Cureggia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cureggia
frazione
Localizzazione
Stato Svizzera Svizzera
Cantone Flag of Canton of Tessin.svg Ticino
Distretto Lugano
Comune Lugano-coat of arms.svg Lugano
Territorio
Coordinate 46°01′13″N 8°59′03″E / 46.020278°N 8.984167°E46.020278; 8.984167 (Cureggia)Coordinate: 46°01′13″N 8°59′03″E / 46.020278°N 8.984167°E46.020278; 8.984167 (Cureggia)
Altitudine 655 m s.l.m.
Superficie 0,67 km²
Abitanti 177 (31.12.2012)
Densità 264,18 ab./km²
Frazioni confinanti Brè-Aldesago, Pregassona e Viganello
Altre informazioni
Lingue Italiano
Cod. postale 6963
Prefisso 091
Fuso orario UTC+1
Cartografia
Mappa di localizzazione: Svizzera
Cureggia
Cureggia
Cureggia – Mappa
Localizzazione del quartiere di Cureggia nel territorio comunale di Lugano

Cureggia è un quartiere della città di Lugano, nel Canton Ticino. Fino al 2004 è stato un comune indipendente.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il quartiere di Cureggia è citato per la prima volta come Curezia in un documento del 1329, in cui sono indicati i diritti giuridici a favore del vescovo di Como. Il toponimo ricompare nel 1454 in occasione di una vendita di terreni alla Comunanza di Sonvico e, nel XV secolo, quando Cureggia deve fornire un soldato al Duca di Milano, che governava la regione.

Fino al 1956 il quartiere di Cureggia risultava in un quasi isolamento, poiché a causa della sua posizione era raggiungibile unicamente attraverso un sentiero sassoso che risaliva la montagna dal quartiere di Pregassona verso Brè-Aldesago. L'inaugurazione di una strada nel 1956 ha favorito lo sviluppo del quartiere, che è divenuto la residenza di personaggi celebri del cinema come Karlheinz Böhm, Sabina Bethmann e il regista Arthur Maria Rabenalt.

Il quartiere di Cureggia è attualmente il punto di partenza di numerosi sentieri che permettono di raggiungere l'Alpe Bolla, l'Alpe Pietrarossa, il Monte Boglia, il panoramico quartiere di Brè e i Denti della Vecchia.

Persone legate a Cureggia[modifica | modifica wikitesto]

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Bernhard Anderes, Guida d'Arte della Svizzera Italiana, Edizioni Trelingue, Porza-Lugano 1980, 275.
  • AA.VV., Guida d'arte della Svizzera italiana, Edizioni Casagrande, Bellinzona 2007, 295, 326.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Ticino Portale Ticino: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Ticino