Caprino (Lugano)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Caprino
frazione
Caprino – Stemma
Caprino – Veduta
Localizzazione
StatoSvizzera Svizzera
CantoneFlag of Canton of Tessin.svg Ticino
DistrettoLugano
ComuneLugano-coat of arms.svg Lugano
Territorio
Coordinate45°59′01″N 8°58′46″E / 45.983611°N 8.979444°E45.983611; 8.979444 (Caprino)Coordinate: 45°59′01″N 8°58′46″E / 45.983611°N 8.979444°E45.983611; 8.979444 (Caprino)
Altitudine272 m s.l.m.
Abitanti400
Altre informazioni
Cod. postale6823
Prefisso091
Fuso orarioUTC+1
TargaTI
Cartografia
Mappa di localizzazione: Svizzera
Caprino
Caprino

Caprino è una frazione di 400 abitanti (in estate; in inverno una ventina)[senza fonte] del comune svizzero di Lugano, nel Canton Ticino (distretto di Lugano). Fa parte del quartiere di Castagnola-Cassarate-Ruvigliana.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Caprino è stato l'unico nucleo abitato di Lugano sulla sponda meridionale del Lago di Lugano dal 1972 fino all'accorpamento a Lugano di Gandria, nel 2004. Sorge dirimpetto alla città, sotto il Monte Caprino. A ovest di Caprino si trova il confine di Stato con l'exclave italiana di Campione d'Italia.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Già frazione del comune di Castagnola, assieme a questo nel 1972 è stato accorpato al comune di Lugano[1].

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Caprino non è direttamente collegato alla città di Lugano e malgrado la vicinanza con Campione d'Italia non esistono strade che collegano le due località. La frazione è raggiungibile da Lugano Centro via lago (circa 3 km in linea d'aria) oppure compiendo un percorso terrestre di circa 20 km via Melide, Maroggia, Arogno e la sua frazione di Pugerna, tuttavia l'ultimo tratto da San Rocco e Caprino è percorribile solo a piedi[senza fonte].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Antonio Gili, Castagnola, in Dizionario storico della Svizzera, 15 settembre 2003. URL consultato il 24 ottobre 2017.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • AA.VV., Guida d'arte della Svizzera italiana, Edizioni Casagrande, Bellinzona 2007, 321.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Ticino Portale Ticino: accedi alle voci di Wikipedia che parlano del Ticino