino Nuovo; passata questa prima parte si arriva a una leggera salita[senza fonte] fino alla zona denominata Collina[1], alle pendici del Monte Brè[senza fonte].

Il clima di Viganello è molto simile a quello della città stessa. Nel febbraio 1994 venne registrata una minima di -20,8 gradi centigradi in zona scuole vecchie[senza fonte].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il territorio del comune di Viganello prima degli accorpamenti comunali del 2004

Già comune autonomo che si estendeva per 1,2 km², nel 2004 è stato accorpato a Lugano assieme agli altri comuni soppressi di Breganzona, Cureggia, Davesco-Soragno, Gandria, Pambio Noranco, Pazzallo e Pregassona.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

L'evoluzione demografica è riportata nella seguente tabella[2]:

Abitanti censiti

Persone legate a Viganello[modifica | modifica wikitesto]

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

La gran parte della popolazione è concentrata nella porzione di territorio pianeggiante presso il Cassarate[1], dove si trovano anche la gran parte delle attività commerciali. Case di considerevoli dimensioni si inerpicano verso la località Collina, caratterizzata da piccoli condomini e case unifamiliari e che può trovare il suo vero inizio nel nucleo storico di Viganello (chiamato dai suoi abitanti "Viganello Vecchia") e che finisce sul territorio della frazione del quartiere chiamata Albonago[senza fonte]. Questo nucleo abitato, come quello maggiore, nonostante molto più piccolo risulta essersi sviluppato e trasformato in un quartiere urbano; rimangono comunque, nei nuclei più antichi di Viganello e Albonago, le testimonianze del passato rurale di queste zone[1].

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Ogni famiglia originaria del luogo fa parte del cosiddetto comune patriziale e ha la responsabilità della manutenzione di ogni bene ricadente all'interno dei confini del quartiere.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Viganello – Storia, su sito istituzionale del comune di Lugano, 20 settembre 2016. URL consultato il 29 ottobre 2017.
  2. ^ a b Antonio Gili, Viganello, in Dizionario storico della Svizzera, 17 gennaio 2017. URL consultato il 29 ottobre 2017.
  3. ^ Rahn, 1894, pp. 249-250.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Johann Rudolf Rahn, I monumenti artistici del medio evo nel Cantone Ticino, Tipo-Litografia di Carlo Salvioni, Bellinzona 1894.
  • Virgilio Gilardoni, Il Romanico. Catalogo dei monumenti nella Repubblica e Cantone del Ticino, La Vesconta, Casagrande S.A., Bellinzona 1967, 486, 582.
  • Bernhard Anderes, Guida d'Arte della Svizzera Italiana, Edizioni Trelingue, Porza-Lugano 1980, 273.
  • AA.VV., Guida d'arte della Svizzera italiana, Edizioni Casagrande, Bellinzona 2007, 295, 322, 323, 325, 338.
  • Fabio Casagrande, Diego Gilardoni, La Fondazione Historia Cisalpina. Breve descrizione, in Archivio Storico Ticinese, numero 147, Casagrande, Bellinzona 2010.
  • Inge Beckel, Christof Kübler, Ferien für alle. Zu den Anfängen eines sozialen Tourismus in der Schweiz, in «Arte e Architettura in Svizzera», anno 62, numero 2, SSAS, Berna 2011.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN237446165 · GND: (DE4529876-2
Ticino Portale Ticino: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Ticino