Lyric Theatre (Hammersmith)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Lyric Theatre
The lyric hammersmith.jpg
Il Lyric Theatre nel 2005
Ubicazione
StatoRegno Unito Regno Unito
LocalitàLondra
IndirizzoLyric Square
Dati tecnici
CapienzaMain House: 550
Studio: 110 posti
Realizzazione
Inaugurazione1895
ArchitettoFrank Matcham
ProprietarioLyric Theatre Hammersmith Ltd
Sito ufficiale

Coordinate: 51°29′35.02″N 0°13′35″W / 51.49306°N 0.22639°W51.49306; -0.22639

Il Lyric Theatre o Lyric Hammersmith è un teatro londinese sito nel quartiere di Hammersmith e Fulham.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il Lyric Theatre nacque come Music Hall nel 1888 e successivamente fu restaurato e ampliato dall'architetto Frank Matcham, che lo approntò per l'uso moderno nel 1895, quando riaprì al pubblico come The New Lyric Opera House.[1] Nel 1966 il teatro stava per essere chiuso e demolito ma una petizione di cittadini del quartiere salvò l'edificio, che fu ristrutturato e riaperto al pubblico nel 1979.[2] Il teatro ha due spazi scenici principali, una Main House per 550 spettatori e lo Studio, che ne ospita 120. Nel 2011 il teatro è stato premiato con il Premio Laurence Olivier.

Nel corso della sua storia il teatro ha ospitato numerosi allestimenti di rilievo di classici del teatro antico, rinascimentale e moderno, tra cui Le baccanti (2005), A Raisin in the Sun (2005), Giulio Cesare (2005), Cimbelino (2006), Angels in America - Fantasia gay su temi nazionali (2007), Tre sorelle (2010), Blasted (2010), Sogno di una notte di mezza estate (2012), Desiderio sotto gli olmi (2012), Shopping and Fucking (2016), Rumori fuori scena (2019) e Casa di bambola (2019).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) ABOUT, su FRANK MATCHAM SOCIETY. URL consultato il 20 gennaio 2021.
  2. ^ (EN) Jessie Thompson, Rachel O'Riordan will take over from Sean Holmes at Lyric Hammersmith, su www.standard.co.uk, 7 settembre 2018. URL consultato il 20 gennaio 2021.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN132642302 · LCCN (ENn88649235 · WorldCat Identities (ENlccn-n88649235