Pregassona

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Pregassona
frazione
Pregassona – Stemma
Pregassona – Veduta
Localizzazione
Stato Svizzera Svizzera
Cantone Flag of Canton of Tessin.svg Ticino
Distretto Lugano
Comune Lugano-coat of arms.svg Lugano
Territorio
Coordinate 46°01′N 8°58′E / 46.016667°N 8.966667°E46.016667; 8.966667 (Pregassona)Coordinate: 46°01′N 8°58′E / 46.016667°N 8.966667°E46.016667; 8.966667 (Pregassona)
Altitudine 379 m s.l.m.
Superficie 2,23 km²
Abitanti 9 627 (31.12.2015)
Densità 4 317,04 ab./km²
Frazioni confinanti Brè-Aldesago, Cureggia, Davesco, Molino Nuovo e Viganello
Altre informazioni
Lingue Italiano
Cod. postale 6963
Prefisso 091
Fuso orario UTC+1
Cartografia
Mappa di localizzazione: Svizzera
Pregassona
Pregassona
Pregassona – Mappa
Localizzazione del quartiere di Pregassona nel territorio comunale di Lugano

Pregassona è un quartiere della città di Lugano nel Canton Ticino. Fino al 2004 è stato un comune indipendente.

Persone legate a Pregassona[modifica | modifica wikitesto]

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Nuovi palazzi sulla riva del fiume Cassarate
La linea tramviaria Lugano-Cadro-Dino a Ventuno

Trasporti pubblici[modifica | modifica wikitesto]

Fino al 30 maggio 1970 era in funzione la ferrovia Lugano-Cadro-Dino che collegava Pregassona sia con Lugano Centro sia con il villaggio di Dino nell'attuale quartiere di Sonvico. Successivamente il servizio venne sostituito con gli autobus della società dei Trasporti Pubblici Luganesi (TPL).

Note[modifica | modifica wikitesto]


Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Paul Schäfer, Il Sottoceneri nel Medioevo, edizione italiana, Lugano 1954, 126-127, note 68-70.
  • Virgilio Gilardoni, Il Romanico. Catalogo dei monumenti nella Repubblica e Cantone del Ticino, La Vesconta, Casagrande S.A., Bellinzona 1967, 486.
  • Bernhard Anderes, Guida d'Arte della Svizzera Italiana, Edizioni Trelingue, Porza-Lugano 1980, 273-275.
  • AA.VV., Guida d'arte della Svizzera italiana, Edizioni Casagrande, Bellinzona 2007, 295, 324, 325.
  • Giorgio Pagani, Ely Riva, San Pietro di Orlino, La Buona Stampa, Lugano 2010.
  • Dalmazio Ambrosioni, Orlino, il fascino discreto di storia, religiosità e arte, in Giornale del Popolo del 25 giugno 2010, La Buona Stampa, Lugano 2010, 8.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN235218987 · GND: (DE4529936-5
Ticino Portale Ticino: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Ticino