Tom Sturridge

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Tom Sturridge nel 2022

Thomas "Tom" Sidney Jerome Sturridge (Londra, 5 dicembre 1985) è un attore britannico, noto per i suoi ruoli in The Sandman, La diva Julia - Being Julia, Symbiosis - Uniti per la morte, I Love Radio Rock e On the Road.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

È figlio del regista Charles Sturridge e dell'attrice Phoebe Nicholls; è nipote dell'attore Anthony Nicholls e dell'attrice Faith Kent[1]. È il primogenito di tre figli: i suoi fratelli più giovani sono Arthur e Matilda. Anche Matilda è un'attrice, e il fratello Arthur è stato un membro del cast originale dello sketch School of Comedy, andato in onda nell'emittente televisiva britannica E4 dopo il successo al Fringe Festival di Edimburgo. Tom Sturridge ha frequentato il Winchester College, ma presto abbandonò gli studi. I fratelli Arthur e Matilda invece hanno studiato nell'Harrodian School, stessa scuola di Robert Pattinson[2], che è diventato un caro amico di Tom.

Sturridge debuttò nel mondo dello spettacolo come attore da bambino nel 1996 nell'adattamento televisivo de I viaggi di Gulliver, diretto da suo padre e co-interpretato dalla madre. Nel 2004 ha recitato nei film La fiera della vanità e La diva Julia - Being Julia. Nel 2006 ha interpretato il ruolo di Nigel nel thriller psicologico Symbiosis - Uniti per la morte. Inizialmente è stato proposto come protagonista per il film di fantascienza Jumper - Senza confini, uscito nel 2008. Tuttavia i produttori della New Regency e della 20th Century Fox, per non rischiare di spendere oltre 100 milioni di dollari per un film interpretato da un attore poco noto[3], hanno deciso di optare per l'attore canadese Hayden Christensen, più conosciuto di Tom.

Nel 2009 ha recitato nei panni di Carl, uno dei personaggi principali, nella commedia I Love Radio Rock, diretta da Richard Curtis, accanto a Bill Nighy, Rhys Ifans e Philip Seymour Hoffman. Nel settembre del 2009 debuttò in teatro con Punk Rock, una nuova commedia di Simon Stephens al Lyric Hammersmith Theatre di Londra. Grazie a questa performance è stato nominato miglior attore emergente nel 2009 all'Evening Standard Theatre Awards. Sempre nel 2009 ha ottenuto il Critics' Circle Theatre Award nella stessa categoria.

Ha recitato a fianco di Rachel Bilson (che avrebbe dovuto essere la sua co-protagonista in Jumper) nel film indipendente Waiting for Forever. Recentemente è stato scritturato per Maestro, film basato sull'omonimo romanzo di Peter Goldsworthy, diretto da Catherine Jarvis. Nel 2012 ha recitato a fianco di Kristen Stewart, Sam Riley e Garrett Hedlund nel film On the Road, il quale è stato presentato in concorso al Festival di Cannes 2012.

Nel 2013 ha interpretato il pittore John Everett Millais nel film Effie Gray - Storia di uno scandalo e ha fatto il suo debutto a Broadway recitando con Alec Baldwin nel dramma Orphans, per cui ha ricevuto una candidatura al Tony Award al miglior attore protagonista in un'opera teatrale.

Dopo aver recitato in Via dalla pazza folla nel 2014, nel 2015 è tornato sulle scene londinesi nel dramma di David Mamet American Buffalo, in cui ha recitato accanto a John Goodman e Damian Lewis; per la sua interpretazione ha ricevuto una nomination al Laurence Olivier Award al miglior attore non protagonista. Nel 2016 ha interpretato Enrico VI d'Inghilterra nella seconda stagione di The Hollow Crown, recitando dunque come protagonista dell'adattamento televisivo delle opere di Shakespeare Enrico VI parte 1, 2 e 3.

Nel 2017 è tornato a Broadway per interpretare il protagonista Winston in un adattamento teatrale del romanzo 1984 e ha recitato nei film Song to Song, 1918 - I giorni del coraggio e Mary Shelley - Un amore immortale, in cui ha interpretato Lord Byron. Nel 2019 ha recitato con Jake Gyllenhaal nel film Velvet Buzzsaw e nella pièce Sea Wall/A Life all'Hudson Theatre di Broadway, ricevendo una seconda candidatura al Tony Award al miglior attore protagonista in un'opera teatrale.[4]

Nel 2022 interpreta il protagonista Lord Morpheus nella serie televisiva di Netflix The Sandman.[5]

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Dal 2011 al 2014 ha avuto una relazione con l'attrice Sienna Miller. Il 7 luglio 2012 è nata la loro figlia, Marlowe Ottoline Layng.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

Premi e candidature[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatori italiani[modifica | modifica wikitesto]

Nelle versioni in italiano delle opere in cui ha recitato, Tom Sturridge è stato doppiato da:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ British Film Institute, su ftvdb.bfi.org.uk. URL consultato il 30-05-2010 (archiviato dall'url originale il 4 settembre 2009).
  2. ^ (EN) Biography for Robert Pattinson, su imdb.com, Internet Movie Database. URL consultato il 25-03-2009.
  3. ^ (EN) Hayden in on Jumper, su JoBlo.com. URL consultato il 30-05-2010.
  4. ^ (EN) Peter Libbey, Full List of the 2020 Tony Award Nominees, in The New York Times, 15 ottobre 2020. URL consultato il 10 agosto 2022.
  5. ^ (EN) Dino-Ray Ramos, Dino-Ray Ramos, Neil Gaiman’s ‘The Sandman’ Casts Tom Sturridge, Gwendoline Christie, Vivienne Acheampong, Boyd Holbrook, Charles Dance, Nina Wadia, Asim Chaudhry And Sanjeev Bhaskar, su Deadline, 28 gennaio 2021. URL consultato il 10 agosto 2022.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN61342791 · ISNI (EN0000 0001 1654 8108 · LCCN (ENno2008012028 · GND (DE1062429958 · BNE (ESXX4610360 (data) · BNF (FRcb17035486m (data) · J9U (ENHE987010188923305171 · CONOR.SI (SL239077731 · WorldCat Identities (ENlccn-no2008012028